Espargaró: “Per la prima volta mi sono divertito con la Honda”

Dopo aver conquistato la pole position, Pol Espargaro ha lottato per il podio a Silverstone, chiudendo al quinto posto, il suo miglior risultato con Honda.

Espargaró: “Per la prima volta mi sono divertito con la Honda”

Pol Espargaro ha completato il suo miglior fine settimana da quando è arrivato in Honda. Il pilota spagnolo ha conquistato la sua prima pole position con la casa giapponese sabato scorso a Silverstone, mantenendo il comando della gara per i primi otto giri e chiudendo con il quinto posto finale.

“È stata la prima volta che mi è piaciuto guidare la Honda. Sapevamo che con la gomma morbida dietro non saremmo andati molto lontano, ma le altre gomme erano troppo dure per la Honda. Abbiamo sacrificato la seconda metà della gara, ma è stato un weekend completo che ci ha dato molto. Si poteva vedere nei tempi sul giro, mi sentivo forte, il pilota che ero prima, non quello che avevamo visto fino ad ora”, ha spiegato Pol domenica pomeriggio.

Espargaro ha però frenato l’euforia: “Speriamo che questo risultato aiuti a risollevare il nostro morale e ad andare ad Aragón, un circuito che mi piace molto, con molta motivazione. Ma non voglio creare troppe aspettative per quello che potrebbe accadere lì. Ripartiremo da zero questo fine settimana”.

Euforia che si è scatenata sabato quando ha preso la pole, scaricando in questo modo tutte le tensioni vissute finora, e che ha mantenuto grazie al buon risultato in gara: “Sono ancora un po' euforico da sabato. Abbiamo sofferto così tanto negli ultimi mesi che la piccola vittoria in pole e la lotta per il podio e il comando nelle prime fasi di gara mi hanno permesso di sentirmi di nuovo un top rider. E farlo combattendo con mio fratello (Aleix) è qualcosa di cui sono molto orgoglioso. Poco avremmo potuto immaginarlo quando abbiamo iniziato a correre in moto da bambini”.

 

Per il pilota Honda, l'importante ora è dimostrare che il weekend britannico non è solo un fuoco di paglia, ricordando che nessun pilota Honda è stato in grado di utilizzare l'opzione di gomma media, che era la più efficace: “Vorrei essere convinto che le cose continueranno così. Ad Aragon l’anno scorso la Honda era molto buona e possiamo mantenere lo spirito di lotta per il podio, ma non so se può essere così. Vedere che in una gara solo una marca, la Honda, ha dovuto uscire con la gomma morbida dietro ti dice molto, ma stiamo tutti remando nella stessa direzione per continuare a migliorare. L'unica cosa di cui posso essere sicuro è che non ho intenzione di rinunciare”.

Oltre al suo buon fine settimana, Pol era contento per suo fratello Aleix che ha permesso ad Aprilia di conquistare il suo primo podio nell’era MotoGP: “Sono molto felice perché in un certo senso posso sentire quello che lui ha provato. Sono stato in una fabbrica partendo da zero con tutto lo sviluppo alle spalle e con un sacco di problemi. Gli ci è voluto molto tempo per ottenerlo, ma sono super felice per lui, per il suo lavoro, la sua persistenza e il suo sforzo. Dall'esterno è solo un podio, ma per i piloti questo risultato dà significato a tutte le cose brutte che hai passato. E Aleix ha avuto un momento difficile per molti anni in Aprilia”.

“Mi fa venire la pelle d'oca, è qualcosa di unico, due fratelli che lottano davanti in una gara di MotoGP, è qualcosa di super speciale. Speriamo che la Honda migliorerà, Aprilia andrà avanti e possiamo farlo di nuovo”, ha concluso Pol dopo che gli è stata mostrata una foto della gara con suo fratello in lotta per il primo posto.

condivisioni
commenti
MotoGP: Rossi e Bagnaia, che crollo a Silverstone!

Articolo precedente

MotoGP: Rossi e Bagnaia, che crollo a Silverstone!

Prossimo Articolo

Vinales è già a Misano: cresce l'attesa per il test Aprilia

Vinales è già a Misano: cresce l'attesa per il test Aprilia
Carica commenti
MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati Prime

MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati

Bagnaia precede Miller nella doppietta Ducati in quel di Misano. Alle spalle delle rosse di Borgo Panigale, abbiamo la Yamaha di Fabio Quartararo.

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021
Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo Prime

Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo

Il terzo posto di Aleix Espargaro ha rappresentato il primo podio della Casa di Noale nell'era MotoGP. Un risultato che premia per un percorso che è stato costellato di ostacoli, ma che deve essere preso come punto di partenza per ambire a qualcosa di ancora più grande. Anche perché ora c'è pure un sogno di nome Maverick Vinales.

MotoGP
1 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.