Allarme Ezpeleta: "Può darsi che non si corra nel 2020”

Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna, contempla la possibilità che la stagione 2020 della MotoGP non si possa disputare per gli effetti del Coronavirus. Scatta l'allarme in MotoGP...

Allarme Ezpeleta: "Può darsi che non si corra nel 2020”

La pandemia del COVID-19 che ha fermato l’intero pianeta ha già costretto a rimandare sei gran premi. Per prima è arrivata la cancellazione della gara della MotoGP in Qatar, dove hanno corso solo Moto3 e Moto2. Successivamente sono stati posticipati gli appuntamenti della Thailandia, di Austin e dell’Argentina, che sono stati spostati alla fine della stagione. Gli ultimi a crollare sono stati i Gran Premi di Spagna e Francia, che ancora non hanno una data fissata. Inoltre, l’incertezza generata dalla propagazione del virus lascia pensare che nei prossimi giorni si aggiungeranno alla lista anche Italia e Catalogna.

In questo modo, le previsioni più ottimiste portano a pensare che si inizi dal Gran Premio di Germania, previsto per il 21 giugno. Questa potrebbe essere la data in cui il campionato inizierà se l’impatto del Coronavirus inizia a diminuire. Tuttavia, al momento nessuno si azzarda a dare una data certa sul ritorno alla normalità e si arriva addirittura a dire che ci potrebbe essere la possibilità che la stagione 2020 non venga disputata.

Leggi anche:

“Nel peggiore dei casi pensiamo questo – afferma Carmelo Ezpeleta in un’intervista con La Razón, giornale spagnolo – bisogna contemplare questa ipotesi, ma abbiamo tempo. Ovviamente potremmo non correre, ma spero di no. Non per le gare, ma per l’umanità”.  

Il CEO di Dorna si mostra aperto a qualsiasi tipo di cambiamento, a condizione che si possa correre appena le condizioni lo permetteranno: “Contempliamo alternative di qualunque tipo. È meglio fare una gara a porte chiuse che non farla. Sicuramente le condizioni economiche per un promotore che non può avere il pubblico non sono le stesse. Una volta cancellato Le Mans, vedremo Mugello e Catalogna, che sono le successive. Non posticiperemo nulla all’improvviso, ragioneremo gara per gara, come abbiamo fatto con Jerez. Se un giorno abbiamo il semaforo verde, vediamo in che condizioni potremo farlo”.

Anche se il regolamento della FIM stabilisce un numero minimo di gare per rendere valida una stagione, le circostanze eccezionali che stiamo vivendo attualmente fanno sì che questa cifra possa calare: “Il regolamento dice che bisogna disputare un minimo di 13 gare, in condizioni normali. Ma non è questo il caso. In accordo con la FIM faremo ciò che potremo, quando potremo e come potremo. Inoltre se potessimo disputare un campionato di 10 gare, io sarei felicissimo. Proviamo a farne di più, ma se in queste circostanze fossimo in grado di farne 10 significherebbe che l’umanità sta bene, che è la cosa più importante. Le gare ora passano in secondo piano”.

Leggi anche:

Dorna ha annunciato questa settimana una serie di aiuti economici alle squadre per sopravvivere all’assenza di entrate per mancanza di gare: “La preoccupazione ora è di mantenere vive le squadre. Ci stiamo preoccupando per la salute economica dei privati e stiamo gestendo aiuti affinché possano sopravvivere per i prossimi tre mesi. Se non ci sono gare, non prendono soldi dagli sponsor ma devono continuare a pagare. Per questo diamo una serie di aiuti per farli sopravvivere”.

condivisioni
commenti
Gibernau: "Lo scontro di Jerez ha creato un brutto precedente"

Articolo precedente

Gibernau: "Lo scontro di Jerez ha creato un brutto precedente"

Prossimo Articolo

MotoGP: sospeso il GP di Catalogna, trema il Mugello

MotoGP: sospeso il GP di Catalogna, trema il Mugello
Carica commenti
Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1 Prime

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1

Il fine settimana tra MotoGP e Formula 1 non è certo stato clemente con Maverick Vinales e la Ferrari. Lo spagnolo è stato, senza mezzi termini, autore del suo fine settimana peggiore da quando veste i colori Yamaha: ultimo al via, ultimo all'arrivo. Non è andata meglio alla Ferrari che, dopo le prime libere al Paul Ricard, si è vista sfilare praticamente da tutto lo schieramento, chiudendo lontana dalla zona punti e trovandosi con un distacco pesante dalla McLaren nel campionato costruttori

Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco Prime

Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco

Tanti promossi e tanti bocciati nel Gran Premio di Germania di MotoGP. Le pagelle commentate e stilate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com.

MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania Prime

MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania

Andiamo a scoprire la griglia di partenza della classe regina del Motomondiale 2021 sul tracciato del Sachsenring.

MotoGP
20 giu 2021
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021