Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia
MotoGP GP di Catalogna

MotoGP | Aleix Espargaró annuncia il suo ritiro a fine stagione

Il pilota L'Aprilia ha annunciato in una conferenza stampa speciale che si è svolta oggi a Barcellona, alla vigilia del Gran Premio di Catalogna, che si ritirerà dalla MotoGP al termine della stagione.

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team

Dopo venti stagioni nel Campionato del Mondo, Aleix Espargaró ha annunciato questo giovedì, alla partenza del suo Gran Premio di casa sul circuito dove è cresciuto come sportivo e come persona, che si ritirerà a fine stagione dopo 340 Gran Premi e 7323 giorni da pilota.

Aleix ha voluto dare l'annuncio in una conferenza stampa, prevista per le tre e un quarto di questo giovedì pomeriggio, a casa sua, con la famiglia e gli amici, nonostante abbia ancora 15 Gran Premi in programma e, in attesa di spiegazioni, mosso dalla necessità di far posto a nuovi volti nel box Aprilia, del quale sicuramente continuerà a far parte in futuro, anche se non più come pilota titolare.

"Sono felice di annunciare il mio ritiro come pilota a tempo pieno. Sono stati 20 anni meravigliosi in questo paddock e sono molto felice e orgoglioso di ciò che abbiamo raggiunto insieme ad Aprilia. Abbiamo fatto la storia e questo non sarà mai dimenticato. Mi sono divertito tantissimo e abbiamo creato un gruppo umano incredibile. Ci aspetta un weekend molto bello, su una pista che mi piace e dove sono veloce, e ci sono ancora molte gare prima di Valencia per essere competitivi", ha detto Aleix.

Aleix era il "cattivo" della famiglia Espargaró, allampanato, con lo sguardo distratto e gli occhiali da vista. All'inizio del secolo, nessuno dava un centesimo al ragazzo di Granollers e tutti gli occhi erano puntati sul fratello minore, Pol, che prometteva bene. Quella di Aleix è sempre stata una carriera sul filo del rasoio, condannata ad essere un riempitivo, senza la possibilità di prevedere che, da un momento all'altro, sarebbe arrivato il suo grande momento. Che però è arrivato.

Il figlio maggiore di Genís, sicuramente l'unico che ha creduto ciecamente in lui due decenni fa, ha debuttato come wild card in un Gran Premio di Valencia 125, l'ultima gara della stagione, nel 2004, proprio vent'anni fa. Si classificò 24°, a quasi un minuto dal podio, completato da Héctor Barberá, Andrea Dovizioso ed Alvaro Bautista. Quest'ultimo, insieme ad Aleix, gli unici due ancora in attività oggi su una griglia di 38 piloti, tra cui un giovane Jorge Lorenzo e Casey Stoner, caduto a dieci giri dalla fine.

Argentina 2022, la primera e inolvidable victoria de Aleix Espargaró

Argentina 2022, la primera e inolvidable victoria de Aleix Espargaró

Foto de: Aprilia Racing

Da allora e fino a oggi, Aleix ha preso parte a 326 Gran Premi, che potrebbero diventare 341 entro la fine della stagione, completando una carriera nel paddock della MotoGP di 7.323 giorni, dal 31 ottobre 2004, giorno del suo debutto, al 17 novembre 2024, giorno in cui appenderà definitivamente il casco al chiodo, entrambi sul circuito Ricardo Tormo di Cheste, con il Gran Premio di Valencia.

Per Aleix, tuttavia, il Gran Premio che ha tatuato sulla pelle è quello di casa, quello di Catalogna. E quando gli Espargaró parlano di "gara di casa", lo fanno a ragion veduta, visto che sono nati e cresciuti a Granollers, una cittadina vicina al Circuito di Barcellona e, dice Aleix, da bambini a scuola ascoltavano i suoni dei motori che uscivano dalla pista catalana quasi ogni giorno dell'anno.

La storia d'amore del catalano con la pista di Montmeló si riflette nel suo primo podio nel Campionato del Mondo, il terzo posto nella gara di Moto2 del 2011, a completamento di una top 3 che comprendeva Stefan Bradl e Marc Márquez. E nell'ultimo, per ora: la vittoria ottenuta lo scorso anno nel GP di Catalogna di MotoGP, quando si è imposto davanti a Maverick Vinales e Jorge Martin.

Saluta l'ultimo dei piloti della "vecchia scuola"

Lungo il percorso, tre vittorie nella classe regina, con la prima e memorabile in Argentina nel 2022 e quella non meno spettacolare a Silverstone, in Inghilterra, nel 2023, oltre ad un secondo posto e sette terzi posti, sei dei quali in MotoGP.

Espargaró non è certo un pilota che passerà alla storia per un lungo elenco di vittorie, anche se migliaia e migliaia di piloti ne hanno di meno, ma piuttosto l'essenza di un pilota che si è fatto da sé, tenace e lavoratore, che non si è mai arreso e che è rimasto fedele al proprio stile fino alla fine. L'ultimo della "vecchia scuola" della MotoGP, un pilota che ha sempre difeso la sicurezza dei suoi compagni contro i "capi" e che non si è mai morso la lingua, cosa che gli ha procurato non pochi grattacapi.

Risultati a parte, la grande eredità di Aleix, il suo grande lavoro e sicuramente quello per cui sarà ricordato a lungo, sarà quello di aver riportato una fabbrica come il Gruppo Piaggio sulla mappa della MotoGP attraverso il team Aprilia.

Aleix Espargaró, en 2009-2020 con Pramac Ducati en sus primeros años en la categoría reina

Aleix Espargaró, en 2009-2020 con Pramac Ducati en sus primeros años en la categoría reina

Foto de: Pramac Racing

Quando nel 2016, dopo due stagioni come pilota ufficiale Suzuki, i giapponesi decisero di non rinnovare il suo contratto, Aleix si trovò in una situazione di crisi e con alte prospettive di rimanere senza lavoro proprio quando aveva realizzato il suo grande sogno, che era quello di raggiungere un team ufficiale. Fu allora che apparve l'Aprilia, senza direzione, senza piano, senza budget e senza idee, ma con due posti in MotoGP e la voglia di portare avanti il progetto.

Aleix ha indossato la tuta e ha iniziato a lavorare allo sviluppo, insieme a Romano Albesiano ed al suo team tecnico, della RS-GP, una moto che nel 2017 non era all'altezza e che ora sta lottando per la vittoria. Il grande lavoro è l'eredità de "il capitano", l'uomo che ha dato tutto per la Casa di Noale.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente MotoGP | Mir: "Non so dove andrò, ma l'Aprilia è una moto fantastica"
Prossimo Articolo MotoGP | Bagnaia: "L'incidente dell'anno scorso non mi condizionerà"

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia