MotoGP
09 ott
Prossimo evento tra
15 giorni
G
GP di Aragon
16 ott
Prossimo evento tra
22 giorni
G
GP di Teruel
23 ott
Prossimo evento tra
29 giorni
G
GP d'Europa
06 nov
Prossimo evento tra
43 giorni
13 nov
Prossimo evento tra
50 giorni
G
GP del Portogallo
20 nov
Prossimo evento tra
57 giorni

Espargaró: “Difficile dire di no ad una squadra come Honda”

condivisioni
commenti
Espargaró: “Difficile dire di no ad una squadra come Honda”
Di:

Aleix Espargaró ha annunciato il rinnovo con Aprilia martedì scorso, appena cinque giorni dopo la notizia dell’approdo del fratello Pol nel team Repsol Honda nel 2021.

I fratelli Espargaró sono stati fra i protagonisti del mercato piloti negli ultimi giorni, Aleix ha concretizzato le negoziazioni con Aprilia per estendere il contratto fino alla fine del 2022. Ma l’annuncio è arrivato nel mezzo dell’effervescenza creata dalla notizia anticipata da Motorsport.com lo scorso 4 giugno: Pol Espargaró lascerà KTM e correrà con il team Repsol Honda nel 2021.

Aleix, che compirà 31 anni il prossimo 30 luglio, spera di concludere la sua carriera in Aprilia e sarebbe molto felice di poter vedere suo fratello in quello che considera ‘il miglior team del mondo’, Honda, e lo dichiara in un’intervista a TVE: “Pol è una persona che non si sbottona molto, ci vediamo quasi tutti i giorni, ma parliamo di tutto tranne che di moto. In KTM ha fatto un lavoro spettacolare e vediamo dove lui e solo lui ha portato quella moto, quindi mi piacerebbe molto che potesse lottare con il podio con quel team. Ma se gli offrissero la moto campione del mondo, la miglior moto del mondo, ad esempio la Honda, sarei felicissimo per lui”.

Leggi anche:

“Poter vedere mio fratello nel team Repsol Honda sarebbe fantastico, un premio alla sua carriera. È un pilota con molto talento e andrebbe bene. Ma qui dovrà ascoltare il suo cuore, entrambi i progetti sono molto interessanti. Anche se può sembrare molto appetitoso dire di sì a HRC, il progetto KTM sembra molto attraente, non è una decisione facile”.

Anche se l’accordo fra Pol e Honda è chiuso verbalmente, non può essere reso noto fino ad una certa data per via di una clausola del contratto con la Casa austriaca. Questo può far pensare che il pilota non abbia ancora preso una decisione definitiva, anche se Mike Leitner ha dato per certo che KTM ha già perso il suo pilota.

Nell’intervista rilasciata alla televisione spagnola, Aleix non pensa che l’accordo sia chiuso e crede che KTM lotterà per trattenere suo fratello: “KTM sta spingendo molto, gli dà molto valore e vuole che rimanga. Ma non so fino a che punto Honda voglia mio fratello. Quando ti chiama un team come la Ferrari, per esempio, è molto difficile dire di no. Repsol Honda è un “dream team” della storia della MotoGP e se hai questa opzione non sarà facile dire di no”.

“È una sfida enorme, gigantesca. Molte persone dicono che la Honda sia una moto difficile, ma è la moto campione del mondo, ogni anno vince il titolo. È anche vero che Marc Marquez è un extraterrestre, il miglior pilota della storia. Ma non penso che vincerebbe il mondiale con la vespa che ho nel mio garage. È una sfida grande, però è il “dream team”. Da piccoli, Pol ed io siamo cresciuti vedendo vincere con quella moto Doohan, Crivillé, Pedrosa. Ad ogni pilota della nostra generazione a cui si presenti questa opzione vorrebbe approfittarne”.

Miller: "Pronto a guidare la Ducati nella lotta al titolo”

Articolo precedente

Miller: "Pronto a guidare la Ducati nella lotta al titolo”

Prossimo Articolo

MotoGP, Doohan: "Rossi è in forma, perché ritirarsi?”

MotoGP, Doohan: "Rossi è in forma, perché ritirarsi?”
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Aleix Espargaro , Pol Espargaro
Autore Germán Garcia Casanova