Giacomo Agostini inaugura la sua sala dei trofei a Bergamo

Il 15 volte campione del mondo ha realizzato un museo privato con tutti i cimeli della sua straordinaria carriera. E' possibile però organizzare delle visite guidate, che includono anche una cena con "Ago".

Giacomo Agostini inaugura la sua sala dei trofei a Bergamo

15 titoli iridati, 123 Gran Premi vinti, dieci dei quali al Tourist Trophy. Numeri che da soli bastano per raccontare tanto di quella leggenda vivente di nome Giacomo Agostini, il pilota più vincente della storia del motociclismo.

Una leggenda che da oggi è possibile toccare con mano, visto che "Ago" ha deciso di regalarsi uno museo personale a lui dedicato. Una sala dei trofei davvero da pelle d'oca per gli appassionati delle due ruote.

Non capita tutti i giorni di vedere nella stessa stanza, infatti, oltre 300 trofei e le pergamente di 15 titoli Mondiali, ma anche le moto (le MV Agusta e le Yamaha con cui è stato iridato, ma anche quella con cui ha vinto a Daytona), le tute e di caschi con cui Agostini ha scritto la storia del motociclismo a cavallo degli anni '60 e '70.

"Era da tempo che stavo pensando all'idea di realizzare un museo che raccontasse la mia carriera: ne avevo parlato anche con l'amministrazione comunale, ma alla fine ho deciso di farlo mio" ha detto Agostini, che lo ha inaugurato oggi, tagliando il nastro insieme al sindaco di Bergamo Giorgio Gori.

"Ho sentito la necessità di avere una sala di trofei mia, concepita come la sognavo per poter passare i momenti liberi e ricordando i miei successi".

"Nella sala dei trofei c'è tutta la mia storia motociclistica. Tutti i miei ricordi: dalle moto alle tute, fino ai caschi e ad oggetti personali che usavo in gara. E poi i miei 360 trofei: per me è una grande gioia rivedere il mio passato racchiuso in questa sala".

L'evento era di quelli importanti ed infatti ad ammirare la collezione di "Ago" sono arrivati anche dei volti noti della MotoGP, come il direttore generale di Ducati Corse, Gigi Dall'Igna, ed il managing director Yamaha, Lin Jarvis. Non poteva mancare poi Lino Dainese, fondatore dell'omonima azienda, visto che nella sala dei trofei è esposto un bel campionario delle sue creazioni. Ma si sono visti anche diversi Vip, come il cantante Roby Facchinetti e Cristina Parodi, entrambi amici di Giacomo.

Il 15 volte iridato ha spiegato anche il senso con cui è stata allestita la sala: "Ho dato una logica cronologica, lasciando però spazio anche alle emozioni. La scelta dei materiali è stata dettata dal fatto che le moto nascevano in un'officina meccanica e, pertanto, con l'architetto Michele Giavarini, abbiamo ideato tutto il contenuto, racchiuso come se fosse in una scatola di Cartier".

Una vera chicca, per esempio, è la bacheca nella quale è esposta la "telemetria" dell'epoca, ovvero gli appunti che Agostini scriveva a mano sui tracciati e sui risultati delle gare.

Il museo è privato, ma è possibile partecipare a delle visite guidate, nelle quali a fare da Cicerone sarà Agostini stesso. Villa Vittoria Charme & Relax organizza pacchetti per gruppi di 8 minimo persone, che includono pernottamento, visita al museo ed una cena in compagnia del campione. La frequenza di queste visite dovrebbe essere di circa una al mese.

Ora però non vogliamo più "spoilerarvi" troppo. Intanto godetevi alcune foto della sala dei trofei, ma a breve arriveranno anche un servizio video dettagliato con l'intervista al campionissimo.

Yamaha TZ 750
Yamaha TZ 750
1/41

Foto di: Matteo Nugnes

Yamaha TZ 750
Yamaha TZ 750
2/41

Foto di: Matteo Nugnes

Tute in esposizione
Tute in esposizione
3/41

Foto di: Matteo Nugnes

Trofei e fotografie
Trofei e fotografie
4/41

Foto di: Matteo Nugnes

Trofei
Trofei
5/41

Foto di: Matteo Nugnes

Trofei
Trofei
6/41

Foto di: Matteo Nugnes

Trofei
Trofei
7/41

Foto di: Matteo Nugnes

Targa per la vittoria del Mondiale del 1975
Targa per la vittoria del Mondiale del 1975
8/41

Foto di: Matteo Nugnes

Pubblicità
Pubblicità
9/41

Foto di: Matteo Nugnes

Memorabilia in esposizione
Memorabilia in esposizione
10/41

Foto di: Matteo Nugnes

Medaglie
Medaglie
11/41

Foto di: Matteo Nugnes

Lino Dainese e Giacomo Agostini
Lino Dainese e Giacomo Agostini
12/41

Foto di: Matteo Nugnes

Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha e Giacomo Agostini
Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha e Giacomo Agostini
13/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giorgio Gori, sindaco della Città di Bergamo e Giacomo Agostini
Giorgio Gori, sindaco della Città di Bergamo e Giacomo Agostini
14/41

Foto di: Matteo Nugnes

Gigi Dall'Igna, direttore generale Ducati
Gigi Dall'Igna, direttore generale Ducati
15/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini, Roby Facchinetti, frontman dei Pooh e Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha
Giacomo Agostini, Roby Facchinetti, frontman dei Pooh e Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha
16/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini, Roby Facchinetti, frontman dei Pooh e Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha
Giacomo Agostini, Roby Facchinetti, frontman dei Pooh e Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha
17/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini, posa per una foto con Roby Facchinetti, frontman dei Pooh
Giacomo Agostini, posa per una foto con Roby Facchinetti, frontman dei Pooh
18/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini taglia il nastro, alla presenza di Cristina Parodi e Giorgio Gori, sindaco della Città di Bergamo
Giacomo Agostini taglia il nastro, alla presenza di Cristina Parodi e Giorgio Gori, sindaco della Città di Bergamo
19/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini taglia il nastro, alla presenza di Cristina Parodi e Giorgio Gori, sindaco della Città di Bergamo
Giacomo Agostini taglia il nastro, alla presenza di Cristina Parodi e Giorgio Gori, sindaco della Città di Bergamo
20/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini e Roby Facchinetti, frontman dei Pooh
Giacomo Agostini e Roby Facchinetti, frontman dei Pooh
21/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini e Roby Facchinetti, frontman dei Pooh
Giacomo Agostini e Roby Facchinetti, frontman dei Pooh
22/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini e Lino Dainese
Giacomo Agostini e Lino Dainese
23/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini e Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha
Giacomo Agostini e Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha
24/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini e Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha
Giacomo Agostini e Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha
25/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini e Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha
Giacomo Agostini e Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha
26/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini
Giacomo Agostini
27/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini
Giacomo Agostini
28/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini
Giacomo Agostini
29/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini
Giacomo Agostini
30/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini
Giacomo Agostini
31/41

Foto di: Matteo Nugnes

Fotografie
Fotografie
32/41

Foto di: Matteo Nugnes

Fotografie
Fotografie
33/41

Foto di: Matteo Nugnes

Fotografie
Fotografie
34/41

Foto di: Matteo Nugnes

Dettaglio di una delle tute in esposizione
Dettaglio di una delle tute in esposizione
35/41

Foto di: Matteo Nugnes

Casco
Casco
36/41

Foto di: Matteo Nugnes

Casco
Casco
37/41

Foto di: Matteo Nugnes

Attestati e trofei
Attestati e trofei
38/41

Foto di: Matteo Nugnes

Attestati
Attestati
39/41

Foto di: Matteo Nugnes

Appunti
Appunti
40/41

Foto di: Matteo Nugnes

Appunti
Appunti
41/41

Foto di: Matteo Nugnes

condivisioni
commenti
Rossi: "Yamaha in crescita, ma se paghi 10 km/h a Jerez..."

Articolo precedente

Rossi: "Yamaha in crescita, ma se paghi 10 km/h a Jerez..."

Prossimo Articolo

Agostini: "Felice se Marquez vincesse 15 titoli"

Agostini: "Felice se Marquez vincesse 15 titoli"
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021