Ducati: "Lorenzo non ha nulla di cui preoccuparsi"

condivisioni
commenti
Ducati:
Oriol Puigdemont
Di: Oriol Puigdemont
25 lug 2016, 14:12

Paolo Ciabatti insiste sul fatto che Jorge Lorenzo è pienamente consapevole del fatto che la mancanza di risultati da parte di Andrea Dovizioso ed Andrea Iannone non sono un riflesso della competitività della Desmosedici GP.

Andrea Dovizioso, Ducati Team, Ducati and Jorge Lorenzo, Movistar Yamaha MotoGP, Yamaha
Andrea Dovizioso, Ducati Team, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing
Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing, Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Iannone, Ducati Team, Ducati e Jorge Lorenzo, Movistar Yamaha MotoGP, Yamaha
Andrea Iannone, Ducati Team, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing, incidente
Andrea Iannone, Ducati Team, Jorge Lorenzo, Yamaha Factory Racing, incidente

Dovizioso è nono in classifica, staccato di 111 punti dal leader Marc Marquez, mentre Iannone è ottavo, 107 punti dietro rispetto allo spagnolo.

Fino ad ora sono riusciti a conquistare quattro piazzamenti a podio (due a testa), risultati inferiori quindi rispetto alle aspettative che si erano generate durante la pre-stagione.

Durante l'inverno la Casa di Borgo Panigale non ha potuto tirare fuori il meglio dalla Desmosedici GP fino al secondo test in Australia, ma poi la moto è cresciuta costantemente fino alla prima gara in Qatar, dando sensazioni sempre migliori ai piloti.

Tuttavia, Iannone è caduto a Losail, poi c'è stato un incidente tra i due in Argentina e le aspirazioni del costruttore italiano hanno dovuto fare i conti anche con quello tra Dovizioso e Pedrosa ad Austin. Nonostante tutto, è riuscito a convincere il campione del mondo a firmare per il 2017.

"Jorge è un pilota molto veloce ed intelligente. Ha visto il potenziale della nostra moto. Tranne poche eccezioni quando abbiamo sofferto una mancanza di grip, come nelle due gare in Spagna, la Desmosedici GP ha sempre funzionato bene" ha detto Ciabatti quando Motorsport.com gli ha chiesto delle conversazioni avute con il pilota spagnolo.

"Jorge è consapevole del livello di competitività della nostra moto e non ha nulla di cui preoccuparsi, perché stiamo lavorando sulla moto 2017 pensando al suo stile di guida. E dobbiamo tenere in considerazione che Casey Stoner ci sta aiutando con questo lavoro e che lui lo conosce molto bene".

Prossimo articolo MotoGP
Fotogallery: le ombrelline del GP di Germania di MotoGP

Articolo precedente

Fotogallery: le ombrelline del GP di Germania di MotoGP

Prossimo Articolo

Andrea Iannone si porta alla Suzuki il suo capo meccanico

Andrea Iannone si porta alla Suzuki il suo capo meccanico
Carica commenti