La Ducati organizza una riunione con Lorenzo e Dovizioso per evitare altri scontri

condivisioni
commenti
La Ducati organizza una riunione con Lorenzo e Dovizioso per evitare altri scontri
Oriol Puigdemont
Di: Oriol Puigdemont
06 nov 2018, 08:59

Dopo lo scontro tra Jorge Lorenzo ed Andrea Dovizioso in Malesia, la Ducati li farà incontrare oggi per richiamare l'attenzione sulle priorità del marchio.

Jorge Lorenzo, Ducati Team, Andrea Dovizioso, Ducati Team
Pole sitter Andrea Dovizioso, Ducati Team, Ciabatti
Podio: il vincitore della gara Andrea Dovizioso, Ducati Team, il secondo classificato Jorge Lorenzo, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team, Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Jorge Lorenzo, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team, Jorge Lorenzo, Ducati Team
Ciabatti, Jorge Lorenzo, Ducati Team
Podio: il vincitore della gara Andrea Dovizioso, Ducati Team, il secondo classificato Jorge Lorenzo, Ducati Team, il terzo classificato Marc Marquez, Repsol Honda Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team, Andrea Dovizioso, Ducati Team, Marc Marquez, Repsol Honda Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team, Gigi Dall'Igna, General Manager Ducati Team, Jorge Lorenzo, Ducati Team

La sequenza degli eventi che si sono svolti questo fine settimana e che si è conclusa con il forfait definitivo di Lorenzo, ha aperto le porte a speculazioni di ogni genere, che Dovizioso ha alimentato ulteriormente nel pomeriggio di sabato, dopo aver concluso le qualifiche.

Quando gli è stato domandato dell'assenza del suo compagno di squadra per la quarta gara consecutiva, Dovi ha fatto capire che Lorenzo è abituato a queste situazioni e che la Ducati in qualche modo l'ha permesso.

"Sono situazioni un po' strane... Succede spesso in Ducati o con alcuni piloti" ha detto il forlivese, che in qualche modo ha gettato la pietra e nascosto la mano.

Poche ore dopo, da Kuala Lumpur, Lorenzo ha risposto duramente tramite i suoi profili social, facendo ironia sul vicino di box: "Un compagno esemplare. Lo applaudi sotto al podio quando vince e poi... (Certo, non dà la sua opinione, non un problema suo)".

Dopo la corsa, conclusa al sesto posto, Dovizioso ha minimizzato l'importanza della cosa, limitandosi a dire, ancora una volta, che lo spagnolo aveva dato troppa importanza alle sue parole e che gli aveva dato un senso sbagliato.

Leggi anche:

Un brutto modo per la Ducati di chiudere un fine settimana non troppo buono, nel quale non ha raggiunto i risultati sperati ed ha visto di nuovo i suoi due piloti ufficiali ingaggiati in un duello verbale inutile.

Quando gli è stato domandato come sarà gestita la situazione, il direttore sportivo Paolo Ciabatti ha riconosciuto a Motorsport.com che prevede di far incontrare i due piloti nella giornata di oggi, già in Europa, per parlare di quali sono le priorità della squadra.

"E' chiaro che la Ducati è al di sopra dei problemi personali che i piloti possono avere tra di loro. Martedì saremo insieme a Milano, durante EICMA, e prevediamo una mezz'ora per sederci con Jorge ed Andrea. Vogliamo evitare che si possano ripetere situazioni come quella di questo fine settimana" ha risposto Ciabatti.

In ogni caso, Ciabatti ha cercato anche di mettersi nei panni di entrambi i suoi piloti. Da un lato in Lorenzo, che sta attraversando un periodo delicato da quando si è infortunato in Thailandia. E anche quello di Dovizioso, specialmente in un fine settimana complicato dalle condizioni climatiche che si sono verificate a Sepang.

"Ci sono momento in cui i piloti si innervosiscono durante un Gran premio e non voglio far credere a nessuno che tutto sia perfetto. Ma capisco che vengono generate delle situazioni di tensione e, a volte, i piloti in un giorno reso complicato dalla pioggia e da altre cose, dicono cose che normalmente non avrebbero detto" ha commentato in riferimento alle parole di Dovizioso.

Ciabatti non è nuovo a questo genere di situazioni, visto che è già toccato a lui cercare di ridurre la tensione nel box della Rossa dopo l'incidente avvenuto all'ultima curva del Gran Premio d'Argentina 2016, quando Andrea Iannone stese lo stesso Dovi, privando la Ducati di un secondo e di un terzo posto.

"Ci sono momenti in cui devi dire: 'Stop. La Ducati è più importante dell'ego dei suoi piloti'. Penso che siano due persone abbastanza intelligenti da capirlo" ha rimarcato l'italiano.

Prossimo Articolo
Motorsport Report: Valentino, il sogno prima della caduta. Ducati, la "caduta" senza sogno

Articolo precedente

Motorsport Report: Valentino, il sogno prima della caduta. Ducati, la "caduta" senza sogno

Prossimo Articolo

Ezpeleta ha visitato a Lombok la sede del possibile GP d'Indonesia di MotoGP

Ezpeleta ha visitato a Lombok la sede del possibile GP d'Indonesia di MotoGP
Carica commenti