Giallo Martin: “Sapevo che mi avrebbero tolto la pole!”

Jorge Martin è stato in pole position per qualche minuto, fino a che non gli è stato cancellato il giro. Lo spagnolo del team Pramac però partirà dalla seconda fila, anche se non crede di avere le possibilità di vincere.

Giallo Martin: “Sapevo che mi avrebbero tolto la pole!”

Jorge Martin ha chiuso un giro da record assoluto a Silverstone, il suo 1’58”008 lo portava in pole position. Era talmente tanto incredibile che sembrava impossibile, infatti è stato confermato che lo spagnolo del team Pramac aveva saltato un’intera curva del circuito.

“In quel momento stavo cercando una scia per prepararmi al giro seguente, sapevo che mi avrebbero tolto la pole perché ho tagliato la pista – ha ammesso il giovane rookie spagnolo, che veniva da due pole in Austria – Con il team ci siamo fatti una risata, erano un po’ increduli nel vedere un tempo così incredibile, ma io sapevo tutto, per questo non ho festeggiato. Quello che non sapevo era quale fosse la mia posizione di partenza, ma alla fine un quarto posto va bene”. 

In ottica gara, Martin è realista e non si vede tra i favoriti, anche se non lo era nemmeno in Austria ma ha vinto la prima gara. L’alfiere Pramac da un pronostico che vede Quartararo in testa, ma non nomina il poleman, Pol Espargaro: “Vedo Fabio molto forte, è difficile sapere chi ha il miglior ritmo, perché tutti i piloti hanno montato una gomma nuova nelle FP4, io non ne ho per vincere. Bagnaia, Aleix, Marquez ed io siamo dietro a Fabio. Pol detiene la pole position, ma vedendo il ritmo, penso che soffrirà molto negli ultimi giri, anche se sicuramente avrà una motivazione extra per il fatto di partire dalla pole”.

Per quanto riguarda la scelta delle gomme, Martin ha quasi preso la sua decisione: “Vedendo un po’ le FP4, la gomma dura non è per la gara. La media è la scelta più logica, le gomme caleranno e ci sono dei dubbi. Personalmente, sceglierò la media al posteriore, ma sull’anteriore ho dei dubbi”.

 

Dopo la doppietta austriaca, dove il madrileno ha conquistato due pole, una vittoria e un terzo posto, Marc Marquez ha detto di essere impressionato, ma che avrebbe dovuto confermare i sui risultati su altre piste. “Se va veloce a Silverstone e su altre piste, sicuramente l’anno prossimo è un candidato al titolo”, aveva detto Marquez.

“Sto facendo progressi giusti – ha spiegato Martin – oggi Marquez ha cercato il mio riferimento dall’inizio e penso che sia un buon segnale, ma dovranno chiedergli come mi ha visto. Poi mi ha alzato la mano come per ringraziarmi. Io ho cercato un po’ di scia perché volevo vedere se potevo lottare per la pole, ma andando solo sono in grado di fare grandi tempi, mi sento bene”.

Martinator conclude: “Dopo l’Austria avevamo tutti il dubbio di arrivare qui e vedere cosa succedesse, perché è una pista che non ha niente a che vedere con il Red Bull Ring. Ha molto passo in curva, non ci sono frenate brusche, ma sono comunque sempre fra i primi quattro. Essere competitivo su questa pista è una cosa molto positiva, più della pole. Sono un rookie e dovremo avere delle conferme ad Aragon e a Misano, ma ragiono di pista in pista e al momento tutto sta andando bene”.

condivisioni
commenti
Pol Espargaró: “La strigliata di Puig mi ha dato motivazione!”

Articolo precedente

Pol Espargaró: “La strigliata di Puig mi ha dato motivazione!”

Prossimo Articolo

Fotogallery MotoGP: le Qualifiche del GP di Gran Bretagna

Fotogallery MotoGP: le Qualifiche del GP di Gran Bretagna
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021