Dovizioso: "Vincere in Austria? Non ci stiamo capendo niente!"

Domenica da dimenticare per il ducatista, che continua a non trovare la strada per guidare la sua Desmosedici GP con la nuova carcassa posteriore, faticando soprattutto su uno dei suoi punti forti: la staccata.

Dovizioso: "Vincere in Austria? Non ci stiamo capendo niente!"

Johann Zarco è arrivato terzo, ma per le Ducati in versione factory quella di Brno è stata una domenica particolarmente complicata. Solamente Jack Miller è riuscito a piazzarsi nella top 10, chiudendo comunque nono, mentre Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci si sono dovuti accontentare addirittura dell'11esimo e del 12esimo posto su una pista che sulla carta doveva essere amica.

Nel post-gara, nel box Ducati si guardava comunque con ottimismo alla doppia tappa in Austria, dove dal 2016 ad oggi hanno vinto solo le Desmosedici GP. Davide Tardozzi si è spinto a dire di aspettarsi una doppia vittoria di Dovizioso se il forlivese vuole essere confermato per la prossima stagione. Discorso che secondo Andrea non ha molto senso in questo momento.

"Prima di Brno dicevano che dovevamo spaccare tutto e abbiamo fatto 11esimi. Fare pronostici mi sembra particolarmente fuori luogo in questo momento: abbiamo fatto 11esimi e non andiamo forte, di che cosa stiamo parlando?" ha detto Dovizioso.

"Trovatemi una persona che sta capendo cosa sta succedendo, perché io ancora non l'ho trovata. Di conseguenza, cerchiamo di stare tranquilli, perché paga sempre, e cerchiamo di studiare. Fortunatamente, Bagnaia è andato forte a Jerez e Zarco qua. Studiamo, cerchiamo di capire: questa gara è stata fatta su una pista diversa da Jerez, in condizioni diverse. Quindi ci può dare delle conferme. Sono tutte considerazioni a caldo, perché non abbiamo ancora studiato la gara. Non vi posso dare troppe risposte, perché non le ho neanche io".

Una delle cose che lo lascia più perplesso, è il fatto che perde in uno degli aspetti che ha sempre considerato uno dei punti di forza suoi e della Ducati, ovvero la frenata. Il fatto che Zarco e Bagnaia siano riusciti a fare meglio di lui su questo aspetto, lo porta a pensare che si debba andare ad esplorare strade di setting diverse rispetto al passato recente.

Leggi anche:

"Però non posso perdere dei decimi in frenata. Se li perdo, vuol dire che c'è qualcosa che ci sfugge. Le modifiche che abbiamo fatto sono state tantissime, fin troppe, ma significa che non stiamo capendo e soprattutto che non otteniamo le risposte che ci aspetteremmo. Negli ultimi tre anni, quando avevamo certi problemi reagivamo in determinati modi, ma queste cose non hanno funzionato per niente".

"Se andiamo a vedere i set-up che hanno usato Zarco e Pecco nelle due gare in cui sono andati forti, sono abbastanza diversi rispetto alla nostra esperienza, ma magari quella è la direzione da prendere? Non lo so. Forse io, Miller e Petrucci facciamo più fatica perché proviamo delle cose che sono più legate ai buoni risultati che abbiamo fatto negli ultimi tre anni, ma non so neanche questo".

"Io non sono una persona che cerca scuse, ma non stiamo capendo, non stiamo andando forte. Non sfruttiamo la frenata e, se non facciamo quello, non possiamo andare forte. Ci prendiamo questi tre giorni con la speranza di capirci qualcosa. E' inutile pensare ai risultati dell'Austria, perché stiamo prendendo dei secondi".

Stuzzicato sull'argomento, ha provato ad addentrarsi un po' di più sul discorso delle modifiche che non hanno funzionato e sui motivi che lo hanno portato a pensare che bisognerà esplorare strade nuove nelle prossime uscite.

"Tutte le modifiche che abbiamo fatto nei test e nelle gare, non hanno funzionato. Se andate ad analizzare anche i test, non siamo mai stati realmente veloci. Forse lo siamo stati solo nel passo gara in Qatar, su una pista buona per noi. In tutte le altre situazioni, non siamo mai stati particolarmente competitivi, ma abbiamo fatto davvero tanti cambiamenti. Probabilmente ci ha limitato la nostra esperienza passata, ma ora l'importante è capire. Finché io vedo nei dati che perdo in frenata rispetto alle altre Ducati, vuol dire che c'è qualcosa che non stiamo capendo. Probabilmente dovremo esplorare delle direzioni che non pensavamo, perché questa gomma ti richiede questo".

Questo non vuol dire però che al Red Bull Ring partirà subito con un set-up inedito. Anzi, ripartire dalla stessa base è fondamentale per fare delle comparative.

"Che cosa faremo in Austria lo decideremo dopo aver studiato a fondo i dati nei prossimi tre dati. Comunque, anche se non funzionava, tu devi sempre partire con la base con cui hai finito la gara prima, altrimenti non puoi capire se le modifiche funzionano o meno. Bisogna sempre fare una comparativa, magari partendo solo con delle piccole modifiche legate alla caratteristiche della pista".

Infine, quando gli è stato domandato se in questa fase può arrivare un aiuto anche dalla Michelin per uscire da questa situazione, il ducatista è stato piuttosto chiaro.

"Assolutamente no. Loro ti sono vicini e cercano di darti più informazioni possibile, ma la gomma è quella, sei tu che ti devi adattare. Quando c'è un cambiamento grande come quello che c'è stato quest'anno, sono le moto e i piloti che si devono adattare. Dipende sempre da che base parti: se la tua è abbastanza vicina a quello che serve, ci si può adattare anche rapidamente, ma in caso contrario bisogna capire quale sia la strada da prendere. Ed è quello che dobbiamo fare noi" ha concluso.

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/21

Foto di: MotoGP

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
12/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
13/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
14/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
15/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
16/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
17/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
18/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
19/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
20/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
21/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Binder: “Incredibile, non gestire le gomme è stato un vantaggio”

Articolo precedente

Binder: “Incredibile, non gestire le gomme è stato un vantaggio”

Prossimo Articolo

Zarco: “Facciamo delle gare, non facciamo danza!”

Zarco: “Facciamo delle gare, non facciamo danza!”
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021