MotoGP
28 mar
Prove Libere 1 in
22 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
28 giorni
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
16 apr
Prossimo evento tra
42 giorni
G
GP di Spagna
29 apr
Prossimo evento tra
55 giorni
G
GP di Francia
13 mag
Prossimo evento tra
69 giorni
G
GP d'Italia
27 mag
Prossimo evento tra
83 giorni
G
GP della Catalogna
03 giu
Prossimo evento tra
90 giorni
G
GP di Germania
17 giu
Prossimo evento tra
104 giorni
G
GP d'Olanda
24 giu
Prossimo evento tra
111 giorni
G
GP di Finlandia
08 lug
Prossimo evento tra
125 giorni
G
GP d'Austria
12 ago
Prossimo evento tra
160 giorni
G
GP di Gran Bretagna
26 ago
Prossimo evento tra
174 giorni
G
GP di Aragon
09 set
Prossimo evento tra
188 giorni
G
GP di San Marino
16 set
Prossimo evento tra
195 giorni
G
GP del Giappone
30 set
Prossimo evento tra
209 giorni
G
GP della Tailandia
07 ott
Prossimo evento tra
216 giorni
G
GP d'Australia
21 ott
Prossimo evento tra
230 giorni
G
GP di Malesia
28 ott
Prossimo evento tra
237 giorni
G
GP di Valencia
11 nov
Prossimo evento tra
251 giorni

Dovizioso: "Se voglio il titolo devo attaccare. Ma non sempre"

Andrea Dovizioso afferma che dovrà attaccare da ora in poi per cercare di recuperare i 18 punti di svantaggio che ha nei confronti del leader del Mondiale, ma anche che non potrà correre sempre con il cuore.

Dovizioso: "Se voglio il titolo devo attaccare. Ma non sempre"

Grazie a un risultato nemmeno troppo brillante ottenuto a Le Mans, Andrea Dovizioso è tornato in lizza per il titolo iridato 2020 di MotoGP. Ora il forlivese della Ducati dovrà cercare di ricucire ulteriormente il divario che lo separa dal leader della classifica iridata, Fabio Quartararo, sul tracciato di Aragon.

Andrea, ora, ha un ritardo di 18 punti dal leader della classifica generale e, da questo fine settimana in poi, non dovrà più commettere errori, né lasciare qualcosa al caso qualora volesse ottenere il primo titolo iridato della carriera in MotoGP.

Dovi, hai visto il posto di Davies su Twitter?
"Sì, ho visto il posto di Chaz. Molto carino. Sono dispiaciuto che non abbia una buona moto per l'anno prossimo. Sono felice per Rinaldi, perché ha mostrato di avere una buona velocità, ma sono dispiaciuto che Chaz. Ora siamo senza un lavoro!".

Leggi anche:

Che tipo di fine settimana sarà questo di Aragon?
"Per quanto riguarda questo weekend non so come potrà andare. C'è sempre l'incognita gomme, dovremo capire come andranno. Qui però ci sono delle buone staccate, noi potremmo essere competitivi, ma al momento non posso saperlo con certezza. Credo che le Yamaha saranno molto forti, ma penso che, sebbene questa non sia la miglior pista per noi, nelle ultime stagioni siamo riusciti a gestire bene le gomme e a portare a casa ottimi risultati. Qui farà freddo, sarà difficile far funzionare bene le gomme a causa del freddo. Anche il vento sarà un fattore importante".

Pensi che ad Aragon i tuoi problemi in staccata possano essere attenuati ad Aragon?
"Normalmente soffriamo nelle staccate sui rettilinei, dunque qui ad Aragon dovremmo avere una situazione differente. Ho parlato nella Safety Commission e ho spinto per avere più gomme asimmetriche anteriori. C'è più di una pista in cui necessitiamo di quelle gomme, perché stiamo correndo su piste in cui troviamo temperature più fredde del solito rispetto all'anno passato. Inoltre trovo le gomme asimmetriche più sicure".

In questi giorni sei comunque al centro del mercato... come collaudatore?
"Avere un ottimo pilota, con esperienza, capace di sviluppare la moto penso sia la miglior soluzione per ogni team ufficiale. E' un vantaggio per ogni Casa in situazioni come queste. Sto parlando con tutti. Vedremo cosa succederà in futuro, ma sono contento di essere cercato".

Data la tua competitività sul bagnato, speri di avere tante gare sul bagnato da qui alla fine della stagione?
"Spero di poter lottare per il titolo su pista asciutta. Ora ci sono piloti più competitivi di me ma spero di essere della partita. Qualora ci dovessero essere condizioni di pista bagnata, dovremo cercare di essere competitivi. Sul bagnato in passato siamo stati forti, ma ci sono troppe incognite. Ecco perché vorrei lottare sull'asciutto. Certo, avere l'esperienza che ho nei confronti di alcuni piloti giovani potrebbe fare la differenza, ma anche la moto, le situazioni in cui ci troveremo, le gomme e le piste".

Questo è il momento di attaccare?
"Ora bisogna attaccare, perché dobbiamo recuperare punti se vogliamo vincere il Mondiale. Ora può succedere davvero di tutto, perché possiamo trovare condizioni molto diverse. Per i piloti sarà complicato e potrebbe riaprire certe situazioni. Sarà interessante".

Questo titolo si vince con la testa o con il cuore?
"Con il cuore si possono ottenere certi risultati in situazioni particolari. Pensare a questi livelli di fare 5 weekend col cuore e fare risultato, dal mio punto di vista, non funziona. Per certi momenti può funzionare, ma non sempre. Poi dipende dalle situazioni che si creano. Di base, in una stagione così instabile, fare le cose buttandosi potrebbe portare a fare più errori".

condivisioni
commenti
Mir: "Quello che ha perso di più a Le Mans è Quartararo"

Articolo precedente

Mir: "Quello che ha perso di più a Le Mans è Quartararo"

Prossimo Articolo

Petrucci: "La svolta è arrivata al test di Misano"

Petrucci: "La svolta è arrivata al test di Misano"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Aragon
Piloti Andrea Dovizioso
Team Ducati Team
Autore Giacomo Rauli
Valentino Rossi, quella voglia di stupire ancora a 42 anni Prime

Valentino Rossi, quella voglia di stupire ancora a 42 anni

Nonostante i suoi 42 anni, Valentino Rossi non ne vuole sapere di appendere il casco al chiodo: per continuare a correre in MotoGP ha accettato di passare al Team Petronas, ma con supporto ufficiale Yamaha. Crede ancora in sé stesso ed ha voglia di dimostrare a tutti di poter continuare a lottare con i migliori. Ce la farà a rinascere ancora una volta?

MotoGP
2 mar 2021
Pramac e la vittoria con Ducati solo sfiorata Prime

Pramac e la vittoria con Ducati solo sfiorata

Il Pramac Racing entra nella sua 20esima stagione in MotoGP, la 17esima con Ducati ed insegue ancora la sua prima vittoria con la Casa di Borgo Panigale, pur avendola sfiorata in diverse occasioni. Ripercorriamo insieme tutte le volte che è mancato veramente un soffio.

MotoGP
28 feb 2021
Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati Prime

Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati

Il ritorno di un pilota australiano in sella ad una Ducati ufficiale fa tornare alla memoria un periodo glorioso per la Casa di Borgo Panigale. Miller, però, è un personaggio che potrà aiutare il team a tornare ai vertici.

MotoGP
25 feb 2021
Honda: quanto peserà l'assenza di Marc Marquez nei test? Prime

Honda: quanto peserà l'assenza di Marc Marquez nei test?

Dopo un 2020 senza vittorie in MotoGP, la Honda è chiamata assolutamente al riscatto nel 2021, anche se la sua stagione inizierà in salita: Marc Marquez non è ancora pronto, quindi dovrà saltare i test e non si sa ancora quando potrà tornare a correre. Che impatto avrà questo sullo sviluppo della RC213V?

MotoGP
24 feb 2021
Perché ad Alex Marquez non interessa zittire i critici Prime

Perché ad Alex Marquez non interessa zittire i critici

La crescita di Alex Marquez è stata una delle sorprese della MotoGP 2020 e, uscendo finalmente dall'ombra del fratello Marc, ha dimostrato che alcune persone si sbagliavano. Non che gli importi di questo, come ha spiegato a Lewis Duncan.

MotoGP
21 feb 2021
La nuova era Yamaha in MotoGP può "liberare" Vinales Prime

La nuova era Yamaha in MotoGP può "liberare" Vinales

Dopo l'elettrizzante inizio della sua carriera in Yamaha nel 2017, Maverick Vinales ha faticato a trovare la costanza. Molti temono che l'arrivo di Fabio Quartararo possa significare un disastro per lui, ma la partenza di Valentino Rossi potrebbe essere proprio l'impulso di cui ha bisogno.

MotoGP
19 feb 2021
Marini: "Se lotterò con Vale, vuol dire che sto andando forte" Prime

Marini: "Se lotterò con Vale, vuol dire che sto andando forte"

Intervista esclusiva a Luca Marini, esordiente nel campionato 2021 di MotoGP. Il marchigiano si racconta ai nostri microfoni in vista del primo anno da rookie in sella ad una Ducati del team Esponsorama.

MotoGP
19 feb 2021
KTM: attacco a quattro punte, ma forse manca il "bomber" Prime

KTM: attacco a quattro punte, ma forse manca il "bomber"

La Casa austriaca prova a cambiare filosofia, schierando quelli che ritiene essere due team ufficiali a tutti gli effetti. Dopo le tre vittorie del 2020, le ambizioni sono elevate, ma i quattro piloti ne saranno all'altezza?

MotoGP
15 feb 2021