Ezpeleta: "La MotoGP non finirà oltre il 13 dicembre"

Il CEO di Dorna Sports ha commentato il calendario 2020 diffuso oggi, che contiene 13 gare in Europa e spera ancora in una parentesi extraeuropea.

Ezpeleta: "La MotoGP non finirà oltre il 13 dicembre"

Nel giorno in cui il calendario per la ripartenza della MotoGP è stato ufficializzato, non potevano mancare le parole di Carmelo Ezpeleta. Il CEO di Dorna Sports ha fatto il punto della situazione sulle 13 gare confermate in Europa, con partenza a Jerez il 19 luglio e conclusione a Valencia il 15 novembre, parlando però anche della possibilità di andare in Asia o in America successivamente, a patto però che possa essere presente il pubblico.

"E' stato un duro lavoro da parte nostra e dei promoter, ma alla fine abbiamo trovato queste possibilità. Una volta approvato il protocollo, siamo stati in grado di produrre questo calendario. In linea di principio, abbiamo alcuni circuiti in cui ripeteremo le gare ad una settimana di distanza, perché questo rende più facili gli spostamenti ed il mantenimento del protocollo, anche se poi ci sono alcuni circuiti su cui faremo una gara sola" ha detto un soddisfatto Ezpeleta.

"Nonostante la pandemia, ci siamo resi conto di poter fare almeno 13 gare e poi se sarà possibile andremo anche fuori dall'Europa. Le gare extraeuropee dovrano essere confermate entro la fine di luglio, poi l'accordo con i costruttori ed i team è di finire il campionato entro il 13 dicembre. Questo significa che dobbiamo decidere quali gare fare fuori dall'Europa. Per ora abbiamo quattro proposte nel calendario, poi decideremo entro fine luglio" ha aggiunto.

Leggi anche:

Al momento sono quattro le opzioni indicate nel calendario per andare fuori dall'Europa: Stati Uniti, Argentina, Thailandia e Malesia, con le due tappe asiatiche che sembrano poter avere qualche possibilità in più.

"Dobbiamo aspettare perché, come abbiamo detto anche in precedenza, per fare le gare fuori dall'Europa è necessario che ci siano gli spettatori. Aspettiamo di vedere lo sviluppo delle misure sanitarie negli Stati Uniti, in Argentina, in Malesia ed in Thailandia, poi vedremo cosa è possibile inserire nel calendario".

Quando gli è stato domandato se il campionato potrebbe finire a Sepang, ha aggiunto: "Vedremo, è una possibilità, ma tutte le gare fuori dall'Europa al momento sono in stand-by. Se non ci saranno gare fuori dall'Europa, allora il campionato finirà come ogni anno a Valencia. La Malesia comunque è una possibilità, sì".

Infine, non poteva mancare una parentesi sul protocollo: "E' la parte più difficile. L'abbiamo presentato a tutti. Se la situazione migliorerà, in seguito potrebbero esserci dei cambiamenti, ma sempre in accordo con le autorità, ma oggi è il protocollo che abbiamo presentato a tutti, dai team alla FIM, ed è protocollo che useremo all'inizio del campionato"

condivisioni
commenti
MotoGP: ecco il calendario 2020 con due Misano e Le Mans

Articolo precedente

MotoGP: ecco il calendario 2020 con due Misano e Le Mans

Prossimo Articolo

Rossi: “Bello ripartire, curioso di vedere il nostro potenziale”

Rossi: “Bello ripartire, curioso di vedere il nostro potenziale”
Carica commenti
Marquez ha battuto anche la sua Honda per tornare alla vittoria Prime

Marquez ha battuto anche la sua Honda per tornare alla vittoria

Marc Marquez ha attraversato l'inferno ed è tornato nei 581 giorni trascorsi tra la sua vittoria nella gara conclusiva del 2019 e il ritorno al successo di domenica scorsa al Sachsenring. Nonostante stia ancora lottando con i suoi limiti fisici ed una Honda 2021 difficile da guidare, il Sachsenring ha fornito allo spagnolo la tempesta perfetta per tornare sul gradino più alto del podio.

Perché la Yamaha rischia di perdere Valentino Rossi Prime

Perché la Yamaha rischia di perdere Valentino Rossi

Il prossimo passo della carriera di Valentino Rossi in MotoGP dovrebbe avere un'influenza di grande portata su un certo numero di piloti e squadre sulla griglia. Ma probabilmente l'impatto più grande sarà quello sulla Yamaha...

MotoGP
23 giu 2021
Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1 Prime

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1

Il fine settimana tra MotoGP e Formula 1 non è certo stato clemente con Maverick Vinales e la Ferrari. Lo spagnolo è stato, senza mezzi termini, autore del suo fine settimana peggiore da quando veste i colori Yamaha: ultimo al via, ultimo all'arrivo. Non è andata meglio alla Ferrari che, dopo le prime libere al Paul Ricard, si è vista sfilare praticamente da tutto lo schieramento, chiudendo lontana dalla zona punti e trovandosi con un distacco pesante dalla McLaren nel campionato costruttori

Formula 1
22 giu 2021
Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco Prime

Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco

Tanti promossi e tanti bocciati nel Gran Premio di Germania di MotoGP. Le pagelle commentate e stilate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com.

MotoGP
22 giu 2021
MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania Prime

MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania

Andiamo a scoprire la griglia di partenza della classe regina del Motomondiale 2021 sul tracciato del Sachsenring.

MotoGP
20 giu 2021
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021