Iannone: "Far pentire la Suzuki? Non sono così presuntuoso da dire una cosa del genere"

Il pilota di Vasto, entuasiata per un passaggio in Aprilia nel 2019 di cui è già entusiasta, ha ribadito che per le ultime 13 gare di quest'anno penserà solo a far crscere la GSX-RR e magari a riportare la Casa di Hamamatsu alla vittoria.

Iannone: "Far pentire la Suzuki? Non sono così presuntuoso da dire una cosa del genere"
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP

Negli ultimi giorni si è parlato tantissimo del cambio di casacca di Jorge Lorenzo, ma anche Andrea Iannone ha dato una svolta importante alla sua carriera: nella prossima stagione il pilota di Vasto andrà a formare un binomio tutto italiano con l'Aprilia ed oggi, all'arrivo a Barcellona, dove domenica si correrà il GP di Catalogna, è parso piuttosto carico per questa decisione.

"Sono sicuramente molto contento, altrimenti non avrei preso questa decisione. Per me non è un semplice cambio di marca, ma è un impegno molto diverso. Abbiamo un contratto molto particolare, con dei risvolti davvero interessanti, che potrebbe anche non limitarsi a solo due anni, ma diventare molto più lungo. Credo in questo progetto e in questa sfida e, anche se dovrò ripartire un po' da zero, non ho paura. Ho grande fiducia in questa casa italiana e penso di poter portare tante cose utili" ha detto Andrea.

"Io devo dire che Aprilia si è impegnata e si sta impegnando al 200%. Sono molto soddisfatto del trattamento che mi hanno riservato e dei giudizi che hanno nei miei confronti. Cercheremo di costruire a 360 gradi una situazione che possa portarci ad essere competitivi, perché le gare le faccio per uno scopo e credo che per una casa sia la stessa cosa" ha aggiunto.

Davanti però ci sono altre 13 gare da correre in sella ad una Suzuki che nelle ultime uscite gli ha permesso di inserirsi con una certa costanza nella lotta per il podio. Iannone quindi ci tiene a rimanere concentrato e a far crescere la GSX-RR, senza pensieri legati all'idea di far pentire la Suzuki sulla scelta di non aver proseguito il rapporto con lui.

"Non sono cosi presuntuoso da poter dire una cosa del genere. Ormai quel che è fatto, è fatto, quindi non serve neanche prenderla così. Dobbiamo pensare che abbiamo ancora più di metà campionato davanti per cercare di rendere la nostro moto sempre più competitiva. Mi piacerebbe vincere una gara in questo campionato e mi piacerebbe essere più vicino al top in alcuni aspetti che al momento ci limitano".

Il pilota di Vasto è già passato da una situazione simile in passato, perché due anni fa aveva annunciato il suo passaggio alla Suzuki al Mugello. In quell'occasione la Ducati ha continuato a fornirgli il materiale migliore fino al termine della stagione, ma si aspetta che anche la Suzuki faccia la stessa cosa quest'anno.

"In Ducati Dall'Igna non mi ha mai fatto mancare niente. Ho continuato a lavorare allo sviluppo e mi hanno sempre dato il materiale migliore fino alla fine del campionato. La mia moto è sempre stata ufficiale. Ho vinto in Austria e ho anche fatto podio all'ultima gara a Valencia, rientrando da due mesi di infortunio alla schiena. Quindi non ho niente da dire. Qui non lo so, lo scopriremo, ma mi auguro che la Suzuki continui a farmi sviluppare la moto e a fornirmi tutto il materiale per migliorare le performance della GSX-RR. Ma non credo che ci siano dubbi, perché il nostro obiettivo comune è continuare a lottare per rimanere al top".

Dal punto di vista degli stimoli poi ha assicurato che questi non verranno meno pur sapendo di andare via a fine anno: "Non cambia niente. Gli stimoli sono gli stessi, vai in moto perché vuoi vincere e la moto la senti comunque tua. Fino alla fine del campionato quella sarà la mia moto, quella con cui dovrò provare a fare del mio meglio".

Informazioni aggiuntive di Lena Buffa

condivisioni
commenti
Il futuro di Pedrosa rimane nebuloso: "Non ci sono novità, ho buone offerte ma non ho deciso!"
Articolo precedente

Il futuro di Pedrosa rimane nebuloso: "Non ci sono novità, ho buone offerte ma non ho deciso!"

Prossimo Articolo

Valentino "benedice" Pedrosa: "Sarebbe interessante vedere Dani sulla Yamaha"

Valentino "benedice" Pedrosa: "Sarebbe interessante vedere Dani sulla Yamaha"
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021