Grande doppietta Ducati nelle Qualifiche di Aragon: pole di Lorenzo davanti a Dovizioso. Notte fonda per Rossi

condivisioni
commenti
Grande doppietta Ducati nelle Qualifiche di Aragon: pole di Lorenzo davanti a Dovizioso. Notte fonda per Rossi
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
22 set 2018, 13:27

Prima fila completata da Marc Marquez, incapace di replicare ai tempi dei ducatisti. Crutchlow cade ma domani scatterà quarto davanti a un ottimo Andrea Iannone con la Suzuki. Rossi non è riuscito a passare il taglio della Q1!

Le Libere 4 avevano già dato segnali di una Ducati in grande forma su una pista, quella di Aragon, non proprio perfetta per le caratteristiche delle Rosse, invece Jorge Lorenzo e Andrea Dovizioso hanno regalato al team di Borgo Panigale un'altra strepitosa doppietta in Qualifica. Per il maiorchino si tratta della quarta pole della stagione, la seconda della Ducati ad Aragon dopo quella firmata da Stoner nel 2010.

Lorenzo ha strappato la pole ad Andrea Dovizioso per 14 millesimi grazie al tempo di 1'46"881, dopo un'attesa davvero snervante: nessuno dei piloti di vertice voleva scattare già nel giro di riscaldamento per non favorire gli avversari che aveva alle spalle. Addirittura Dovizioso ha dovuto fare il proprio giro con Marquez a pochi metri dietro di lui.

Jorge è invece riuscito a non avere problemi nel suo giro e ha beffato tutti, mentre Dovizioso ha dovuto passare di forza la Ducati di Alvaro Bautista che era sì intento a fare il proprio ultimo tentativo di qualifica, ma procedeva troppo lento per il forlivese.

Andrea ha tirato una grande staccata allo spagnolo, si è preso qualche rischio, ma è riuscito a passare e a conquistare una prima fila importantissima in ottica gara. Marquez ha provato a fare lo stesso ma ha dovuto frenare e ha gettato al vento le ultime possibilità per portare a casa la partenza al palo. 

I favoriti per la vittoria partiranno comunque tutti in prima fila, mentre in seconda troviamo la seconda Honda RC213V, quella del team LCR affidata a Cal Crutchlow. Il britannico si conferma il primo avversario dei primi tre, pur essendo stato autore di una caduta nel suo ultimo tentativo di qualificarsi.

Merita un applauso Andrea Iannone, quinto in sella alla prima Suzuki GSX-RR. Il pilota di Vasto ha confermato quanto di buono fatto vedere negli ultimi due turni di libere svolti questa mattina e domani potrà cercare di impensierire Crutchlow e, perché no, anche i primi nella prima parte di gara.

Leggi anche:

Arrivano conferme anche su una maggior brillantezza di Daniel Pedrosa. Finalmente lo spagnolo si è riaffacciato nelle posizioni di testa centrando il sesto tempo. Domani, dunque, partirà dall'ultima casella della seconda fila davanti al terzo e ultimo italiano in Top 10, Danilo Petrucci.

Il ternano del team Ducati Pramac è stato autore di un giro buono, tanto da sfiorare la seconda gila per appena 127 millesimi di secondo. Dietro di lui Alvaro Bautista con la Ducati del team Angel Nieto. Alex Rins non è riuscito a siglare un giro comparabile a quello del compagno di squadra Andrea Iannone, ma scatterà comunque dalla terza fila avendo ottenuto il nono tempo.

Decima posizione per Jack Miller con la seconda Ducati del team Pramac. Dopo le ultime libere, però, sembrava lecito attendersi di più dall'australiano, che era risultato più veloce di Petrucci e molto vicino alle prestazioni delle Ducati del team ufficiale affidate a Lorenzo e Dovizioso.

Se Ducati e Honda possono sorridere, convinte di attraversare un momento molto felice dal punto di vista tecnico e dei risultati, per Yamaha è notte fonda. Il miglior pilota della Casa di Iwata è Maverick Vinales, appena 11esimo, mentre Valentino Rossi è addirittura 18esimo, peggior qualifica da tante gare a questa parte.

Valentino non è riuscito a fare l'ultimo tentativo in Q1 a causa di un errore alla prima staccata dopo il rettilineo d'arrivo. Questo lo ha relegato alle spalle di Karel Abraham. La cosa peggiore per Maverick e Valentino è che le prospettive per la gara di domani non sembrano essere più rosee. Le M1 soffrono e fanno degradare le gomme molto rapidamente. Senza qualche coniglio dal cilindro da estrarre nel Warm-Up di domattina, per i due piloti della Casa giapponese si prospetta un altro fine settimana molto complicato.

Merita invece una menzione Franco Morbidelli, che sino a pochi istanti dal termine della Q1 sembrava in procinto di passare - meritatamente - in Q2. Un bel giro di Takaaki Nakagami lo ha invece relegato in 13esima posizione, ma i progressi del pilota romano sono sotto gli occhi di tutti.

Cla # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Speed Trap
1 99 Spain Jorge Lorenzo  Ducati 6 1'46.881     171.038 335
2 4 Italy Andrea Dovizioso  Ducati 7 1'46.895 0.014 0.014 171.016 339
3 93 Spain Marc Márquez Alenta  Honda 7 1'46.960 0.079 0.065 170.912 338
4 35 United Kingdom Cal Crutchlow  Honda 6 1'47.146 0.265 0.186 170.615 336
5 29 Italy Andrea Iannone  Suzuki 7 1'47.169 0.288 0.023 170.579 336
6 26 Spain Daniel Pedrosa  Honda 7 1'47.224 0.343 0.055 170.491 344
7 9 Italy Danilo Petrucci  Ducati 6 1'47.351 0.470 0.127 170.289 334
8 19 Spain Alvaro Bautista  Ducati 7 1'47.678 0.797 0.327 169.772 337
9 42 Spain Alex Rins  Suzuki 7 1'47.737 0.856 0.059 169.679 330
10 43 Australia Jack Miller  Ducati 7 1'47.792 0.911 0.055 169.593 331
11 25 Spain Maverick Viñales  Yamaha 6 1'47.810 0.929 0.018 169.564 336
12 30 Japan Takaaki Nakagami  Honda 7 1'48.284 1.403 0.474 168.822 327

Q1 - Classifica

Cla # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Speed Trap
1 25 Spain Maverick Viñales  Yamaha 6 1'47.823     169.544 332
2 30 Japan Takaaki Nakagami  Honda 8 1'47.946 0.123 0.123 169.351 327
3 21 Italy Franco Morbidelli  Honda 6 1'48.009 0.186 0.063 169.252 328
4 5 France Johann Zarco  Yamaha 7 1'48.052 0.229 0.043 169.185 328
5 41 Spain Aleix Espargaro  Aprilia 6 1'48.181 0.358 0.129 168.983 327
6 38 United Kingdom Bradley Smith  KTM 7 1'48.216 0.393 0.035 168.928 330
7 17 Czech Republic Karel Abraham  Ducati 7 1'48.398 0.575 0.182 168.645 333
8 46 Italy Valentino Rossi  Yamaha 6 1'48.627 0.804 0.229 168.289 332
9 55 Malaysia Hafizh Syahrin  Yamaha 6 1'48.975 1.152 0.348 167.752 334
10 12 Switzerland Thomas Lüthi  Honda 7 1'48.988 1.165 0.013 167.732 326
11 45 United Kingdom Scott Redding  Aprilia 6 1'49.303 1.480 0.315 167.248 325
12 10 Belgium Xavier Simeon  Ducati 7 1'49.699 1.876 0.396 166.645 323
13 81 Spain Jordi Torres  Ducati 7 1'50.336 2.513 0.637 165.683 335
Prossimo articolo MotoGP
Aragon, Libere 4: Lorenzo riporta la Ducati in vetta davanti a Iannone. Marquez cade

Articolo precedente

Aragon, Libere 4: Lorenzo riporta la Ducati in vetta davanti a Iannone. Marquez cade

Prossimo Articolo

Iannone soddisfatto: "Avrei potuto centrare anche la prima fila, ma va bene così. E domani possiamo migliorare"

Iannone soddisfatto: "Avrei potuto centrare anche la prima fila, ma va bene così. E domani possiamo migliorare"
Carica commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP d'Aragon
Sotto-evento Sabato, qualifiche
Location Motorland Aragon
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Qualifiche