Espargaro: "Nel 2015 era praticamente tutto fatto con Ducati"

Aleix Espargaro ha rivelato che aveva praticamente concluso un accordo per passare in Ducati nel 2015, prima che la Casa di Borgo Panigale confermasse Andrea Dovizioso.

Espargaro: "Nel 2015 era praticamente tutto fatto con Ducati"

Espargaro ha fatto il suo debutto a tempo pieno in MotoGP nel 2010 con la Ducati del Pramac Racing, per poi tornare nel 2012 con Aspar, sulla sua Aprilia CRT.

Nel 2014 è passato al team Forward Racing Yamaha, dove ha conquistato il podio in un Gran Premio d'Aragon sul bagnato, e alla fine ha firmato con Suzuki per guidare il ritorno del marchio giapponese nella classe regina nel 2015.

Tuttavia, nel podcast della MotoGP, Espargaro ha rivelato di aver "stretto la mano" al Direttore Generale Ducati Gigi Dall'Igna "tre settimane prima" di quando ha accettato di unirsi alla Suzuki.

Una mossa che, tuttavia, era dettata dalla possibilità che fosse Dovizioso a passare in Suzuki, visto che la Casa di Hamamatsu aveva mostrato un grande interesse nei confronti del forlivese, che però alla fine ha deciso di rimanere in Ducati.

Leggi anche:

"Alla fine, è andata com'è andata", ha detto Espargaro.

"All'inizio ho avuto una carriera sportiva molto poco strutturata e quando sono arrivato in MotoGP, ho sempre dimostrato di essere un pilota che lavora molto duramente.

"Dopo l'anno con Forward Racing (2014), quando ho raggiunto il 6° posto nel Mondiale con la moto Open, ho firmato con la Suzuki".

"Ma tre settimane prima avevo stretto la mano a Gigi Dall'Igna per andare in Ducati, era praticamente tutto fatto, ma poi Dovizioso ha finito per rimanere".

Espargaro ha concluso 11° nel 2015, su una Suzuki un po' carente a livello di potenza, conquistando la pole position a Barcellona, ma ha faticato a passare dalle gomme Bridegstone alle Michelin l'anno successivo.

Alla fine del 2016 ha perse il suo posto alla Suzuki, che gli ha preferito Andrea Iannone, trasferendosi nel 2017 all'Aprilia, dove è rimasto da allora.

"Così sono andato alla Suzuki" ha aggiunto.

"In quel momento ho avuto l'opportunità di essere in due delle fabbriche più potenti del campionato e sono finito alla Suzuki".

"Ho avuto un buon anno con la Suzuki e il secondo anno la realtà è che il cambio dalle gomme Bridgestone alle gomme Michelin mi è costato molto, ma non è una scusa, non ero all'altezza: Maverick (Vinales) ha vinto un Gran Premio (a Silverstone) ed era molto più competitivo di me".

"Penso di non aver avuto un anno negativo, perché ho fatto molti risultati tra i primi cinque o sei, ma non ero al livello di Maverick, questa è la realtà".

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
1/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
2/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
3/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
4/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
5/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
6/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
7/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
8/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
9/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
10/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
11/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
12/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
13/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
14/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
15/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Ducati resta sola sulla proposta di una sola moto per pilota
Articolo precedente

Ducati resta sola sulla proposta di una sola moto per pilota

Prossimo Articolo

MotoGP: seriamente a rischio anche il Sachsenring

MotoGP: seriamente a rischio anche il Sachsenring
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021
Come Quartararo è diventato il re della MotoGP sciogliendo i dubbi Prime

Come Quartararo è diventato il re della MotoGP sciogliendo i dubbi

Dopo la disastrosa fine di stagione 2020 con il team Petronas, sono caduti dei dubbi sul francese della Yamaha, ma Fabio Quartararo ha risposto in modo convincente nel 2021, conquistando un titolo MotoGP che ha messo in risalto sia la sua velocità devastante sia la forza mentale.

MotoGP
19 dic 2021