Gibernau: "Lo scontro di Jerez ha creato un brutto precedente"

Sete Gibernau ha affermato come lo scontro con Valentino Rossi all'ultima curva del GP di Jerez 2005 abbia aperto le porte ad un nuovo modo di concepire le gare più aggressivo e pericoloso.

Gibernau: "Lo scontro di Jerez ha creato un brutto precedente"

Il nove volte vincitore nella classe regina, Sete Gibernau, ha vissuto una dura rivalità con Valentino Rossi durante la prima metà degli anni 2000 ed il momento clou del loro duello si è vissuto a Jerez nel 2005, quando il Dottore si è scontrato con lo spagnolo all’ultima curva assicurandosi così la vittoria.

Parlando a BT Sport, Gibernau ha dichiarato che il modo in cui le corse sono state concepite da quel giorno è cambiato in negativo e che quel contatto ha creato un precedente che ha poi reso le gare MotoGP più aggressive.

“Non so quante volte abbiamo parlato di quella curva, ma più passa il tempo e più capisco come le cose siano cambiate dopo quello scontro” ha detto Gibernau che nella passata stagione è tornato a correre nella stagione d’esordio della MotoE dopo essersi ritirato dalla MotoGP nel 2009.

“Molte persone hanno visto quella mossa, e da quel momento questo tipo di manovre si è ripetuto più volte”.

“Alla fine della gara entrambi abbiamo fatto quello che ritenevamo fosse migliore per il campionato, ma da quel momento le cose sono cambiate in MotoGP e nel modo di concepire le gare. Ed è una cosa che non condivido”.

La MotoGP ha adottato un approccio più rilassato verso le manovre aggressive in gara rispetto ad altre categorie. Ad esempio, nel 2013, Marc Marquez non è stato sanzionato per una manovra simile nei confronti di Jorge Lorenzo avvenuta nella stessa curva al secondo giro. Da allora si sono ripetuti molti altri scontri al limite.

Quando gli è stato chiesto se la direzione di gara avrebbe indagato su quell'incidente se fosse accaduto oggi, Gibernau ha risposto: “A dire la verità, no. Non credo proprio. Ho un punto di vista differente in merito, ma non ho bisogno di avere torto o ragione”.

“Per come concepisco lo sport e le corse non voglio mai che qualcuno si faccia male. Questa è una delle mie priorità”.

Lo spagnolo ha poi spiegato che questo approccio alle gare dovrebbe essere sradicato dalla cultura attuale, ma ha ammesso come sia difficile riuscire in questo obiettivo.

“La MotoGP è già molto pericolosa e secondo me dovremmo mettere tutti a disposizione il nostro know-how per evitare questo tipo di situazioni. E’ un qualcosa di difficile da fare? Sì. E’ un qualcosa di impossibile da realizzare? Non credo proprio”.

“E’ una responsabilità in capo agli organizzatori del campionato stabilire delle regole che impongano di evitare questo tipo di scontri perché, come ho già detto, in MotoGP si rischia più di un semplice incidente”.

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing e Sete Gibernau, Honda

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing e Sete Gibernau, Honda
1/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Podio: Sete Gibernau, Valentino Rossi, Marco Melandri

Podio: Sete Gibernau, Valentino Rossi, Marco Melandri
2/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Podio: Loris Capirossi, Valentino Rossi e Sete Gibernau

Podio: Loris Capirossi, Valentino Rossi e Sete Gibernau
3/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Sete Gibernau, il scondo classificato Valentino Rossi, il terzo classificato Alex Barros

Il vincitore della gara Sete Gibernau, il scondo classificato Valentino Rossi, il terzo classificato Alex Barros
4/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Sete Gibernau, Gresini Honda

Sete Gibernau, Gresini Honda
5/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Podio: il vincitore della gara Sete Gibernau, Honda

Podio: il vincitore della gara Sete Gibernau, Honda
6/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Sete Gibernau, Honda

Sete Gibernau, Honda
7/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Loris Capirossi, Sete Gibernau, Ducati Team

Loris Capirossi, Sete Gibernau, Ducati Team
8/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Sete Gibernau off at the "Corkscrew"

Sete Gibernau off at the "Corkscrew"
9/13

Foto di: Bob Heathcote

Sete Gibernau, Grupo Francisco Hernando

Sete Gibernau, Grupo Francisco Hernando
10/13

Foto di: XPB Images

Sete Gibernau

Sete Gibernau
11/13

Foto di: Ducati Corse

Valentino Rossi and Sete Gibernau

Valentino Rossi and Sete Gibernau
12/13

Foto di: Richard Sloop

Sete Gibernau, Honda

Sete Gibernau, Honda
13/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Dorna: aiuti a team indipendenti di MotoGP, Moto2 e Moto3

Articolo precedente

Dorna: aiuti a team indipendenti di MotoGP, Moto2 e Moto3

Prossimo Articolo

Allarme Ezpeleta: "Può darsi che non si corra nel 2020”

Allarme Ezpeleta: "Può darsi che non si corra nel 2020”
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021