Iannone: "Gomma? La differenza l'ha fatta la gestione della gara"

Il ducatista riconosce l'importanza della gomma media per la vittoria, ma ritiene di aver gestito la corsa del Red Bull Ring meglio di Dovizioso. Resta solo un rammarico: "Peccato che con la Ducati ci separiamo, eravamo ad un livello importante".

Iannone: "Gomma? La differenza l'ha fatta la gestione della gara"
Il vincitore della gara Andrea Iannone, Ducati Team, il secondo classificato Andrea Dovizioso, Ducati Team
Il vincitore della gara Andrea Iannone, Ducati Team
Il vincitore della gara Andrea Iannone, Ducati Team
Il vincitore della gara Andrea Iannone, Ducati Team
Il poleman Andrea Iannone, Ducati Team
Il poleman Andrea Iannone, Ducati Team
Il poleman Andrea Iannone, Ducati Team
La partenza
Andrea Iannone, Ducati Team
Andrea Iannone, Ducati Team
Andrea Iannone, Ducati Team
Andrea Iannone, Ducati Team

Una domenica magica. E' quello che hanno vissuto Andrea Iannone e la Ducati al Red Bull Ring. Il pilota di Vasto ha conquistato la sua prima vittoria in MotoGP e contemporaneamente ha regalato alla Rossa un successo che mancava addirittura da Phillip Island del 2010. Il tutto condito da un duello tutto interno alla squadra di Borgo Panigale, nel quale ha avuto la meglio sulla Desmosedici GP gemella di Andrea Dovizioso.

"Sono veramente molto contento, perché abbiamo fatto una gara incredibile. Sono partito molto piano, ma ho cercato di stare davanti senza spingere troppo, perché sapevo che alla fine potevo avere qualcosa in meno perché ho montato la gomma media al posteriore, a differenza degli altri che avevano la dura. In griglia di partenza ero molto indeciso, ma poi ho chiuso gli occhi e mi sono detto che dovevo credere in me stesso. Con il mio ingegnere ci siamo presi la responsabilità di fare questa scelta, che secondo molti poteva essere un azzardo" ha detto Iannone a caldo ai microfoni di Sky Sport MotoGP HD, raccontando il suo azzardo della gomma a mescola media al posteriore.

Secondo il pilota di Vasto però non è stato questo a fare la differenza, quanto la sua ottima gestione della corsa: "Ho fatto tutta la gara con un po' di margine e per vincere deve essere così. La moto era molto a posto perché avevamo lavorato bene nel corso del weekend. Quando mi ha superato Dovi, credo che lui abbia utilizzato un'altra strategia, usando subito molta benzina, perché andava molto più forte sul rettilineo. Io facevo fatica anche a tenere dietro le Yamaha, ma questo mi ha permesso di sfruttare il massimo della benzina negli ultimi dieci giri e di aumentare il ritmo. Quando poi ho superato Dovi sono riuscito a fare lo strappettino che avevo nel taschino. Ora però questa è finita e speriamo di poterci ripetere con un altro weekend così".

Quando poi gli è stato chiesto se probabilmente il compagno di box fosse l'avversario più "comodo" con cui giocarsi la vittoria, ha replicato: "Di comodo in questo sport non esiste niente. Andrea era molto veloce, aveva una frenata incredibile e non era facile superarlo. Come avete potuto vedere, tra la gomma dura e la morbida non c'è tanta differenza, quindi penso che sia stata la gestione della gara a farla. Io sono partito piano all'inizio e vedevo che gli altri cercavano di superarmi, ma sono riuscito a rimanere davanti e questo è stato importante perché sapevo che nel finale potevo avere più grip da sfruttare".

Dopo tante critiche per gli errori di questa stagione, finalmente è il momento di festeggiare. Anche se resta un po' di rammarico per il fatto che lui e la Ducati prenderanno strade diverse: "Sicuramente me la godo, ma io mi godo anche i momenti brutti, perché mi insegnano sempre qualcosa. Noi abbiamo fatto un grande lavoro di squadra. Peccato che con la Ducati ci separiamo l'anno prossimo, perché avevamo raggiunto un livello davvero importante. Per il futuro comunque sono contento per le scelte che ho fatto".

Andrea poi si è un po' indispettito quando gli è stato detto che oggi ha dimostrato di essere capace di vincere: "Prima di arrivare in MotoGP ho vinto tante gare nelle altre classi, quindi avevo già dimostrato di poter essere capace di vincere. Credo che questa cosa non fosse in dubbio e che con una moto competitiva io e Dovizioso abbiamo buone possibilità di giocarcela. Poi è ovvio che tra giocarsela e vincere la linea è molto sottile, soprattutto in MotoGP. Anche Andrea è stato campione del mondo e non credo che si vincano a caso i Mondiali".

Non poteva mancare una battuta sulla tanto chiacchierata presenza di Belen Rodriguez nel suo box: "Belen e i ragazzi che sono venuti hanno portato tanta fortuna. Ma del resto, quando una persona ha un gran culo...".

condivisioni
commenti
Lorenzo: "Contento del successo Ducati. Nel 2017 saremo protagonisti"

Articolo precedente

Lorenzo: "Contento del successo Ducati. Nel 2017 saremo protagonisti"

Prossimo Articolo

Vinales: "Poca velocità di punta e poco grip mi hanno penalizzato"

Vinales: "Poca velocità di punta e poco grip mi hanno penalizzato"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP d'Austria
Sotto-evento Domenica, post-gara
Location Red Bull Ring
Piloti Andrea Iannone
Team Ducati Team
Autore Matteo Nugnes
Pagelle MotoGP: Miller perfetto, Mir cambia moto senza moto Prime

Pagelle MotoGP: Miller perfetto, Mir cambia moto senza moto

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Francia di MotoGP. Sulla pista di Le Mans, abbiamo assistito alla seconda vittoria in stagione di Jack Miller, praticamente perfetto sulla sua Ducati ufficiale. Di rimando, il campione del mondo in carica, Joan Mir, è protagonista di una situazione kafkiana...

Lap Chart MotoGP: la clamorosa rimonta di Bagnaia Le Mans Prime

Lap Chart MotoGP: la clamorosa rimonta di Bagnaia Le Mans

Il Gran Premio di Francia di MotoGP è stato uno degli eventi più carichi di colpi di scena della storia recente del motomondiale. Andiamo a ripercorrerlo nel dettaglio grazie alla nostra animazione grafica

MotoGP
17 mag 2021
MotoGP: la griglia di partenza del GP di Francia Prime

MotoGP: la griglia di partenza del GP di Francia

Andiamo a scoprire insieme la griglia di partenza del Gran premio di Francia di MotoGP, quinta prova del campionato 2021

MotoGP
16 mag 2021
MotoGP: come si affronta il GP di Francia Prime

MotoGP: come si affronta il GP di Francia

La MotoGP si appresta a vivere il suo quinto fine settimana di gare del 2021. La pista di Le Mans ospita il Gran Premio di Francia: andiamo a scoprirne segreti e curiosità in questo nostro giro di pista virtuale

MotoGP
14 mag 2021
Ceccarelli: “Arriva anche la telemetria per i piloti” Prime

Ceccarelli: “Arriva anche la telemetria per i piloti”

Torna l'appuntamento con la rubrica del mercoledì firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci parlano di come la ricerca medica si sia evoluta per andare ad assistere i piloti nelle fasi di guida, recependo dati telemetrici utili al fine di migliorare le performance

MotoGP
12 mag 2021
MotoGP: scatta l'allarme sicurezza per le velocità troppo alte Prime

MotoGP: scatta l'allarme sicurezza per le velocità troppo alte

I paurosi incidenti visti a Jerez hanno fatto scattare l'allarme tra i piloti per le velocità elevate raggiunte dalle MotoGP, ma convincere i costruttori a fare un passo indietro sembra davvero difficile.

MotoGP
7 mag 2021
Rossi: quanto è amaro dirsi addio Prime

Rossi: quanto è amaro dirsi addio

Valentino Rossi sta attraversando il più difficile avvio di stagione della carriera. Appena quattro punti in altrettante gare. Lontano dalla top15, il Dottore rischia di vivere una lenta stagione da incubo in attesa di ufficializzare una decisione che, onestamente, sarebbe stato bene intraprendere anni fa

MotoGP
5 mag 2021
Ceccarelli: "Un allarme per la MotoGP il guaio di Quartararo" Prime

Ceccarelli: "Un allarme per la MotoGP il guaio di Quartararo"

Franco Nugnes, in compagnia del Dottor Ceccarelli, affronta il tema dell'ennesimo caso di sindrome compartimentale in MotoGP. Fabio Quartararo si è dovuto arrendere al dolore durante il GP di Spagna: classe regina in allarme?

MotoGP
5 mag 2021