Espargaró: "Aprilia è stata vicina a Iannone, ma la pagheremo"

Il pilota Aprilia ha definito come un abuso e ridicola la squalifica di quattro anni data ad Andrea Iannone, alla vigilia del Gran Premio di Valencia.

Espargaró: "Aprilia è stata vicina a Iannone, ma la pagheremo"

Andrea Iannone, sospeso per 18 mesi per un'accusa di doping, ha perso l'appello martedì scorso non avendo portato prove sufficienti alla Corte dello Sport ed è stato squalificato per quattro anni a causa degli steroidi che si trovavano nella carne contaminata che mangiò lo scorso anno a Sepang, in occasione del Gran Premio della Malesia.

Il Tribunale si è anche rivolto alla WADA per avere l'estensione della sospensione ad un massimo di quattro anni, mettendo così seriamente a rischio la carriera di Iannone. Aprilia continua a sostenere il pilota di Vasto e crede nella sua innocenza, mentre l'italiano afferma che questa ingiustizia gli ha spezzato il cuore.

Quando ad Aleix Espargaro, pilota Aprilia e compagno di squadra di Iannone, Motorsport.com ha chiesto cosa pensasse della squalifica, ha risposto: "Sono molto amareggiato, specialmente dal punto di vista personale, perché lui sa se ha commesso un errore o si è trattato di contaminazione, ma alla fine una squalifica di quattro anni è ridicola. Un anno o 18 mesi erano più che sufficienti. Quattro anni sono un abuso ed è decisamente troppo per me. Ma la WADA ha deciso così, quindi non c'è altro da fare".

Lo spagnolo ha aggiunto: "Non è che io abbia dei dubbi sulle regole, è che nessuno conosce la verità, solamente lui. Se Andrea dice che si è trattato di contaminazione, gli credo, perché non dovrei? In MotoGP in realtà non si guadagna molto assumendo sostanze. Ma lui è l'unico che sa cosa ha fatto. L'unica cosa che posso dire è che quattro anni sono troppi anche se dovesse aver assunto sostanze. Tra l'altro, se si confermasse la contaminazione alimentare, lo sarebbero ancora di più. È troppo anche se lo avesse fatto intenzionalmente".

Il pilota di Granollers ha applaudito il comportamento di Aprilia, ovvero l'essere stata vicino a Iannone sino alla sentenza uscita pochi giorni fa. Però, lo stesso comportamento, potrebbe comportare problemi dal punto di vista dello sviluppo nel corso dei prossimi mesi, perché in questo modo la Casa di Noale ha perso l'occasione di mettere sotto contratto piloti del calibro di Andrea Dovizioso e Cal Crutchlow, con quest'ultimo prossimo alla firma con Yamaha.

"Aprilia ha difeso Iannone e lo ha sostenuto sino alla fine, ma questo avrà delle conseguenze. Aprilia è sempre stata accanto ad Andrea e questo va applaudito, ma d'altra parte, quando giochi una carta del genere, puoi vincere e puoi perdere. E Aprilia e Iannone hanno perso. Peccato perché sia Cal che Dovi erano vicini alla firma".

La squalifica di Iannone ha costretto Aprilia a cercare un sostituto per il 2021 e Motorsport.com aveva anticipato questa settimana che Marco Bezzecchi, attuale pilota Moto2 e membro della Academy di Valentino Rossi, sarebbe uno dei favoriti. Cal Crutchlow aveva firmato un pre-accordo con Aprilia che scadeva lo scorso mese, ma ora il britannico sembra più vicino a Yamaha come collaudatore. Aleix Espargaro ammette che per lui l'opzione migliore è prendere un pilota giovane.

Tuttavia, afferma che questo significherà che dovrà sviluppare ampiamente lui la RS-GP ancora una volta nel 2021: "Bezzecchi ed anche Fabio Di Giannantonio sono piloti veloci. Marco può essere campione del mondo quest'anno e non ha una moto per il prossimo anno. Credo che avere un italiano sia buono per Aprilia, sono solo un po' amareggiato dal fatto che non saranno in grado di aiutarmi dall'inizio. Quindi credo che la prossima stagione sarò da solo a sviluppare la moto, che non è buono per niente. Ma questa è la situazione attuale. Quindi, alla fine se arriverà un pilota giovane sarà più complicato per me per un altro anno, ma è quel che abbiamo".

condivisioni
commenti
Rossi aspetta il secondo tampone, Gerloff non lo sostituirà

Articolo precedente

Rossi aspetta il secondo tampone, Gerloff non lo sostituirà

Prossimo Articolo

Rossi, ultimo tampone negativo: correrà a Valencia

Rossi, ultimo tampone negativo: correrà a Valencia
Carica commenti
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021