Iannone commosso: "E' stato difficile essere Iannone nell'ultimo anno"

Dopo aver ritrovato ad Austin un podio che gli mancava da Valencia 2016, il pilota della Suzuki è concesso qualche lacrima parlando dei momenti difficili del 2017: "Sono stato più forte delle voci che la gente mi sputava addosso".

Iannone commosso: "E' stato difficile essere Iannone nell'ultimo anno"
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP, Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Podio: il secondo classificato Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing, il vincitore della gara Marc Marquez, Repsol Honda Team, il terzo classificato Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Marc Marquez, Repsol Honda Team, Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Conferenza stampa: Marc Marquez, Repsol Honda Team, Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP, Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Marc Marquez, Repsol Honda Team, Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP, Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Top3 Qualifiche: Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing, Marc Marquez, Repsol Honda Team, Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP

Nell'immaginario collettivo, Andrea Iannone è un pilota grintoso, che non ha mai paura di niente. Oggi ad Austin però è venuto fuori un lato molto umano del pilota della Suzuki, che gli ha fatto scrivere due belle pagine di sport.

La prima in pista, quando con la sua GSX-RR è finalmente tornato a far vedere a tutti ciò di cui è capace, battagliando per le posizioni di vertice per tutta la corsa e portandosi a casa un terzo posto che gli è valso il suo primo podio con la Casa di Hamamatsu, ma anche il ritorno nella top 3 da Valencia 2016.

La seconda quando il duro Iannone non ha avuto paura a mettersi a "nudo", lasciandosi andare ad una commozione liberatoria davanti alle telecamere di Sky Sport MotoGP: "Sono stato più forte di tutte le voci che la gente mi sputava addosso" ha detto con la voce rotta dal magone, subito dopo aver spiegato l'importanza del risultato odierno per il suo morale.

"Sono molto contento e voglio godermi questo risultato questa settimana, perché ho passato un anno e mezzo in cui è stato molto difficile essere Andrea Iannone. E' stato difficile, ma ne siamo venuti fuori".

"Io nel 2016 venivo da un anno positivo, poi ovviamente tutti avevano delle aspettative molto alte nei miei confronti, e chiaramente questo fa piacere, però se non riesci a soddisfarle e deludi ti torna tutto indietro come un boomerang. Io ho incassato tanto e a volte stavo per esplodere, quindi devo ringraziare tutte le persone che mi sono state vicine e mi hanno sempre supportato".

Tra le altre cose, il pilota di Vasto ha raccontato anche un episodio molto importante, un incontro con il suo capotecnico Marco Rigamonti, che ha permesso ad entrambi di resettare e di ripartire con nuove basi.

"C'è stato un periodo in cui bisognava resettare un po' tutto. Ho avuto un incontro in Italia con il mio ingegnere Marco Rigamonti, perché stavamo vivendo un momento non positivo per entrambi. Penso che sia servito e che ci abbia fatto bene confrontarci da uomo a uomo, perché ha portato a qualcosa di costruttivo. Siamo tornati dove vorremo essere sempre. Non sarà facile rimanerci per tutto l'anno, ma continueremo a lavorare per farlo".

Ovviamente però non poteva mancare anche una disamina tecnica e, nonostante il terzo posto, Andrea ha raccontato di aver dovuto lottare contro una GSX-RR piuttosto "imbizzarrita".

"Secondo me se la moto fosse somigliata un pochino meno ad un toro, avremmo potuto fare anche meglio. Ho lottato molto, perché si muoveva tanto. Comunque siamo migliorati tanto nel corso del weekend, quindi sono molto soddisfatto e contento".

"Su questa pista ci sono tante buche e la moto era nervosa, perché in accelerazione scivoliamo un pochino e questo innesca dei movimenti particolari. Anche in staccata se freni con troppa aggressività, diventa un po' nervosa e fai fatica ad inserirla, ma è un aspetto su cui stiamo lavorando per cercare di migliorare".

Oggi ha avuto anche l'opportunità di osservare da vicino il comportamento della Honda e della Yamaha. La cosa però non ha fatto altro che confermargli una volta di più quali sono i punti deboli ed i punti forti della Suzuki.

"Noi abbiamo un buon inserimento nei curvoni veloci e siamo molto efficaci nei cambi di direzione. Però quando prendiamo il gas e dobbiamo alzare la moto, scivoliamo molto più di loro, quindi loro riescono ad accelerare meglio. Sapevamo già che dobbiamo risolvere questo problema, non sarà facile perché è un mix tra telaio ed elettronica, ma dobbiamo vedere dove possiamo arrivare".

condivisioni
commenti
Marquez se la ride: "Gara lunga, ho fatto troppi giri da solo"

Articolo precedente

Marquez se la ride: "Gara lunga, ho fatto troppi giri da solo"

Prossimo Articolo

Fotogallery: Marquez vince il GP delle Americhe di MotoGP

Fotogallery: Marquez vince il GP delle Americhe di MotoGP
Carica commenti
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021