Dovizioso: “Siamo secondi in classifica, unica cosa positiva”

Settimo al traguardo, il pilota Ducati fatica ancora sulla pista di Phillip Island, ma è matematicamente secondo nella classifica generale, solo dietro al miglior Marquez di sempre. Spiega poi il motivo per cui Bagnaia è andato più forte sul tracciato australiano.

Dovizioso: “Siamo secondi in classifica, unica cosa positiva”
Carica lettore audio

Il Gran Premio d’Australia è stato piuttosto complicato per Andrea Dovizioso, che è in qualifica non è andato oltre la decima posizione ed in gara ha lottato a metà gruppo contro rivali agguerriti. Settimo al traguardo, il forlivese ha dimostrato ancora una volta quando il tracciato di Phillip Island non sia congeniale al suo stile di guida, faticando a tenere il passo dei primi e restando alle spalle anche dei due piloti del team Pramac.

Un largo alla curva 2 all’ultimo giro gli ha precluso la possibilità di comandare il secondo gruppo, che lottava alle spalle di Maverick Viñales e Marc Marquez (con quest’ultimo poi vincitore). Se si guarda alla classifica generale però, tutto sommato il bilancio è positivo. Con la settima posizione di Phillip Island si assicura per il terzo anno consecutivo il secondo posto nella classifica generale ed è solo alle spalle del Marquez migliore di sempre. I punti raccolti inoltre permettono a Ducati di rimanere al comando della classifica dei team, davanti di una sola lunghezza a Honda Repsol.

 

Dovizioso commenta così il risultato ottenuto nelle classifiche mondiali: “Nonostante la fatica che abbiamo fatto quest’anno e gli alti e bassi che abbiamo avuto, alla fine abbiamo confermato la seconda posizione con due gare d’anticipo, quindi è il lato positivo di oggi. Uno dei lati negativi è che Marquez da solo è ad un punto da me e Danilo nella classifica dei team”.

Proprio le difficoltà mostrate quest’anno con la Desmosedici del 2019 hanno portato a pensare che la moto dello scorso anno potesse continuare ad essere più prestazionale, visti i risultati di Jack Miller, terzo, e di un ottimo Francesco Bagnaia, che ha tenuto a bada il forlivese per tutta la gara e ha tagliato il traguardo in quarta posizione.

Leggi anche:

Dovi spiega il motivo per cui il connazionale e compagno di marca è andato più forte: “Non è una questione di moto, è una pista molto particolare, con curve ad ampio raggio e molto lunghe. È più uno stile di guida ed un approccio a linee. Phillip Island è una pista molto anomala, i piloti che vanno forte qua, in altre piste non vanno così rapidi. Secondo me c’è un modo di guidare che fa la differenza, cioè chi è scorrevole qui va forte. Se guardiamo Cal, con qualsiasi moto che ha corso è andato forte, così come Iannone che infatti qui è andato bene. Bagnaia secondo me quest’anno, che ha fatto sempre fatica, è andato forte”.

“Ho fatto qualche giro insieme a Pecco, ma mi sono reso conto che lui sta guidando ancora da Moto2 e forse è questo il motivo per cui non va. Lui fa fare il trasferimento di carico in modo diverso da noi che lo facciamo da MotoGP. Ma su questa pista funziona meglio e ti permette di andare forte anche quando la gomma cala. Noi non potevamo più frenare come prima e trasferire il carico, perché la gomma dietro non c’era, lui frena poco ed entra col freno. Secondo me è il motivo per cui è andato molto forte e gli faccio i complimenti”.

Nel giorno in cui Dovizioso si conferma matematicamente in seconda posizione, Lorenzo Dalla Porta sfata il tabù e si laurea campione del mondo in Moto3, esattamente 15 anni dopo il titolo conquistato proprio dal forlivese: “Sono molto contento per Dalla Porta, quest’anno c’erano tre o quattro piloti che si potevano giocare il campionato e che erano forti più o meno uguali. Ma Lorenzo è stato più costante e se l’è meritato, sono contento che abbia vinto lui e sono felice per lui”.

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team, Australian MotoGP 2019
Andrea Dovizioso, Ducati Team,  Australian MotoGP 2019
3/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Teamm Andrea Dovizioso, Ducati Team
Marc Marquez, Repsol Honda Teamm Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/7

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Viñales: “Meglio cadere che arrivare secondo”
Articolo precedente

Viñales: “Meglio cadere che arrivare secondo”

Prossimo Articolo

Iannone: "Sono il primo a portare la RS-GP in testa, che orgoglio!"

Iannone: "Sono il primo a portare la RS-GP in testa, che orgoglio!"

MotoGP | Quartararo ci ripensa: non si opererà al dito fratturato

Sebbene lo stesso pilota della Yamaha avesse annunciato l'intenzione di sottoporsi ad un intervento chirurgico dopo la fine della stagione, il ragazzo di Nizza alla fine ha deciso di evitare la sala operatoria.

MotoGP
30 nov 2022

Domenicali: "Sostenibilità? Ducati non fa proclami, ma fatti"

L'amministratore delegato della Casa di Borgo Panigale ha introdotto l'ultima tappa del Ride to FIM Awards, che si è svolto all'interno del Museo Ducati, sottolineando l'impegno del marchio per quanto riguarda la transizione energetica. L'esempio più lampante è l'ingresso in MotoE come fornitore unico a partire dalla prossima stagione.

MotoGP
30 nov 2022

Viegas: "Le corse devono essere un esempio per la sostenibilità"

Il presidente della FIM ha portato al Museo Ducati di Borgo Panigale l'ultima tappa del Ride to FIM Awards, che aveva come tema centrale il futuro e la sostenibilità energetica per il mondo delle moto.

MotoGP
30 nov 2022

MotoGP | Ciabatti: "Le voci sugli ordini di scuderia erano bullshit"

Paolo Ciabatti, direttore sportivo della Ducati, ha dichiarato che il marchio ha dimostrato nelle ultime gare della stagione 2022 di MotoGP che le speculazioni relative agli ordini di scuderia per favorire la candidatura al titolo di Pecco Bagnaia erano "stronzate".

MotoGP
30 nov 2022

MotoGP | Espargaro: "Honda ha perso soldi e tempo con me"

Pol Espargaro ritiene che la Honda abbia sprecato tempo e denaro con lui durante la stagione 2022 della MotoGP, dopo che la squadra ha smesso di fornirgli nuove parti da testare.

MotoGP
28 nov 2022

MotoGP | Gabarrini: “La Ducati di Stoner aveva una sete sfrenata di benzina”

Cristian Gabarrini, responsabile tecnico del box di Pecco Bagnaia, lo è stato anche di Casey Stoner e sottolinea come l’australiano fosse più efficiente nella gestione del consumo dell’elettronica della moto nell’anno in cui vinse il titolo di MotoGP.

MotoGP
28 nov 2022

100Km dei Campioni: Baldassarri e Bartolini battono Rossi e Marini

Elia Bartolini e Lorenzo Baldassarri hanno vinto l'ottva edizione della 100Km dei Campioni davanti a Valentino Rossi e Luca Marini. Terzo posto per Vietti Ramus e Antonelli.

MotoGP
27 nov 2022

MotoGP | Bezzecchi: "Un rookie ha bisogno di un anno con la mente sgombra"

Marco Bezzecchi ha disputato una prima stagione esemplare in MotoGP, senza lasciarsi sopraffare dai buoni risultati o dalla pressione. Sa di aver potuto contare su condizioni favorevoli per questo, tanto che riterrebbe vantaggioso se ogni esordiente potesse, come lui, poter scoprire la classe regina con un contratto di due anni.

MotoGP
26 nov 2022