Dovizioso: "Sono caduto alla prima uscita con il set-up nuovo"

Il rammarico del ducatista non è tanto per il 15esimo posto, quanto per non aver avuto modo di provare il set-up pensato per la nuova gomma posteriore, che in questo momento è la cosa più importante.

Dovizioso: "Sono caduto alla prima uscita con il set-up nuovo"

I test di Sepang sembrano essere iniziati un pochino in salita per Andrea Dovizioso, ma per il momento il pilota della Ducati non ne vuole saperne di fasciarsi la testa. Dopo l'11esimo tempo di ieri, oggi il forlivese si è ritrovato addirittura 15esimo a fine giornata, con un ritardo di oltre sette decimi nei confronti del miglior tempo della Yamaha di Fabio Quartararo.

Più che la posizione, il neo odierno per il vice-campione del mondo è quello di non essere riuscito a completare il suo programma a causa di una scivolata alla curva 16, dalla quale fortunatamente è uscito solo leggermente acciaccato.

Tuttavia, questa caduta ha avuto un certo peso sulla sua giornata, perché gli ha impedito di lavorare sul set-up. E secondo lui questo è un aspetto fondamentale in questo momento, perché la cosa più importante da fare è adattarsi alla nuova gomma posteriore della Michelin, che sembra avere delle esigenze differenti rispetto al passato.

Leggi anche:

"Abbiamo fatto solo la metà del lavoro che avremmo voluto fare, perché stamattina ci siamo concentrati solo sulla carena ed altri pezzi, ed è andata bene. Al pomeriggio volevamo concentrarci solo sul set-up, ma alla prima uscita con quello nuovo sono caduto. E' stata una piccola caduta, ma purtroppo sono arrivato alla ghiaia e non era piatta, quindi ho perso un po' il respiro ed ho sbattuto la testa. E' un po' di anni che mi trascino dietro anche un problema al collo, quindi spero che stanotte la situazione non peggiori" ha detto Dovizioso.

"Questo poi ci ha impedito di lavorare sul set-up e mi dispiace, perché in questo momento è una priorità. Le gomme sono abbastanza diverse e bisogna adattarsi. Hanno un buon grip e siamo tutti veloci, ma non conta niente questa cosa. Per fare la differenza, bisogna adattarsi sia a livello di guida che di set-up. E' così per tutti. Non abbiamo ancora scoperto quanto margine c'è e quanto possiamo migliorare, perché abbiamo delle idee, ma dobbiamo ancora provarle" ha aggiunto.

Come detto, per il momento però non pensa che sia il momento di preoccuparsi troppo, perché a livello di passo la sua Ducati non sarà la migliore del lotto, ma non è messa affatto male. Però resta il fatto che domani sarà fondamentale lavorare su questo aspetto.

"Non sono preoccupato, perché non ha senso dare importanza a quello che sta succedendo in questo momento. Se dovessimo correre domani, non saremmo messi male. Se andate a guarda il passo con la gomma usata, quindi nel secondo e nel terzo run, giravamo 1'59"6-1'59"7, che non è male. Però non siamo i più veloci e soprattutto dobbiamo scoprire quanto margine c'è e se c'è con la nuova gomma posteriore. Speriamo domani di avere il tempo per lavorare su queste cose, perché è la cosa più importante".

Riguardo alla nuova gomma posteriore, la sua sensazione è che sul giro secco possa favorire moto come Yamaha e Suzuki che hanno il loro punto forte nella percorrenza, ma che in gara la situazione possa essere differente.

"Sulla carta, in base alle sensazioni che ho, mi verrebbe da dire che le moto che scorrono di più, tipo Suzuki e Yamaha, possono avere un vantaggio. Però questa è una supposizione che posso scoprire solo in gara. Sul giro secco può dargli un vantaggio, ma poi la gara è un'altra cosa e nei test non riesci a capire questi aspetti. Diciamo che i giorni a disposizioni sono pochi, quindi potrebbe essere difficile arrivare con un bilanciamento ottimale alla prima gara in Qatar. Ma ora dobbiamo rimanere tranquilli e lavorare, sfruttando il tempo a disposizione per cercare di capire".

Infine, Andrea ha dedicato un pensiero anche alla crescita della KTM, evidenziata dalla grande prestazione del collaudatore Dani Pedrosa, capace oggi di staccare il terzo tempo.

"Sono sorpreso fino ad un certo punto, ma vuol dire che la KTM sta migliorando, perché Pol è molto forte anche di passo. In realtà, del tempo a fine giornata di Dani non sono particolarmente sorpreso, perché so quando è forte lui e quanto sia veloce su questa pista, quindi se la KTM ha fatto un passo avanti, ci sta che sia lì davanti".

Informazioni aggiuntive di Oriol Puigdemont

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Moto di Andrea Dovizioso, Ducati Team
Moto di Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/15

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/15

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/15

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
12/15

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
13/15

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
14/15

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
15/15

Foto di: Ducati Corse

condivisioni
commenti
Márquez: “Sembra che Yamaha e Suzuki siano le più forti”

Articolo precedente

Márquez: “Sembra che Yamaha e Suzuki siano le più forti”

Prossimo Articolo

Vinales: "Solo in gara capiremo se la Yamaha è un passo avanti"

Vinales: "Solo in gara capiremo se la Yamaha è un passo avanti"
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021