Dovizioso: "Rossi dice che la Ducati è impressionante? Si vede che lavoriamo bene..."

condivisioni
commenti
Dovizioso:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
28 nov 2018, 18:52

Secondo tempo per "Desmodovi" nella prima giornata di test di MotoGP sulla pista di Jerez. Il pilota italiano è stato contento del passo mostrato con gomme usate, di un nuovo assetto e un nuovo telaio provato oggi.

Andrea Dovizioso si gode il buon inizio di test collettivi della MotoGP sul tracciato andaluso di Jerez de la Frontera con il secondo tempo assoluto ottenuto oggi alle spalle del compagno di squadra Danilo Petrucci. "Desmodovi" stava cercando di migliorare il suo tempo e ci stava riuscendo. Sembrava poter saltare in testa alla classifica generale a pochi minuti dal termine, ma poi è caduto.

La scivolata lo ha costretto ad andare al Centro Medico per verificare che la sua mano dolorante non fosse infortunata. Le lastre fatte non hanno evidenziato fratture, ma capirà se potrà proseguire i test solo domani mattina. Intanto ora si gode la buona giornata odierna.

"Stavo spingendo per migliorare il mio tempo, ero un po' troppo veloce a centro curva quando ho lasciato i freni. Stavo anche provando un assetto abbastanza nuovo per noi. Stavo andando bene, stavo migliorando, però come tutti i set up hanno pregi e difetti, quindi era importante provare, portarlo al limite per capire la direzione da prendere. E' da studiare. A parte quello sembra non ci sia nulla di rotto".

"Dalle lastre non si vede nulla, probabilmente è solo una botta al muscolo. La scivolata è stata normale, ma poi una volta arrivato sulla ghiaia mi sono impuntato e mi sono fatto male alla mano. Sembra però sia solo gonfia. Speriamo di poter proseguire a lavorare".

Le prove comparative effettuate oggi non hanno dato le stesse risposte avute nei test precedenti fatti al Ricardo Tormo di Valencia, eppure Andrea è evidentemente fiducioso. Un nuovo assetto e la risposta del nuovo telaio sembrano averlo convinto, anche se domani farà di tutto per proseguire i test e trovare conferme sul materiale provato a Valencia e nella giornata odierna.

"Oggi abbiamo fatto qualche prova di comparazione ma non ha dato la stessa risposta di Valencia. Speriamo domattina di avere una mano a posto per poter continuare a lavorare perché vogliamo continuare a provare per avere altre risposte".

"Oggi siamo stati davvero molto veloci, sia io che Danilo pur non avendo avuto una moto totalmente 2019. Abbiamo davvero trovato un ottimo passo con le gomme usate. Questo è positivo. Siamo qua per fare comparazioni del materiale che abbiamo e questo è l'importante. Per questo spero di poter girare domani".

Leggi anche:

"Stiamo provando cose per decidere come sarà la moto 2019. Il nuovo telaio è buono, ma le risposte non sono state le stesse avute a Valencia. Per questo sarà importante girare domani e capire perché. Vedremo se avremo le stesse risposte o meno perché condizionerà la scelta del materiale per il prossimo anno".

Oggi, a supporto del lavoro della Ducati, è arrivato un commento eloquente di Valentino Rossi che ha definito le Rosse "impressionanti". Dovizioso ha incassato il complimento ma ha affermato anche che i test sono sempre prove e non dicono la verità sulle effettive prestazioni delle moto.

"Valentino dice che le Ducati sono impressionanti? Vuol dire che stiamo facendo un buon lavoro... Ma fare comparazioni con altre moto in questo momento è molto difficile" (sorride). "Quest'anno abbiamo davvero per la prima volta una base solida. Nel 2017 ci siamo giocati il Mondiale ma è da quest'anno che siamo davvero competitivi. Prima lavoravamo a rincorrere, mentre ora arriva tutto al momento opportuno".

Per concludere, il 32enne forlivese ha parlato della nuova convivenza al box Ducati con Danilo Petrucci. Questa sembra essere partita molto bene, perché il rapporto tra i due è buono e questo, secondo Dovizioso, non potrà fare altro che giovare alla crescita della moto e del team. 

"Con Danilo lavoreremo di più dalla Malesia, ma tra noi c'è un buon rapporto e ci fa piacere parlare dei vari dettagli. Capita che io vada da lui, che lui venga da me. E va bene quando c'è questo tipo di rapporto, perché si possono migliorare anche i dettagli. In questo momento abbiamo una buona base, dunque si tratta di dettagli e dobbiamo migliorare quelli. Se lavoriamo così bene insieme è solo un valore aggiunto per tutti e due".

Prossimo Articolo
Bagnaia: "Ho fatto passi avanti, ma fatico ancora in frenata e nelle curve lente"

Articolo precedente

Bagnaia: "Ho fatto passi avanti, ma fatico ancora in frenata e nelle curve lente"

Prossimo Articolo

Petrucci: "Finire davanti è una soddisfazione, ma sono più contento di come andiamo con le gomme usate"

Petrucci: "Finire davanti è una soddisfazione, ma sono più contento di come andiamo con le gomme usate"
Carica commenti