Espargaro: "Nel 2015 era praticamente tutto fatto con Ducati"

Aleix Espargaro ha rivelato che aveva praticamente concluso un accordo per passare in Ducati nel 2015, prima che la Casa di Borgo Panigale confermasse Andrea Dovizioso.

Espargaro: "Nel 2015 era praticamente tutto fatto con Ducati"

Espargaro ha fatto il suo debutto a tempo pieno in MotoGP nel 2010 con la Ducati del Pramac Racing, per poi tornare nel 2012 con Aspar, sulla sua Aprilia CRT.

Nel 2014 è passato al team Forward Racing Yamaha, dove ha conquistato il podio in un Gran Premio d'Aragon sul bagnato, e alla fine ha firmato con Suzuki per guidare il ritorno del marchio giapponese nella classe regina nel 2015.

Tuttavia, nel podcast della MotoGP, Espargaro ha rivelato di aver "stretto la mano" al Direttore Generale Ducati Gigi Dall'Igna "tre settimane prima" di quando ha accettato di unirsi alla Suzuki.

Una mossa che, tuttavia, era dettata dalla possibilità che fosse Dovizioso a passare in Suzuki, visto che la Casa di Hamamatsu aveva mostrato un grande interesse nei confronti del forlivese, che però alla fine ha deciso di rimanere in Ducati.

Leggi anche:

"Alla fine, è andata com'è andata", ha detto Espargaro.

"All'inizio ho avuto una carriera sportiva molto poco strutturata e quando sono arrivato in MotoGP, ho sempre dimostrato di essere un pilota che lavora molto duramente.

"Dopo l'anno con Forward Racing (2014), quando ho raggiunto il 6° posto nel Mondiale con la moto Open, ho firmato con la Suzuki".

"Ma tre settimane prima avevo stretto la mano a Gigi Dall'Igna per andare in Ducati, era praticamente tutto fatto, ma poi Dovizioso ha finito per rimanere".

Espargaro ha concluso 11° nel 2015, su una Suzuki un po' carente a livello di potenza, conquistando la pole position a Barcellona, ma ha faticato a passare dalle gomme Bridegstone alle Michelin l'anno successivo.

Alla fine del 2016 ha perse il suo posto alla Suzuki, che gli ha preferito Andrea Iannone, trasferendosi nel 2017 all'Aprilia, dove è rimasto da allora.

"Così sono andato alla Suzuki" ha aggiunto.

"In quel momento ho avuto l'opportunità di essere in due delle fabbriche più potenti del campionato e sono finito alla Suzuki".

"Ho avuto un buon anno con la Suzuki e il secondo anno la realtà è che il cambio dalle gomme Bridgestone alle gomme Michelin mi è costato molto, ma non è una scusa, non ero all'altezza: Maverick (Vinales) ha vinto un Gran Premio (a Silverstone) ed era molto più competitivo di me".

"Penso di non aver avuto un anno negativo, perché ho fatto molti risultati tra i primi cinque o sei, ma non ero al livello di Maverick, questa è la realtà".

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
1/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
2/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
3/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
4/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
5/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
6/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
7/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
8/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
9/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
10/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
11/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
12/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
13/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
14/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
15/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Ducati resta sola sulla proposta di una sola moto per pilota
Articolo precedente

Ducati resta sola sulla proposta di una sola moto per pilota

Prossimo Articolo

MotoGP: seriamente a rischio anche il Sachsenring

MotoGP: seriamente a rischio anche il Sachsenring
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021