Dovizioso: "Vittoria figlia della nostra intelligenza e della tattica"

Il pilota della Ducati ha colto a Barcellona il secondo successo stagionale consecutivo guidando in modo estremamente lucido per preservare al massimo le gomme. Dovi è adesso a 7 punti da Vinales in campionato ma vuole mantenere i piedi per terra.

Dovizioso: "Vittoria figlia della nostra intelligenza e della tattica"
Andrea Dovizioso, Ducati Team celebrate
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Podium: Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team, braking
Podio: secondo Marc Marquez, Repsol Honda Team, il vincitore Andrea Dovizioso, Ducati Team, terzo Da
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Podium: Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team

Dopo aver centrato la prima vittoria stagionale al Mugello la scorsa settimana, Andrea Dovizioso è riuscito a ripetersi in maniera forse inattesa anche sul tracciato di Barcellona grazie ad una condotta di gara estremamente lucida finalizzata nel preservare al massimo le gomme.

Andrea è stato bravissimo nel non forzare mai il ritmo, mettendosi in scia a Pedrosa nelle battute iniziali, anticipando sempre la staccata di Curva 1 e dosando il gas in maniera estremamente gentile per riuscire a non soffrire il degrado delle Michelin nella fase finale della corsa.

Sceso per il secondo weekend consecutivo dal gradino più alto del podio, Dovizioso ha indicato quale fattore determinante per conquistare la vittoria odierna l'intelligenza tattica sua e del team.

"Questo weekend è stato stranissimo per tutti. Siamo riusciti a vincere perché siamo stati i più intelligenti a capire sia i limiti della pista che delle gomme, non perché eravamo i più veloci. Ci siamo concentrati sulla costanza capendo che il calo degli pneumatici sarebbe stato enorme. I tempi che si sono visti nei vari turni non contavano nulla, si girava sul minuto e qurantacinque basso, ed in gara questo ritmo non si è mai visto. Consapevole di questo mi sono concentrato sulla guida, selezionando le mappe di potenza in base al poco grip dovuto anche ai 50 gradi dell'asfalto" ha detto ai microfoni di Sky Sport MotoGP HD.

Andrea ha affermato di aver vinto una gara in cui non ha mai spinto. Sia lui che Pedrosa, infatti, hanno sempre affrontato le curve del tracciato del Montmelo in modo estremamente prudente, ed il vantaggio garantito dal motore Ducati gli ha consentito di non forzare mai le staccate riuscendo a salvaguardare la gomma anteriore.

"La moto era molto veloce, ma in curva nè io nè Dani forzavamo, nessuno dei due ha spinto perché sapevamo che nessuno dei due sarebbe arrivato a fine gara. Per me è stato più facile rispetto a lui perché in ogni accelerazione guadagnavo e quindi non ho mai dovuto forzare in frenata. Questo mi ha consentito di preservare la gomma anteriore".

"Quando sono andato in testa pensavo di poter girare più forte, almeno mezzo secondo più veloce, ma ho capito che le gomme erano arrivate. Fortunatamente anche Dani e Marc erano nella stessa situazione, quindi ho stretto i denti per qualche giro e loro hanno compreso che non potevano tenere il mio ritmo".

Andrea ha poi affermato di essere arrivato a Barcellona senza la certezza di poter ben figurare dopo i test svolti, ma le condizioni meteo particolari hanno rimescolato i valori in campo ed il lavoro svolto dalla Ducati proprio in funzione delle temperature elevate si è rivelato vincente.

"I test che abbiamo svolto su questa pista erano andati male, ma nel weekend abbiamo trovato una condizione molto strana e siamo stati i più intelligenti ad interpretarla. Nel quarto turno, con il caldo, siamo stati gli unici ad adottare una gomma usata ed abbiamo fatto un tempo decente ed abbiamo capito che avremmo potuto vincere. Abbiamo provato anche un set up al pomeriggio che mi ha regalato un maggior feeling all'anteriore".

La seconda vittoria consecutiva, ed il weekend nero vissuto dal leader del campionato Maverick Vinales, ha consentito a Dovizioso di confermare il secondo posto in classifica portandosi a soli sette punti dallo spagnolo. Andrea, nonostante la felicità per il risultato, si è detto consapevole di non avere ancora una moto in grado di lottare per il successo finale, ma ha spronato il team a non mollare per riuscire ad avere una Ducati in grado di battagliare per l'alloro iridato.

"I punti di distacco da Vinales sono totalmente inaspettati, ma al momento non penso al campionato. Sfrutto al meglio la moto perché ne conosco sia i pregi che i difetti ma questi ultimi non si sono visti nelle ultime due gare dove abbiamo dominato. Ci sono alcuni aspetti da migliorare per essere in lotta per il titolo, dobbiamo mantenere i piedi per terra".

condivisioni
commenti
Yamaha, Meregalli: "Abbiamo due telai nuovi da provare nei test"

Articolo precedente

Yamaha, Meregalli: "Abbiamo due telai nuovi da provare nei test"

Prossimo Articolo

Vinales: "Ho molti dubbi in testa, non ho capito cosa ho sbagliato"

Vinales: "Ho molti dubbi in testa, non ho capito cosa ho sbagliato"
Carica commenti
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021
Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio Prime

Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio

La scomparsa di Jason Dupasquier a seguito dell'incidente di cui è stato vittima al Mugello ha alimentato una serie di polemiche e speculazioni - paradossalmente - tra i non addetti ai lavori. Come insegna Bambi, "quando non sai che cosa dire, è meglio che non dici nulla". E sarebbe il caso di apprendere questa regola aurea, soprattutto davanti ad un lutto.

MotoGP
1 giu 2021