Dovizioso: "Possiamo migliorare correndo di nuovo a Jerez"

Il pilota della Ducati è convinto che la seconda gara sul tracciato andaluso possa essere preziosa per far progredire la Desmosedici GP dove ha faticato.

Dovizioso: "Possiamo migliorare correndo di nuovo a Jerez"

Andrea Dovizioso è reduce dal suo primo podio nella classe regina sul tracciato di Jerez de la Frontera, pista da sempre indigesta sia a lui che alla Ducati. Il frenetico calendario post-COVID prevede un secondo appuntamento in Andalusia, ma secondo il forlivese questa è una grande opportunità per provare a far evolvere la Desmosedici GP dove, risultato a parte, ha avuto delle belle difficoltà. In particolare nell'adattamento alla nuova gomma posteriore.

Quando durante la conferenza stampa che ha aperto il weekend del GP di Andalusia gli è stato chiesto se pensa di potersi migliorare, il ducatista ha detto: "Lo spero, perché lo scorso weekend è stata davvero dura, specialmente in gara. Faticavo e non riuscivo a guidare come avrei voluto, quindi è stata una grande sfida a livello fisico per me dall'inizio alla fine. Concludere sul podio è stato molto importante per il campionato, soprattutto perché lo abbiamo fatto a Jerez".

Poi il vice-campione del mondo ha spiegato appunto che questa seconda gara sulla stessa pista è un'opportunità importante per chi ha bisogno di migliorare il proprio pacchetto.

"Sono contento di correre di nuovo qui, perché dopo quattro giorni hai la possibilità di lavorare su alcuni dettagli dopo aver già completato una gara. Questo è il modo migliore per lavorare sulla moto: abbiamo analizzato parecchie cose ed abbiamo diverse idee. Vedremo se tutto questo funzionerà, perché quello che ci serve è fare un passo avanti a livello di velocità e siamo concentrati su questo".

Il buon risultato di domenica scorsa non ha cambiato nulla sul fronte del rinnovo di contratto e Andrea ha detto che per ora preferisce rimanere concentrato sui risultati.

"No, per il momento non è cambiato ancora nulla. Dobbiamo concentrarci sulle gare, perché dopo il buon risultato che abbiamo ottenuto domenica, dobbiamo continuare a mantenere questa posizione. Sarà molto dura, perché c'erano tanti piloti veloci dietro di me, quindi dobbiamo migliorare ulteriormente. Questo è l'obiettivo in questo momento, poi potremo pensare alla strategia e a tutto il resto".

Dopo la gara di domenica scorsa, Dovizioso aveva indicato Quartararo e Vinales come favoriti, visto anche l'infortunio di Marquez, ma questo non vuol dire che non veda il binomio formato da lui e dalla Ducati in grado di continuare a lottare per il titolo.

"Sicuramente vogliamo essere lì e lotteremo per esserci. Per ora abbiamo fatto solo una gara e le mie sensazioni non erano state troppo buone, mentre loro hanno mostrato un potenziale migliore. Però parlare di campionato in questo momento credo che sia normale da parte dei media, ma prematuro da parte nostra. Noi vogliamo esserci come nelle ultime tre stagioni, ma dobbiamo capire quanto margine abbiamo a livello di velocità".

Leggi anche:

C'era anche chi contestava il fatto che con Marquez infortunato, vincere questo campionato non avrebbe lo stesso sapore. Il ducatista però non sembra condividere particolarmente questo pensiero.

"Questo campionato è un pochino diverso, le regole però sono le stesse per tutti. Bisogna provare a vincere le 12 gare che ci saranno da qui alla fine. Pare comunque che Marc possa essere in pista già domenica, quindi non cambia nulla".

Oggi è stata anche annunciata una modifica alla regole sulle bandiere gialle: d'ora in avanti, se un pilota non dovesse rallentare, oltre a vedersi cancellare il tempo potrebbe anche incappare in una penalità. Concetto che soddisfa Dovizioso solo fino ad un certo punto.

"Sulle regole ci sono sempre delle lamentele, perché è brutto perdere un giro cronometrato se la bandiera gialla non riguarda una situazione particolarmente pericolosa. E' stata una decisione presa per questioni di sicurezza e certamente c'è miglioramento da questo punto di vista, perché tutti dovranno rallentare".

"Credo che bisognerebbe separare le situazioni di reale pericolo per un pilota da quelle dove magari qualcuno è andato semplicemente lungo. So che è molto difficile per la Direzione Gara gestire queste situazioni, ma in questo modo sarebbe meglio. Comunque hanno cambiato la regola e noi ora dobbiamo adattarci e seguirla".

Guarda il Gran Premio Red Bull di Andalusia live su DAZN. Attiva ora

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, secondo posto Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, terzo posto Andrea Dovizioso, Ducati Team

Il vincitore della gara Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, secondo posto Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, terzo posto Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
12/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Andrea Dovizioso, Ducati Team, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
13/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Terzo posto per Andrea Dovizioso, Ducati Team

Terzo posto per Andrea Dovizioso, Ducati Team
14/16

Foto di: MotoGP

Terzo posto per Andrea Dovizioso, Ducati Team

Terzo posto per Andrea Dovizioso, Ducati Team
15/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
16/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Vinales: “Non ho niente da dire sui motori Yamaha”

Articolo precedente

Vinales: “Non ho niente da dire sui motori Yamaha”

Prossimo Articolo

Miller: "Mondiale illegittimo? Tutti possiamo farci male!"

Miller: "Mondiale illegittimo? Tutti possiamo farci male!"
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021