Dovizioso: "Podio frutto della mia determinazione"

Con il terzo posto di oggi a Jerez, Dovizioso ha mandato un messaggio importante a Ducati e alla concorrenza. Sull'infortunio di Marquez ha detto: "Marc quando deve recuperare, diventa ancora più forte".

Dovizioso: "Podio frutto della mia determinazione"

Andrea Dovizioso ha mandato un messaggio forte e a tanti destinatari. A Jerez de la Frontera ha vissuto un weekend difficile, faticando ad adattare la sua Ducati alla nuova gomma posteriore della Michelin, ma anche per il grande caldo.

Eppure, il forlivese è venuto fuori alla grande ed è riuscito ad andare a conquistarsi un posto sul podio che fino ad un paio di giri dal termine non sembrava un obiettivo facile.

Il primo messaggio lo ha sicuramente inviato alla Ducati, che all'inizio del weekend aveva parlato della necessità di vedere le motivazioni del forlivese prima di mettere la firma sul rinnovo per il 2021. E uno che lotta così fino all'ultimo metro di gara, sicuramente non è uno a cui mancano le motivazioni.

Il secondo invece a chi dovrà lottare con lui per il Mondiale, perché è vero che le due Yamaha di Fabio Quartararo e Maverick Vinales sono sembrate uno step più avanti, ma lo è altrettanto che il tracciato andaluso è storicamente indigesto alla Ducati e a Dovizioso. Basta pensare che questo è il suo primo podio nella classe regina su questa pista.

E assume ancora più valore nel giorno dell'infortunio di Marc Marquez, che sicuramente metterà il campione del mondo nella condizione di dover essere lui l'inseguitore in questo 2020 e non l'inseguito.

"Mi aspettavo di essere competitivo, anche se in gara lo siamo stati meno di quanto avrei sperato. Eravamo un gruppone, quindi sarebbe potuto succedere di tutto tra gomme nuove e temperatura alta" ha detto Dovizioso ai microfoni di Sky Sport MotoGP.

"In gara però ho fatto la differenza solo perché ho usato la testa e sono rimasto calmo. Non sono mai riuscito ad andare forte, sono stato solo costante e non ho mollato quando gli altri non ce la facevano più" ha aggiunto.

Il ducatista ha sottolineato poi il grande lavoro fisico fatto per recuperare dall'operazione alla clavicola di appena qualche settimana fa, ma anche quello svolto nel box insieme ai ragazzi del team.

"Devo dire grazie anche al lavoro che abbiamo fatto nelle ultime due settimane, perché non era facile arrivare con una clavicola appena operata, ma non ho avuto problemi. Abbiamo fatto un grande lavoro anche questo weekend, perché non siamo mai stati veloci e siamo partiti anche dietro".

"Quando non hai la velocità, riuscire a rimanere lì tutta la gara è la cosa più difficile. Se hai un po' di margine ti puoi gestire, invece con questo caldo è stato un disastro ed ho veramente poche energie".

Un accenno all'infortunio di Marc Marquez e all'impatto che potrebbe avere sulla stagione ovviamente non poteva mancare.

"Decisivo no, influente si. Marc quando deve recuperare, diventa ancora più forte. E Fabio ha solo dimostrato quello che tutti pensavamo che fosse capace di fare. Questa è stata una gara particolare e lo sarà anche la prossima. La temperatura è troppo alta e le condizioni estreme".

"Credo e spero che ci troveremo in situazioni diverse quando andremo su altre piste. Io sono stra-contento del podio, perché è arrivato solo con il lavoro del team e con la mia determinazione. Però non siamo veloci, quindi non basta".

Alla fine comunque si torna sempre su questo punto, ovvero che la velocità della Ducati al momento non basta per pensare di ambire al titolo. Anche se Andrea resta convinto che ci sia ancora il margine per fare uno step nelle prossime gare.

"Sicuramente possiamo migliorare la nostra prestazione, perché in questo momento ci manca la velocità, che è quello che serve per attuare un certo tipo di strategie. Diciamo che quando è arrivato a prendermi Marc, vedere la velocità che aveva è stato un po' disarmante".

Guarda la MotoGP live su DAZN. Sempre a 9,99€ al mese

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
Andrea Dovizioso, Ducati Team, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
2/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, secondo posto Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, terzo posto Andrea Dovizioso, Ducati Team
Il vincitore Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, secondo posto Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, terzo posto Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Terzo posto per Andrea Dovizioso, Ducati Team
Terzo posto per Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, secondo posto Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, terzo posto Andrea Dovizioso, Ducati Team
Il vincitore della gara Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, secondo posto Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, terzo posto Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
12/15

Foto di: MotoGP

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
13/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
14/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
15/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Guaio Honda: anche Crutchlow deve operarsi allo scafoide

Articolo precedente

Guaio Honda: anche Crutchlow deve operarsi allo scafoide

Prossimo Articolo

Tegola Marquez: frattura completa dell'omero, dovrà operarsi

Tegola Marquez: frattura completa dell'omero, dovrà operarsi
Carica commenti
Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021
Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo Prime

Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo

Il terzo posto di Aleix Espargaro ha rappresentato il primo podio della Casa di Noale nell'era MotoGP. Un risultato che premia per un percorso che è stato costellato di ostacoli, ma che deve essere preso come punto di partenza per ambire a qualcosa di ancora più grande. Anche perché ora c'è pure un sogno di nome Maverick Vinales.

MotoGP
1 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.

Ceccarelli: “Quartararo vince con il piglio di Valentino” Prime

Ceccarelli: “Quartararo vince con il piglio di Valentino”

Torna l'appuntamento con la rubrica del mercoledì firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli ci parlano della forza mentale dimostrata da Fabio Quartararo in occasione del GP di Gran Bretagna di MotoGP.

MotoGP
1 set 2021