Ducati ad Assen per ricucire il distacco da Quartararo

Jack Miller e Francesco Bagnaia volano in Olanda per l'ultimo appuntamento prima della pausa estiva. I due piloti Ducati sanno che il tracciato di Assen non è particolarmente congeniale alla Desmosedici, tuttavia contano di ottenere un buon risultato, forti di quanto raccolto in Germania la scorsa settimana.

Ducati ad Assen per ricucire il distacco da Quartararo

La MotoGP non si ferma e, a distanza di una settimana dal Gran Premio di Germania, vola in Olanda per l’ultimo appuntamento prima della pausa estiva. Il mondiale fa tappa ad Assen, dove torna dopo un anno di stop e lo fa con uno scenario iridato che vede Ducati all’inseguimento di Fabio Quartararo, leader del mondiale.

Alla cosiddetta ‘Università delle due ruote’, la Rossa di Borgo Panigale ha vinto solamente nel 2008 con Casey Stoner e quest’anno cerca il riscatto con i due portacolori ufficiali Jack Miller e Francesco Bagnaia. Non sarà un’impresa facile, perché in teoria la ‘Cattedrale’ non si adatta perfettamente alle caratteristiche della Ducati.

I piloti in sella alla Desmosedici inoltre sono reduci da un Gran Premio di Germania in cui hanno raccolto anche più di quanto si aspettassero. Su un tracciato anch’esso non congeniale alla loro moto hanno conquistato una quinta e una sesta posizione che li portano a pagare un ritardo nella classifica generale di 31 e 32 punti per Miller e Bagnaia rispettivamente.

Distacco che entrambi sono determinati a ricucire. L’australiano, terzo in campionato, proprio su questa pista ha trovato la sua prima affermazione mondiale nel 2016, trionfando sotto l’acqua: “Dopo il GP di Germania, anche questo fine settimana correremo su una pista che, almeno sulla carta, non è tra le più favorevoli per le caratteristiche della nostra moto. Sono però ottimista perché anche al Sachsenring, dove non eravamo tra i favoriti, siamo invece riusciti ad essere competitivi sia in prova che in qualifica, anche se poi ci è mancato qualcosa in gara”.

Leggi anche:

“In Olanda, le condizioni meteo saranno una variabile molto importante e, proprio qui sul bagnato nel 2016 ho ottenuto la mia prima vittoria in MotoGP. Sarà l’ultima gara prima della pausa estiva, per cui farò del mio meglio per avvicinarmi alla vetta della classifica e chiudere bene questa prima parte della stagione”.

Francesco Bagnaia si è resto autore di una grandissima rimonta in Germania e arriva ad Assen pronto a migliorare ulteriormente il risultato finale. Su questo tracciato, Pecco ha vinto sia in Moto3 sia in Moto2 e cercherà di essere il più avanti possibile questa domenica: “Sono molto contento di tornare a correre ad Assen, una pista che mi piace molto e dove ho vinto sia in Moto3 che in Moto2, tanto che ce l’ho addirittura tatuata sul braccio! È un tracciato particolare e le condizioni meteo qui saranno sicuramente un fattore decisivo questo fine settimana”.

“Sulla carta non siamo tra i favoriti, ma anche lo scorso fine settimana in Germania non lo eravamo. Invece, se non fossi partito così indietro in gara al Sachsenring, avrei potuto sicuramente lottare per il podio. Ci riproveremo questo weekend! Siamo a metà campionato, perciò è importante riuscire ad ottenere un altro buon risultato prima della pausa estiva”.

condivisioni
commenti
Gerloff sostituirà Morbidelli ad Assen sulla Yamaha Petronas

Articolo precedente

Gerloff sostituirà Morbidelli ad Assen sulla Yamaha Petronas

Prossimo Articolo

Perché la Yamaha rischia di perdere Valentino Rossi

Perché la Yamaha rischia di perdere Valentino Rossi
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021