I 10 ingaggi più deludenti della storia della MotoGP

Non sempre le grandi aspettative con cui sono iniziate delle nuove avventure hanno potuto impedirne il fallimento. Scorriamone insieme alcune.

I 10 ingaggi più deludenti della storia della MotoGP
Alex Barros - Gauloises Yamaha (2003)
Alex Barros - Gauloises Yamaha (2003)
1/10

Foto di: Richard Sloop

Dopo diversi anni con la Honda privata del team di Sito Pons e dopo che nel 2002 ha battuto diverse volte Rossi con la stessa moto, Barros è passato alla Yamaha come punta di diamante dopo la partenza di Max Biaggi. Tuttavia, le cose sono andate molto diversamente da come avrebbe sperato: nono in campionato con un solo podio nel suo unico anno con la Casa di Iwata.
Max Biaggi - Repsol Honda (2005)
Max Biaggi - Repsol Honda (2005)
2/10

Foto di: Repsol Media

Biaggi ha fatto il suo debutto in 500cc con la Honda nel 1998, ma l'anno seguente l'ha lasciata subito per la Yamaha, dove è rimasto per quattro stagioni. In più di un'occasione ha accusato una presenta inferiorità meccanica nei confronti di Rossi. Quando ha incrociato il suo cammino con quello del connazionale, però, le cose non sono cambiate. Nel 2005 ha firmato per la squadra ufficiale Honda, ma quella è stata l'ultima e la sua peggior stagione nella classe regina, conclusa con 4 podi ed il quinto posto nel Mondiale.
Sete Gibernau - Ducati (2006)
Sete Gibernau - Ducati (2006)
3/10

Foto di: Ducati Corse

Gibernau è stato il grande rivale di Valentino Rossi nel 2003 e nel 2004. Dopo un 2005 con alti e bassi con la Honda di Gresini, ha fatto le valigie ed è andato in Ducati. La sfortuna lo ha perseguitato tra incidenti ed infortuni, impedendogli di finire la stagione in sella. L'avventura in Rosso si è conclusa solo con una pole position e con il suo primo ritiro.
Marco Melandri - Ducati (2008)
Marco Melandri - Ducati (2008)
4/10

Foto di: Hazrin Yeob Men Shah

Vice-campione del mondo della MotoGP nel 2005, nel 2008 ha firmato per la squadra campione del mondo. Tuttavia, il ravennate non è mai stato all'altezza del compagno Casey Stoner, arrivando al punto di dire che aveva paura della Desmosedici. 51 punti in 17 gare lo hanno costretto a lasciare subito Borgo Panigale.
Toni Elías - LCR Honda (2011)
Toni Elías - LCR Honda (2011)
5/10

Foto di: LCR Honda MotoGP Team

Elias è sceso in Moto2 nel 2010 per diventare campione del mondo e lo ha fatto. Nel 2011 è tornato in MotoGP con il team di Lucio Cecchinello, ma le cose sono andate male fin dall'inizio. Il team ha perso una delle sue moto, andata ad un altro pilota, e alla fine dell'anno Toni è partito. Due ottavi posti sono stati i migliori risultati dell'anno.
Valentino Rossi - Ducati (2011-12)
Valentino Rossi - Ducati (2011-12)
6/10

Foto di: Ducati Corse

Il sogno italiano è finito in un incubo. Rossi non si è mai adattato alla Desmosedici e in due stagioni piene di cadute è riuscito a salire solo tre volte sul podio.
Ben Spies - Yamaha (2011-12)
Ben Spies - Yamaha (2011-12)
7/10

Foto di: Yamaha MotoGP

Dopo un promettente debutto con Tech 3, la Yamaha ha scelto il texano come sostituto di Rossi quando il "Dottore" è andato in Ducati. Il primo anno ha ottenuto anche una vittoria, ma nel secondo è stato perseguitato dalla sfortuna, che poco più tardi lo ha portato al ritiro.
Andrea Iannone - Suzuki (2017-18)
Andrea Iannone - Suzuki (2017-18)
8/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

La Suzuki ha scelto il vincitore del Gran Premio d'Austria 2016 come sostituto di Maverick Vinales. Con il debuttante Alex Rins al suo fianco, l'italiano è stato il responsabile dello sviluppo della GRX-RR in inverno, ma ha fatto un errore nella scelta del motore, che ha rovinato la stagione 2017 della Casa di Hamamatsu. Sebbene nella seconda stagione abbia conquistato quattro podi, è stato spazzato via da Alex Rins.
Jorge Lorenzo - Repsol Honda (2019)
Jorge Lorenzo - Repsol Honda (2019)
9/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il presunto "dream team" formato da Lorenzo e da Marc Marquez non si è mai materializzato in pista. Il maiorchino è stato perseguitato dagli infortuni e non si è mai adattato ad una Honda molto difficile. Dopo una sola stagione, a 32 anni, ha deciso di ritirarsi, tornando però poco dopo come collaudatore della Yamaha.
Johann Zarco - Red Bull KTM (2019)
Johann Zarco - Red Bull KTM (2019)
10/10

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Dopo aver brillato con la Yamaha satellite di Tech 3, Zarco è diventato un pilota ufficiale KTM nel 2019. Ma l'avventura è durata meno di un anno. Dopo una prima metà di stagione molto difficile, il francese ha chiesto di rompere il contratto alla fine dell'anno. Alla fine, la KTM ha quindi deciso di appiedarlo dopo appena 13 gare ed un decimo posto come miglior risultato.
condivisioni
commenti
Ducati: “Dobbiamo pensare che il Mondiale può saltare”
Articolo precedente

Ducati: “Dobbiamo pensare che il Mondiale può saltare”

Prossimo Articolo

Capirossi: "La MotoGP 2020 non può andare oltre metà dicembre"

Capirossi: "La MotoGP 2020 non può andare oltre metà dicembre"
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021