Caso Iannone: la WADA va al TAS e chiede 4 anni di squalifica!

Oggi è stato ufficializzato il ricorso presentato dal pilota di Vasto per annullare i 18 mesi di squalifica per doping. A sua volta però l'Agenzia antidoping chiede che venga portata a 4 anni.

Caso Iannone: la WADA va al TAS e chiede 4 anni di squalifica!

Le voci si inseguivano ormai da qualche giorno e ora il TAS ha dato la conferma: Andrea Iannone non è stato il solo a presentare appello al TAS per la squalifica di 18 mesi che gli è stata imposta dalla FIM in seguito alla positività al Drostonalone riscontrata in occasione del Gran Premio della Malesia.

Nonostante il primo grado di giudizio avesse riconosciuto la contaminazione alimentare e quindi l'assenza di dolo da parte del pilota dell'Aprilia, anche la WADA, ovvero l'Agenzia Anti-Doping Mondiale ha deciso di scendere in campo, presentando a sua volta appello.

La richiesta del pilota di Vasto è l'annullamento della sospensione di 18 mesi, che ha già iniziato il suo decorso lo scorso 17 dicembre, quando gli è stata notificata la positività di Sepang.

La WADA, che in un primo momento sembrava volersi defilare dalla vicenda, è invece tornata sui suoi passi e la sua richiesta è veramente pesante, perché per Andrea chiede il massimo della pena, ovvero quattro anni di squalifica.

Una richiesta che appare insensata alla luce di quello che è stata la sentenza emessa dalla FIM. A quanto pare, però, l'agenzia antidoping vuole evitare che anche il Drostonalone possa diventare una sostanza riconosciuta tra quelle assimilabili tramite una contaminazione alimentare.

Leggi anche:

Se così fosse, però, si sarebbe un po' perso il senso di questo appello, perché Iannone si ritroverebbe ad essere sacrificato incolpevolmente per la crociata della WADA, che sembra intenzionata a mandare un messaggio forte agli atleti di tutto il mondo.

Una squalifica così lunga, ma anche solo la conferma dei 18 mesi, sarebbe una sentenza definitiva sulla carriera di Iannone, visto che dall'esito dell'appello dipende il suo eventuale rinnovo con l'Aprilia. Cosa che, tuttavia, non sembra preoccupare troppo la WADA, che pare badare soprattutto ai suoi interessi, nonostante fosse già più che discutibile la prima squalifica imposta all'abruzzese.

Tra l'altro, per l'Aprilia oltre al danno c'è anche la beffa, perché la cosa è stata annunciata proprio oggi che la Casa di Noale aveva ufficializzato il rinnovo fino al 2022 di Aleix Espargaro. Inevitabilmente, questa cosa finirà anche per togliere visibilità alla conferma del pilota spagnolo, prima pietra di un futuro che il marchio italiano spera possa essere ricco di soddisfazioni.

Il comunicato diffuso nel pomeriggio del TAS per ora non si sbilancia a livello di date per quanto riguarda il verdetto, aggiungendo solo che il calendario procedurale per il deposito delle memorie scritte è in corso di definizione, ma che non è ancora stata fissata una data d'udienza.

condivisioni
commenti
Aprilia: ufficiale il rinnovo biennale di Aleix Espargaro

Articolo precedente

Aprilia: ufficiale il rinnovo biennale di Aleix Espargaro

Prossimo Articolo

Perché Honda firma Pol Espargaro e cosa farà Alex Marquez?

Perché Honda firma Pol Espargaro e cosa farà Alex Marquez?
Carica commenti
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021
Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio Prime

Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio

La scomparsa di Jason Dupasquier a seguito dell'incidente di cui è stato vittima al Mugello ha alimentato una serie di polemiche e speculazioni - paradossalmente - tra i non addetti ai lavori. Come insegna Bambi, "quando non sai che cosa dire, è meglio che non dici nulla". E sarebbe il caso di apprendere questa regola aurea, soprattutto davanti ad un lutto.

MotoGP
1 giu 2021
Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez" Prime

Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez"

La maturazione del pilota della Yamaha è evidente e con un pizzico di fortuna in più forse staremmo già parlando di un dominio incontrastato. Proprio come Marquez, Fabio sta dimostrando di saper andare anche oltre il valore del mezzo. E ora è davvero un peccato che lui e Marc non si possano battere alle pari...

MotoGP
1 giu 2021
Pagelle MotoGP: Quartararo senza rivali al Mugello Prime

Pagelle MotoGP: Quartararo senza rivali al Mugello

Tanti promossi e tanti bocciati tra i protagonisti del Gran Premio d'Italia. Le pagelle di quanto visto nel fine settimana al Mugello stilate e commentate dal direttore di Motorsport.com, Franco Nugnes, e dal responsabile MotoGP, Matteo Nugnes.

MotoGP
31 mag 2021