Espargaro vuole una spiegazione per le tante cadute di Austin

Aleix Espargaro ha detto di aver bisogno di una spiegazione per l'incubo vissuto al Gran Premio delle Americhe, nel quale è caduto per ben cinque volte con la sua Aprilia.

Espargaro vuole una spiegazione per le tante cadute di Austin

Espargaro e l'Aprilia sembrano aver sofferto più delle concorrenza sui dossi presenti sull'asfalto di Austin, con lo spagnolo che si è ritrovato al 19° posto in griglia dopo essere incapatto in un incidente anche in qualifica.

I guai del portacolori della Casa di Noale sono continuati anche alla domenica, con la sua gara che si è conclusa nel corso del nono dei venti giri in programma, a causa di una scivolata alla curva 13.

Questo è stato addirittura il suo quinto incidente in tre giorni in Texas, cosa che ha fatto infuriare Aleix, che ritiene che la RS-GP non avrebbe dovuto patire così tanto il fondo sconnesso del Circuit of the Americas rispetto alla concorrenza.

"Sono molto frustrato, è stato un incubo sinceramente", ha detto Espargaro dopo quello che è stato il suo quarto ritiro del 2021. "In realtà, la mia frustrazione è tanta perché non ho una risposta chiara. Ovviamente i dossi non hanno aiutato, la mia moto era molto difficile da guidare, ma i bump erano lì per tutti".

"Quindi, si può andare più o meno veloce su un circuito piuttosto che su un altro. Ho finito i test di Misano davanti a tutti, ma può capitare di essere per esempio ottavi da un'altra parte. Il livello però è sempre più o meno simile. Su questa pista invece non ho mai trovato la strada".

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

"Non stavo neanche spingendo troppo in gara, perché l'obiettivo era quello di arrivare alla fine, portare a casa un paio di punto e tornare a casa. Ho iniziato a fare diversi sorpassi: ho passato Morbidelli, Lecuona, Dovizioso ed Alex Marquez".

"Ma il mio passo non era buono, perdevo circa un secondo dai ragazzi in testa, forse anche di più, ma sono caduto di nuovo. Non ho spiegazioni, sono molto dispiaciuto per la mia squadra, perché cinque cadute sono tante".

"E avere una sola Aprilia in America, vederla cadera cinque volte e tornare a casa senza punti non va bene. Quindi, sono arrabbiato ma speriamo di poter trovare una spiegazione. Possiamo dimenticare questo weekend, perché la stagione è stata molto buona, ma ho bisogno di una spiegazione".

Come ha detto Aleix, la sua è stata la sola Aprilia in pista in occasione della trasferta statunitense, visto che il suo compagno di squadra Maverick Vinales ha deciso di non scendere in pista, essendo ancora troppo scosso dalla tragica scomparsa del cugino 15enne Dean Berta, avvenuta il weekend precedente a Jerez durante la gara della Supersport 300.

Leggi anche:

condivisioni
commenti
Morbidelli: "Sono tornato molto presto, ma è la mossa giusta"

Articolo precedente

Morbidelli: "Sono tornato molto presto, ma è la mossa giusta"

Prossimo Articolo

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021