Honda in crisi: Marquez ritorna sulla RC213V 2019

Nel box di Marc oggi è apparsa una delle moto di Nakagami verniciata di nero per una prova comparativa. Puig ha spiegato che la Honda vuole fare tutte le prove del caso prima di scegliere il pacchetto per il Mondiale.

Honda in crisi: Marquez ritorna sulla RC213V 2019

Questa volta non è pretattica. Marc Marquez e la Honda sono veramente in difficoltà. Le dichiarazioni del campione del mondo erano state abbastanza chiare in questo senso alla conclusione della giornata di ieri, nella quale non era andato oltre al 14esimo tempo, con un secondo di ritardo.

"Certo che sono preoccupato" ha detto il pilota di Cervera. "Il punto debole della moto si manifesta in tutte le curve. Sappiamo di cosa si tratta, ma non come risolverlo" ha aggiunto, ribadendo i problemi già evidenziati anche dal fratello Alex e da Cal Crutchlow.

In casa HRC sembrano aver fatto ricorso al detto "a mali estremi, estremi rimedi". Nel box del #93 oggi è infatti comparsa anche una delle RC213V in versione 2019 di Takaaki Nakagami. E che sia stata una soluzione approntata in fretta e furia lo si può capire guardando la verniciatura nera approssimativa delle carene.

Leggi anche:

Lo scopo di questa prova comparativa sarebbe semplice: il campione del mondo in carica vuole capire se le difficoltà incontrate in questo pre-campionato sono dovute all'adattamento alle nuove gomme posteriori Michelin o se, più semplicemente, la RC213V 2020 è peggiore di quella dello scorso anno.

Per ora oggi Marc è tornato in sella alla moto dello scorso anno nel corso del secondo stint, mentre nel primo e nel terzo ha girato con quella nuova, con la quale ha anche ottenuto la sua miglior prestazione odierna.

"Chiaramente non siamo nella situazione migliore, ma è parte del nostro lavoro provare tutto, anche materiale delle ultime due stagioni, e valutare quali siano le migliori opzioni" ha commentato il team manager Alberto Puig.

 

Quando poi gli è stato domandato se c'è la possibilità che la Honda si possa presentare al via della prima gara con la RC213V 2019, Puig ha aggiunto: "Non lo so in questo momento, stiamo provando diverse cose. Potrebbe essere la moto di quest'anno, quella dell'anno scorso o quella dell'anno prossimo. In ogni caso, sarà una Honda".

Riguardo alla nuova costruzione della gomma posteriore introdotta dalla Michelin, ha confermato che probabilmente questa sta condizionando la Honda, ma che l'unica cosa che si può fare è provare ad adattarsi.

"Le gomme nuove hanno più grip, quindi la Michelin ha fatto un buon lavoro, perché le gomme durano anche di più. Tuttavia, se c'è più grip, questo può avere delle conseguenze sulla tua moto. A quanto pare è un aspetto di cui possono risentire di più alcune moto, probabilmente per il tipo di motore. Ma su questo non possiamo fare nulla, se non cercare di adattarci".

condivisioni
commenti
Test MotoGP Losail, Giorno 3: Morbidelli in vetta alle 17

Articolo precedente

Test MotoGP Losail, Giorno 3: Morbidelli in vetta alle 17

Prossimo Articolo

Test MotoGP Losail, Giorno 3: Vinales vola, Rossi cade

Test MotoGP Losail, Giorno 3: Vinales vola, Rossi cade
Carica commenti
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021