Iannone: "Il lavoro più grande per far crescere la Suzuki credo di averlo fatto io"

Il pilota di Vasto, secondo a Phillip Island, è orgoglioso del lavoro fatto quest'anno insieme ai tecnici di Hamamatsu, che ha reso la GSX-RR molto competitiva. Però c'è anche un po' di rammarico per l'imminente separazione.

Iannone: "Il lavoro più grande per far crescere la Suzuki credo di averlo fatto io"

Quella di Phillip Island sembrava un'occasione davvero ghiotta per Andrea Iannone per ritrovare una vittoria che a lui ed alla Suzuki mancava da un paio d'anni. Il grande ritmo mostrato per tutto il weekend del GP d'Australia lo aveva fatto indicare come il grande favorito per la gara di oggi. Tuttavia, un paio di erroririni di troppo e la battaglia con le Ducati gli hanno impedito di reggere il ritmo di Maverick Vinales, ma non di chiudere la gara al secondo posto, conquistando il suo quarto podio stagionale, il settimo per la Casa di Hamamatsu.

"Potevamo giocarcela, però può capitare di fare qualche errorino, perché dovevo spingere per cercare di arrivare sul rettilineo con un po' di margine per non farmi superare. E' andata così, ma alla fine sono stato bravo a riuscire a recuperare senza distruggere la gomma. La seconda posizione non è assolutamente un brutto risultato, soprattutto dopo una battaglia in cui ho dato il 100%. Alla fine ho fatto anche dei giri impressionanti, recuperando 1"5 su Vinales, però questo non è bastato" ha detto a caldo Andrea.

Poi il pilota di Vasto ha spiegato perché non è riuscito a sfruttare al massimo il potenziale della sua GSX-RR: "Le Ducati sono molto veloci sia in frenata che in rettilineo e noi quando siamo dietro di loro non riusciamo a sfruttare il nostro punto di forza, che è la percorrenza di curva e dell'inserimento, quindi alla fine abbiamo pagato questo. Abbiamo perso tempo dietro di loro".

In ogni caso, "The Maniac" ci ha creduto fino alla fine, anche se riprendere Vinales sarebbe stato quasi impossibile: "Ci ho provato ed ho anche rischiato di distruggere la gomma dietro. Negli ultimi due giri infatti avevo uno spinning ed uno slide impressionante, ma ho continuato a spingere perché volevo avvicinarmi il più possibile a Vinales. Ho recuperato 1"5 negli ultimi quattro giri, ma più di così era davvero difficile fare".

Leggi anche:

E la convinzione è che i risultati quest'anno avrebbero potuto essere anche migliori se lui e la Suzuki avessero deciso di continuare insieme anche l'anno prossimo: "Penso che noi quest'anno siamo cresciuti bene. Sono certo che il nostro rapporto fosse continuato, anche delle altre gare sarebbero potute andare meglio, facendo gruppo e sull'onda entusiasmo. Ormai io sono fuori da questo team, quindi i risultati che riesco a fare valgono doppio".

Andrea non ha nascosto anche il dispiacere, perché pensa di aver contribuito, e parecchio, alla crescita della GSX-RR: "Mi dispiace, perché penso che dopo un anno sofferto come il 2017 ho dato delle indicazioni importanti ed ho fatto crescere la moto. Alla fine è inutile prendersi in giro, il lavoro più grande per questo sviluppo insieme agli ingegneri penso di averlo fatto io. Ci sono ancora tante cose da migliorare, ma non sta più a me dire in che direzione bisogna andare. Io mi limito solo a lavorare per il mio weekend. Ma penso che se avessimo continuato insieme, avremmo potuto fare di più".

Quando poi gli è stato domandato come mai secondo lui la Suzuki abbia deciso di prendere una strada diversa, ha aggiunto: "Non lo so e non lo capirò mai, è difficile da dire. Il 2017 è stato un anno complicato per entrambi ed hanno deciso così. Avere Andrea Iannone in un team come questo, molte volte è comodo, ma può anche essere scomodo. Perché Iannone è un pilota che vuole vincere e pretende determinate cose. Suzuki ha preso un collaudatore ed ha messo insieme un test team in Europa per permettere tutto ciò. Il 2018 è andato in modo diverso, penso di aver dimostrato molto, soprattutto quando è arrivato il materiale legato alle mie richieste, i risultati hanno iniziato a venire sia con me che con Rins. Alla fine io sono contento di questo, di aver contribuito alla crescita della Suzuki".

Il futuro si chiama Aprilia e Iannone è molto motivato. Chiede solo a tutti di avere pazienza e non lasciarsi andare a giudizi affrettati: "Mi aspetto di dover partire da zero, ma sono molto carico. L'importante è che voi giornalisti non ricominciate a dire che sono finito se faccio 15esimo. Lavorerò come ho fatto l'anno scorso e quest'anno e piano piano torneremo su. Bisogna aver fiducia, io non l'ho mai persa e la dimostrazione è che oggi dovete dire che c'è un grande Iannone".

Informazioni aggiuntive di Oriol Puigdemont

Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
1/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
2/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Podio: il vincitore della gara Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing, il secondo classificato Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP, il terzo classificato Andrea Dovizioso, Ducati Team
Podio: il vincitore della gara Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing, il secondo classificato Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP, il terzo classificato Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
4/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
5/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il secondo classificato Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Il secondo classificato Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
6/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
7/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il secondo classificato Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Il secondo classificato Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
8/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
9/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
10/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Podio: il secondo classificato Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Podio: il secondo classificato Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
11/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
12/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
13/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Podio: il vincitore della gara Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing, il secondo classificato Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP, il terzo classificato Andrea Dovizioso, Ducati Team
Podio: il vincitore della gara Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing, il secondo classificato Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP, il terzo classificato Andrea Dovizioso, Ducati Team
14/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
15/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Podio: il secondo classificato Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Podio: il secondo classificato Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
16/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
17/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
18/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
19/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Podio: il secondo classificato Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Podio: il secondo classificato Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
20/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Zarco: "Mentre scivolavo pensavo che non mi sarei più fermato, che spavento!"
Articolo precedente

Zarco: "Mentre scivolavo pensavo che non mi sarei più fermato, che spavento!"

Prossimo Articolo

Che sfortuna Aleix Espargaro: un detrito della moto di Zarco lo ha colpito alla mano sinistra!

Che sfortuna Aleix Espargaro: un detrito della moto di Zarco lo ha colpito alla mano sinistra!
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia Prime

Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia

Annata quasi perfetta per Ducati, che conquista ogni corona iridata in MotoGP tranne quella del mondiale piloti. Moto da 9 che, nelle mani di Pecco Bagnaia, si candida come seria pretendente alla corona di Fabio Quartararo per il 2022.

MotoGP
2 dic 2021
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021