Caso Iannone: la WADA va al TAS e chiede 4 anni di squalifica!

Oggi è stato ufficializzato il ricorso presentato dal pilota di Vasto per annullare i 18 mesi di squalifica per doping. A sua volta però l'Agenzia antidoping chiede che venga portata a 4 anni.

Caso Iannone: la WADA va al TAS e chiede 4 anni di squalifica!
Carica lettore audio

Le voci si inseguivano ormai da qualche giorno e ora il TAS ha dato la conferma: Andrea Iannone non è stato il solo a presentare appello al TAS per la squalifica di 18 mesi che gli è stata imposta dalla FIM in seguito alla positività al Drostonalone riscontrata in occasione del Gran Premio della Malesia.

Nonostante il primo grado di giudizio avesse riconosciuto la contaminazione alimentare e quindi l'assenza di dolo da parte del pilota dell'Aprilia, anche la WADA, ovvero l'Agenzia Anti-Doping Mondiale ha deciso di scendere in campo, presentando a sua volta appello.

La richiesta del pilota di Vasto è l'annullamento della sospensione di 18 mesi, che ha già iniziato il suo decorso lo scorso 17 dicembre, quando gli è stata notificata la positività di Sepang.

La WADA, che in un primo momento sembrava volersi defilare dalla vicenda, è invece tornata sui suoi passi e la sua richiesta è veramente pesante, perché per Andrea chiede il massimo della pena, ovvero quattro anni di squalifica.

Una richiesta che appare insensata alla luce di quello che è stata la sentenza emessa dalla FIM. A quanto pare, però, l'agenzia antidoping vuole evitare che anche il Drostonalone possa diventare una sostanza riconosciuta tra quelle assimilabili tramite una contaminazione alimentare.

Leggi anche:

Se così fosse, però, si sarebbe un po' perso il senso di questo appello, perché Iannone si ritroverebbe ad essere sacrificato incolpevolmente per la crociata della WADA, che sembra intenzionata a mandare un messaggio forte agli atleti di tutto il mondo.

Una squalifica così lunga, ma anche solo la conferma dei 18 mesi, sarebbe una sentenza definitiva sulla carriera di Iannone, visto che dall'esito dell'appello dipende il suo eventuale rinnovo con l'Aprilia. Cosa che, tuttavia, non sembra preoccupare troppo la WADA, che pare badare soprattutto ai suoi interessi, nonostante fosse già più che discutibile la prima squalifica imposta all'abruzzese.

Tra l'altro, per l'Aprilia oltre al danno c'è anche la beffa, perché la cosa è stata annunciata proprio oggi che la Casa di Noale aveva ufficializzato il rinnovo fino al 2022 di Aleix Espargaro. Inevitabilmente, questa cosa finirà anche per togliere visibilità alla conferma del pilota spagnolo, prima pietra di un futuro che il marchio italiano spera possa essere ricco di soddisfazioni.

Il comunicato diffuso nel pomeriggio del TAS per ora non si sbilancia a livello di date per quanto riguarda il verdetto, aggiungendo solo che il calendario procedurale per il deposito delle memorie scritte è in corso di definizione, ma che non è ancora stata fissata una data d'udienza.

condivisioni
commenti
Aprilia: ufficiale il rinnovo biennale di Aleix Espargaro
Articolo precedente

Aprilia: ufficiale il rinnovo biennale di Aleix Espargaro

Prossimo Articolo

Perché Honda firma Pol Espargaro e cosa farà Alex Marquez?

Perché Honda firma Pol Espargaro e cosa farà Alex Marquez?
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021