I piloti chiedono maggior rigidità sulla regola dei track limits

Aleix Espargaro in particolare ha rivelato che i piloti hanno spinto molto per far sì che le regole sui track limits in MotoGP siano più severe di quelle attuali.

I piloti chiedono maggior rigidità sulla regola dei track limits

Le attuali regole sui track limits in MotoGP stabiliscono che nelle gare un pilota può correre sull'area verde fuori dai cordoli per tre volte prima di ricevere un avvertimento. Un pilota è quindi autorizzato a un'altra violazione dei limiti della pista prima che una quinta violazione gli faccia guadagnare una penalità di un long lap penalty o una sanzione sul tempo.

La MotoGP ha dato un giro di vite al controllo dei track limits per il 2021, installando sensori di pressione sulle aree verdi per verificare con maggiore accuratezza i piloti che violano le regole e impedire loro di guadagnare un vantaggio. Tuttavia, le regole sui track limits MotoGP sono state sotto tiro nelle ultime gare, in particolare per una serie di incidenti al Mugello.

Nella gara della Moto2, Joe Roberts ha perso il podio per aver corso sull'area dipinta di verde alla Curva 6 durante l'ultimo giro, poiché la direzione di gara ha ritenuto che i piloti guadagnassero mezzo secondo facendo così in quel punto del circuito. In MotoGP, Miguel Oliveira è stato retrocesso al terzo posto dietro Joan Mir per aver fatto lo stesso di Roberts, salvo poi essere riammesso in seconda posizione quando è stato visto che anche il pilota Suzuki aveva commesso la stessa infrazione.

Affrontando le voci di un potenziale cambiamento delle regole sui track limits, nel venerdì del Gran Premio d’Olanda Aleix Espargaro ha detto che c’erano discussioni in corso per rendere il regolamento più rigido: “La mia opinione è che, se decidessi la regola, i piloti potrebbero avere solo una possibilità di andare sul verde e la seconda garantirebbe un long lap penalty. Perché dovresti avere quattro possibilità di toccare il verde?”.

"In passato era molto scivoloso, non era asfalto – prosegue il pilota Aprilia – Quindi, se la toccavi una volta perdevi tre, quattro secondi, o se era qui ad Assen e pioveva la notte prima potevi cadere. Quindi perché permettiamo di toccare il verde quattro volte? Non capisco questa regola, quindi stiamo spingendo molto negli ultimi mesi per rimuoverla. Spero che sia giusta un’ammonizione alla prima uscita, in termini di sicurezza, ma sulla seconda si ottiene un long lap penalty. Devono decidere e spero che sia così”.

Il leader del mondiale Fabio Quartararo aveva già detto in precedenza, a proposito dei track limits, che la MotoGP stava esagerando con questa regola, prendendo di mira in particolare la penalità di tre secondi che ha ricevuto a Barcellona per aver tagliato la prima chicane e non aver ceduto la posizione a Jack Miller. Questa affermazione aveva creato tensioni e i due avevano avuto uno scambio teso su questa regola durante la conferenza stampa del giovedì al Sachsenring, dove Miller ha notato che i piloti della Safety Commission  hanno spinto per fare di più sui track limits come una questione di sicurezza.

condivisioni
commenti
Morbidelli operato: percorso di riabilitazione di 8 settimane

Articolo precedente

Morbidelli operato: percorso di riabilitazione di 8 settimane

Prossimo Articolo

Fotogallery MotoGP: le Prove Libere del GP d'Olanda

Fotogallery MotoGP: le Prove Libere del GP d'Olanda
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021