Ezpeleta non concede deroghe: no alla terza Honda!

Nelle ultime settimane si era vociferato della possibilità di una terza RC213V nel team ufficiale da affidare ad Andrea Dovizioso, ma il CEO della Dorna non sembra disposto a concedere alcuna deroga.

Ezpeleta non concede deroghe: no alla terza Honda!

Marc Marquez ci sarà quando il 28 marzo la MotoGP 2020 scatterà in Qatar? Al momento questa sembra essere davvero una domanda da un milione di dollari, perché intorno al recupero dell'otto volte campione del mondo dalla terza operazione all'omero destro regna il riserbo assoluto.

Al momento non è stata fissata una data certa di recupero, ma è anche normale che ci sia prudenza, viste le continue difficoltà che ha attraversato il pilota della Honda dopo l'infortunio dello scorso luglio a Jerez. Non ultima, l'infezione sull'osso trovata proprio durante l'ultimo intervento chirurgico, che probabilmente ha contribuito a rallentare il recupero e lo ha costretto a sottoporsi ad una cura antibiotica.

Nelle ultime settimane, dunque, si era vociferato della possibilità che la Honda potesse approfittare dell'attuale status di Andrea Dovizioso, che non ha vincoli contrattuali per il 2021, per sostituire Marquez qualora fosse necessario.

Leggi anche:

Resta difficile però immaginare un Dovizioso disposto ad accettare il ruolo di "tappabuchi", pronto a farsi da parte non appena Marc fosse pronto a tornare sulla RC213V. Per questo c'era chi iniziava ad ipotizzare che la HRC potesse provare a chiedere una deroga alla Dorna per schierare tre moto una volta rientrato il #93.

Una strada che aveva già percorso nel 2011, quando aveva ingaggiato Casey Stoner, pur avendo già sotto contratto Dani Pedrosa e lo stesso Dovizioso. Tuttavia, Carmelo Ezpeleta ha messo in chiaro che non sarà possibile ricreare uno scenario di questo tipo, perché la Dorna non ha intenzione di concedere alcuna deroga.

"Le eccezioni sono fuori discussione. Non sarà possibile mettere in pista più di due moto per squadra. Honda ha due posti a disposizione per Repsol Honda e altri due per la squadra di Lucio Cecchinello", ha spiegato il CEO della Dorna in una dichiarazione rilasciata a Motorionline.

Riguardo all'assenza di Dovizioso poi ha aggiunto: "Ovviamente non avere Andrea è una perdita. Finora non ha trovato alcun accordo per correre, ma ha anche detto che potrebbe essere un anno sabbatico. Non so se tornerà quest’anno o il prossimo, ma non lo considero un pilota in pensione. Non ha parlato di ritiro ma di anno sabbatico", ha concluso.

condivisioni
commenti
Perché i rivali di Yamaha dovrebbero temere il ruolo di Crutchlow

Articolo precedente

Perché i rivali di Yamaha dovrebbero temere il ruolo di Crutchlow

Prossimo Articolo

Quartararo tatua... se stesso per la prima vittoria in MotoGP!

Quartararo tatua... se stesso per la prima vittoria in MotoGP!
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021