Caso Iannone: la WADA va al TAS e chiede 4 anni di squalifica!

Oggi è stato ufficializzato il ricorso presentato dal pilota di Vasto per annullare i 18 mesi di squalifica per doping. A sua volta però l'Agenzia antidoping chiede che venga portata a 4 anni.

Caso Iannone: la WADA va al TAS e chiede 4 anni di squalifica!

Le voci si inseguivano ormai da qualche giorno e ora il TAS ha dato la conferma: Andrea Iannone non è stato il solo a presentare appello al TAS per la squalifica di 18 mesi che gli è stata imposta dalla FIM in seguito alla positività al Drostonalone riscontrata in occasione del Gran Premio della Malesia.

Nonostante il primo grado di giudizio avesse riconosciuto la contaminazione alimentare e quindi l'assenza di dolo da parte del pilota dell'Aprilia, anche la WADA, ovvero l'Agenzia Anti-Doping Mondiale ha deciso di scendere in campo, presentando a sua volta appello.

La richiesta del pilota di Vasto è l'annullamento della sospensione di 18 mesi, che ha già iniziato il suo decorso lo scorso 17 dicembre, quando gli è stata notificata la positività di Sepang.

La WADA, che in un primo momento sembrava volersi defilare dalla vicenda, è invece tornata sui suoi passi e la sua richiesta è veramente pesante, perché per Andrea chiede il massimo della pena, ovvero quattro anni di squalifica.

Una richiesta che appare insensata alla luce di quello che è stata la sentenza emessa dalla FIM. A quanto pare, però, l'agenzia antidoping vuole evitare che anche il Drostonalone possa diventare una sostanza riconosciuta tra quelle assimilabili tramite una contaminazione alimentare.

Leggi anche:

Se così fosse, però, si sarebbe un po' perso il senso di questo appello, perché Iannone si ritroverebbe ad essere sacrificato incolpevolmente per la crociata della WADA, che sembra intenzionata a mandare un messaggio forte agli atleti di tutto il mondo.

Una squalifica così lunga, ma anche solo la conferma dei 18 mesi, sarebbe una sentenza definitiva sulla carriera di Iannone, visto che dall'esito dell'appello dipende il suo eventuale rinnovo con l'Aprilia. Cosa che, tuttavia, non sembra preoccupare troppo la WADA, che pare badare soprattutto ai suoi interessi, nonostante fosse già più che discutibile la prima squalifica imposta all'abruzzese.

Tra l'altro, per l'Aprilia oltre al danno c'è anche la beffa, perché la cosa è stata annunciata proprio oggi che la Casa di Noale aveva ufficializzato il rinnovo fino al 2022 di Aleix Espargaro. Inevitabilmente, questa cosa finirà anche per togliere visibilità alla conferma del pilota spagnolo, prima pietra di un futuro che il marchio italiano spera possa essere ricco di soddisfazioni.

Il comunicato diffuso nel pomeriggio del TAS per ora non si sbilancia a livello di date per quanto riguarda il verdetto, aggiungendo solo che il calendario procedurale per il deposito delle memorie scritte è in corso di definizione, ma che non è ancora stata fissata una data d'udienza.

condivisioni
commenti
Aprilia: ufficiale il rinnovo biennale di Aleix Espargaro

Articolo precedente

Aprilia: ufficiale il rinnovo biennale di Aleix Espargaro

Prossimo Articolo

Perché Honda firma Pol Espargaro e cosa farà Alex Marquez?

Perché Honda firma Pol Espargaro e cosa farà Alex Marquez?
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021