Guidotti: "Miller sembrava un rookie all'arrivo in Pramac"

Il team manager del Pramac Racing ha raccontato a Motorsport.com l'evoluzione che ha fatto Jack Miller per arrivare a diventare pilota ufficiale Ducati.

Guidotti: "Miller sembrava un rookie all'arrivo in Pramac"

Jack Miller è senza ombra di dubbio uno degli uomini del momento in MotoGP. La scorsa settimana la Ducati ha annunciato la sua promozione nella squadra ufficiale, riallanciando il filo conduttore che c'è sempre stato tra la Casa di Borgo Panigale ed i piloti australiani.

Quando nella storia di un marchio ci sono nomi altisonanti come quelli di Casey Stoner, Troy Corser e Troy Bayliss, è chiaro che il testimone che dovrà raccogliere "Jackass" è di quelli veramente importanti. Ma è anche il coronamento di una gavetta di sei anni in MotoGP.

Un'avventura iniziata da giovanissimo, con un salto diretto dalla Moto3, ma che lo ha visto maturare molto, soprattutto negli ultimi due anni. Cosa che a Motorsport.com è stata confermata da chi lo conosce molto bene come il team manager del Pramac Racing, Francesco Guidotti.

Il 2019 è stato l'anno della sua definitiva consacrazione, nella quale al talento è riuscito ad aggiungere la costanza di rendimento, con quattro podi e tre prime file nella seconda parte del campionato.

"Si è visto subito ad inizio stagione, perché è arrivato cambiato come ragazzo, più maturo e più solido. Questo ha avuto una corrispondenza anche nell'aspetto professionale. Ha fatto anche un bel po' di errori, ma era anche il primo anno che si trovava costantemente nelle posizioni che contano" ha detto Guidotti.

"Per lui era una situazione nuova e si è trovato alcune volte a fare quel piccolo errore che può bastare per rovinare un po' il risultato".

"Nel finale di stagione è diventato molto consistente, ma non basterà per il team ufficiale. Questi cinque podi e queste prime file sono importanti in un team satellite, ma l'obiettivo in un team ufficiale è un altro, quindi dovrà fare ancora un bel salto di qualità".

Leggi anche:

Anche se quella che inizierà a luglio a Jerez sarà la sua sesta stagione in MotoGP, cosa che lo rende un pilota molto esperto nonostante i suoi 25 anni, secondo Guidotti però la vera maturazione è iniziata solamente nel momento del suo sbarco in Pramac.

"Non per mancare di rispetto a qualcuno, però sinceramente quando è arrivato da noi, nel 2018, nonostante avesse già fatto tre anni di MotoGP, sembrava che fosse al primo o al secondo anno. Dove era prima, evidentemente, lo hanno un po' lasciato a sé. Era molto giovane e probabilmente non era stato seguito troppo" ha spiegato Guidotti.

"Quando è arrivato da noi abbiamo capito che c'era un po' più di lavoro da fare rispetto a quanto pensassimo. Però lui è stato bravo anche ad assimilare velocemente e a capire quali fossero le cose importanti".

Per questo, la prima stagione con la squadra satellite della Ducati non è stata semplice e ci sonon stati anche degli scontri, che però Jack ha capito che erano mirati alla sua crescita come pilota.

"E' stato un primo anno non facile, ci sono stati anche degli scontri verbali abbastanza forti, però nel massimo del rispetto, perché noi abbiamo sempre creduto nel suo talento e nelle sue potenzialità. Lui ha capito che questi diverbi avevano l'obiettivo di crescere insieme e non di buttargli addosso delle colpe".

"Da lì in poi penso che lui abbia anche un po' metabolizzato il sistema di lavoro e che anche a casa abbia lavorato con il suo manager Aki (Ajo) per migliorare su alcuni aspetti di cui aveva bisogno".

La promozione di Miller nel Factory Team della Rossa però è un premio anche al grande lavoro del Pramac Racing, perché si tratta del terzo pilota che arriva alle porte di Bologna nello spazio di appena sei anni, dopo Andrea Iannone e Danilo Petrucci.

"E' motivo di gioia e di orgoglio, perché vuol dire che stiamo facendo bene il nostro lavoro e che il contesto è quello giusto. Poi tutte le pedine devono essere al posto giusto, dalla potenzialità della moto al lavoro della squadra, ma chiaramente anche al talento dei piloti, che ci mettono del loro".

"Sono tre fattori che devono sussistere tutti, altrimenti non puoi raggiungere l'obiettivo. Lui comunque è sempre stato un pilota Ducati fin dall'inizio. Tutti i nostri piloti hanno un contratto diretto con Ducati. Chiaramente l'approdo nel team ufficiale è l'obiettivo primario e da lì in poi inizia il difficile per loro" ha concluso.

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
1/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
2/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
3/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
4/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
5/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
6/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
7/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
8/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
9/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
10/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
11/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
12/20

Foto di: Motogp.com

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
13/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
14/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
15/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
16/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
17/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
18/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
19/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
20/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
MotoGP: Rins mette all’asta il suo casco per la lotta al Covid

Articolo precedente

MotoGP: Rins mette all’asta il suo casco per la lotta al Covid

Prossimo Articolo

MotoGP: Misano lavora per una doppia gara

MotoGP: Misano lavora per una doppia gara
Carica commenti
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021