Guidotti: "Miller sembrava un rookie all'arrivo in Pramac"

Il team manager del Pramac Racing ha raccontato a Motorsport.com l'evoluzione che ha fatto Jack Miller per arrivare a diventare pilota ufficiale Ducati.

Guidotti: "Miller sembrava un rookie all'arrivo in Pramac"

Jack Miller è senza ombra di dubbio uno degli uomini del momento in MotoGP. La scorsa settimana la Ducati ha annunciato la sua promozione nella squadra ufficiale, riallanciando il filo conduttore che c'è sempre stato tra la Casa di Borgo Panigale ed i piloti australiani.

Quando nella storia di un marchio ci sono nomi altisonanti come quelli di Casey Stoner, Troy Corser e Troy Bayliss, è chiaro che il testimone che dovrà raccogliere "Jackass" è di quelli veramente importanti. Ma è anche il coronamento di una gavetta di sei anni in MotoGP.

Un'avventura iniziata da giovanissimo, con un salto diretto dalla Moto3, ma che lo ha visto maturare molto, soprattutto negli ultimi due anni. Cosa che a Motorsport.com è stata confermata da chi lo conosce molto bene come il team manager del Pramac Racing, Francesco Guidotti.

Il 2019 è stato l'anno della sua definitiva consacrazione, nella quale al talento è riuscito ad aggiungere la costanza di rendimento, con quattro podi e tre prime file nella seconda parte del campionato.

"Si è visto subito ad inizio stagione, perché è arrivato cambiato come ragazzo, più maturo e più solido. Questo ha avuto una corrispondenza anche nell'aspetto professionale. Ha fatto anche un bel po' di errori, ma era anche il primo anno che si trovava costantemente nelle posizioni che contano" ha detto Guidotti.

"Per lui era una situazione nuova e si è trovato alcune volte a fare quel piccolo errore che può bastare per rovinare un po' il risultato".

"Nel finale di stagione è diventato molto consistente, ma non basterà per il team ufficiale. Questi cinque podi e queste prime file sono importanti in un team satellite, ma l'obiettivo in un team ufficiale è un altro, quindi dovrà fare ancora un bel salto di qualità".

Leggi anche:

Anche se quella che inizierà a luglio a Jerez sarà la sua sesta stagione in MotoGP, cosa che lo rende un pilota molto esperto nonostante i suoi 25 anni, secondo Guidotti però la vera maturazione è iniziata solamente nel momento del suo sbarco in Pramac.

"Non per mancare di rispetto a qualcuno, però sinceramente quando è arrivato da noi, nel 2018, nonostante avesse già fatto tre anni di MotoGP, sembrava che fosse al primo o al secondo anno. Dove era prima, evidentemente, lo hanno un po' lasciato a sé. Era molto giovane e probabilmente non era stato seguito troppo" ha spiegato Guidotti.

"Quando è arrivato da noi abbiamo capito che c'era un po' più di lavoro da fare rispetto a quanto pensassimo. Però lui è stato bravo anche ad assimilare velocemente e a capire quali fossero le cose importanti".

Per questo, la prima stagione con la squadra satellite della Ducati non è stata semplice e ci sonon stati anche degli scontri, che però Jack ha capito che erano mirati alla sua crescita come pilota.

"E' stato un primo anno non facile, ci sono stati anche degli scontri verbali abbastanza forti, però nel massimo del rispetto, perché noi abbiamo sempre creduto nel suo talento e nelle sue potenzialità. Lui ha capito che questi diverbi avevano l'obiettivo di crescere insieme e non di buttargli addosso delle colpe".

"Da lì in poi penso che lui abbia anche un po' metabolizzato il sistema di lavoro e che anche a casa abbia lavorato con il suo manager Aki (Ajo) per migliorare su alcuni aspetti di cui aveva bisogno".

La promozione di Miller nel Factory Team della Rossa però è un premio anche al grande lavoro del Pramac Racing, perché si tratta del terzo pilota che arriva alle porte di Bologna nello spazio di appena sei anni, dopo Andrea Iannone e Danilo Petrucci.

"E' motivo di gioia e di orgoglio, perché vuol dire che stiamo facendo bene il nostro lavoro e che il contesto è quello giusto. Poi tutte le pedine devono essere al posto giusto, dalla potenzialità della moto al lavoro della squadra, ma chiaramente anche al talento dei piloti, che ci mettono del loro".

"Sono tre fattori che devono sussistere tutti, altrimenti non puoi raggiungere l'obiettivo. Lui comunque è sempre stato un pilota Ducati fin dall'inizio. Tutti i nostri piloti hanno un contratto diretto con Ducati. Chiaramente l'approdo nel team ufficiale è l'obiettivo primario e da lì in poi inizia il difficile per loro" ha concluso.

Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
1/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
2/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
3/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
4/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
5/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
6/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
7/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
8/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
9/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
10/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
11/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
12/20

Foto di: Motogp.com

Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
13/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
14/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
15/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
16/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
17/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
18/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
19/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing
Jack Miller, Pramac Racing
20/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
MotoGP: Rins mette all’asta il suo casco per la lotta al Covid

Articolo precedente

MotoGP: Rins mette all’asta il suo casco per la lotta al Covid

Prossimo Articolo

MotoGP: Misano lavora per una doppia gara

MotoGP: Misano lavora per una doppia gara
Carica commenti
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia" Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia"

Il Gran Premio di San Marino di MotoGP ha regalato tanti promossi e tanti bocciati. Da un perfetto Bagniaia, un sorprendente Bastianini, fino ad arrivare alla delusione Dovizioso, ecco le pagelle stilate e commentate da Franco Nugnes e Matteo Nugnes.

MotoGP
20 set 2021
MotoGP, Lap Chart del GP di San Marino Prime

MotoGP, Lap Chart del GP di San Marino

A Misano, Bagnaia si ripete. Un successo arrivato dopo una gara impeccabile. Ripercorriamo, grazie alla nostra animazione grafica, tutte le emozioni del Gran Premio di San Marino.

MotoGP
20 set 2021
MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati Prime

MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati

Bagnaia precede Miller nella doppietta Ducati in quel di Misano. Alle spalle delle rosse di Borgo Panigale, abbiamo la Yamaha di Fabio Quartararo.

MotoGP
19 set 2021
Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021