MotoGP
18 ott
-
20 ott
Evento concluso
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso

Dovizioso piega Marquez: il Red Bull Ring è ancora fortino Ducati

condivisioni
commenti
Dovizioso piega Marquez: il Red Bull Ring è ancora fortino Ducati
Di:
11 ago 2019, 13:06

Il pilota della Ducati centra la seconda vittoria stagionale con un sorpasso capolavoro su Marc all'ultima curva, proprio quello che non riuscì al rivale della Honda nel 2017. Sul podio anche Quartararo, mentre Rossi è quarto.

Il Red Bull Ring è sempre stato un terreno di caccia speciale per la Ducati, ma quest'anno il vantaggio del poderoso motore della Desmosedici GP sembrava essere stato annullato dalla crescita di quello della Honda.

Andrea Dovizioso però non ne voleva proprio sapere di cedere a Marc Marquez anche l'ultimo fortino ed è riuscito a battere lo spagnolo proprio dove due anni fa ci fu il primo dei loro duelli all'ultima curva. Questa volta però dobbiamo dire che ha vinto più Dovizioso che la Ducati, riuscendo nella manovra che invece nel 2017 aveva fallito lo storico rivale.

 

Il leader iridato sembrava accreditato di un passo in grado di farlo scappare, ma il forlivese lo ha braccato come un segugio ed è rimasto incollato agli scarichi della RC213V, favorito forse anche da una scelta differente per quanto riguarda la gomma posteriore (soft contro la media di Marc). Aveva troppo bisogno di tornare a vincere, anche per fare una dedica speciale a Luca Semprini, l'addetto stampa scomparso prematuramente la scorsa settimana.

La gara per i due si era messa inizialmente in salita, perché Marc è andato lungo alla curva 3 al primo giro, trascinando con sé "Desmodovi". Dopo qualche passaggio in testa per Fabio Quartararo, sono stati proprio loro due, i protagonisti più attesi, a prendere le redini della gara.

Inizialmente è andato avanti il ducatista, ma all'ottavo giro Marquez si è infilato all'interno della curva 8. A quel punto il campione del mondo in carica ha provato a strappare, ma Dovi gli ha risposto colpo su colpo, rimanendo sempre incollato al suo scarico.

A 9 giri dal termine poi è andato al contrattacco, sverniciando Marc sul rettilineo di partenza e rimettendosi davanti alla curva 1. Marquez, in ogni caso, non si è dato affatto per vinto e dopo aver studiato l'avversario lo ha attaccato in un punto impensabile a -3 dalla fine: il pilota di Cervera si è infilato all'interno della curva 7, con Dovi che ha provato a replicare, ma senza successo.

Nei due passaggi successivi poi l'italiano ci ha provato alla curva 1, ma andando lungo in entrambi i casi e permettendo a Marquez l'incrocio. A quel punto la gara sembrava finita per tutti, ma non per Andrea: "Desmodovi" è uscito fortissimo dalla curva 9 e si è buttato dentro all'interno dell'ultima staccata con una velocità tale che l'incrocio sembrava l'unica possibilità. Ma a sorpresa Dovi è riuscito a far girare la sua Rossa e si è involato verso la seconda vittoria stagionale dopo quella del Qatar.

Un successo che non pesa troppo in ottica iridata, visto che i punti da recuperare su Marquez rimangono 58, ma che sicuramente è un'importante iniezione di fiducia per lui e per la Ducati in un momento in cui nel paddock circolano anche delle voci relative ad un possibile e clamoroso addio di Gigi Dall'Igna, smentite dal diretto interessato subito dopo la gara ("Non sono sul mercato" ha detto ai microfoni di Sky).

Leggi anche:

Detto dell'entusiasmante duello per la vittoria, bisogna riconoscere che alle spalle del tandem di testa le Yamaha sono riuscite a limitare i danni: dopo aver comandato per qualche giro, Quartararo è stato letteralmente sverniciato, confermando la differenza di motore con Honda e Ducati. Il pilota del Team Petronas però è riuscito a chiudere terzo a 6"1, conquistando il suo terzo podio stagionale.

Alle sue spalle, circa 1"5 più indietro, ci sono invece le due M1 ufficiali, con Valentino Rossi che alla fine è riuscito a tenere a bada il ritorno di Maverick Vinales. E tenendoselo dietro il "Dottore" è andato a riprendersi anche la palma di miglior pilota Yamaha nel Mondiale, soffiandogli il quinto posto per un punto.

Subito dietro oggi, ma davanti a loro nel Mondiale, c'è Alex Rins, oggi unico pilota in pista per la Suzuki, che ha sfoderato una buona prestazione su una pista poco favorevole alla GSX-RR. Meritano poi degli applausi sonori altri due rookie, ovvero Pecco Bagnaia e Miguel Oliveira, che si sono portati entrambi a casa il proprio miglior risultato nella classe regina con il settimo e l'ottavo posto.

Solo nono invece Danilo Petrucci, che non è riuscito a rimontare dopo la qualifica disastrosa di ieri. Il pilota di Terni si è beccato ben 17" dal compagno di squadra su una pista sulla carta favorevole, ma resta comunque terzo nel Mondiale, anche se staccatissimo. Alle sue spalle chiude la top 10 Franco Morbidelli, anche lui protagonista di un weekend in ombra con la seconda Yamaha Petronas.

E' stata una giornata particolarmente negativa anche per l'Aprilia, con Aleix Espargaro che ha chiuso 14esimo a 34 secondi ed Andrea Iannone che invece si è ritrovato doppiato a causa di un problema con la pompa della benzina. Peccato pure per Jack Miller, caduto alla curva 9 nel corso dell'ottavo giro quando si trovava in quarta posizione. Più sfortunato invece Cal Crutchlow, che si è ritrovato Pol Espargaro fermo in mezzo alla curva 3 con la sua KTM spenta e non ha potuto fare nulla per evitarlo, finendo ruote all'aria.

Purtroppo è finito nel peggiore dei modi, infine, il weekend di Hafizh Syarin: il malese della KTM Tech 3 è incappato in una caduta nella quale ha rimediato una commozione cerebrale e quindi è stato portato in ospedale per accertamenti.

Cla   # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1   4 Italy Andrea Dovizioso Ducati 28 39'34.771     183.2
2   93 Spain Marc Márquez Alenta Honda 28 39'34.984 0.213 0.213 183.2
3   20 France Fabio Quartararo Yamaha 28 39'40.888 6.117 5.904 182.8
4   46 Italy Valentino Rossi Yamaha 28 39'42.490 7.719 1.602 182.6
5   12 Spain Maverick Viñales Yamaha 28 39'43.445 8.674 0.955 182.6
6   42 Spain Alex Rins Suzuki 28 39'43.466 8.695 0.021 182.6
7   63 Italy Francesco Bagnaia Ducati 28 39'50.792 16.021 7.326 182.0
8   88 Portugal Miguel Oliveira KTM 28 39'50.977 16.206 0.185 182.0
9   9 Italy Danilo Petrucci Ducati 28 39'52.121 17.350 1.144 181.9
10   21 Italy Franco Morbidelli Yamaha 28 39'55.281 20.510 3.160 181.7
11   30 Japan Takaaki Nakagami Honda 28 39'57.044 22.273 1.763 181.5
12   5 France Johann Zarco KTM 28 40'00.274 25.503 3.230 181.3
13   6 Germany Stefan Bradl Honda 28 40'06.733 31.962 6.459 180.8
14   41 Spain Aleix Espargaro Aprilia 28 40'09.512 34.741 2.779 180.6
15   17 Czech Republic Karel Abraham Ducati 28 40'22.880 48.109 13.368 179.6
16   29 Italy Andrea Iannone Aprilia 27 39'46.598 1 Lap 1 Lap 175.8
  dnf 53 Spain Tito Rabat Ducati 20 28'34.686 8 Laps 7 Laps 181.3
  dnf 43 Australia Jack Miller Ducati 7 9'58.670 21 Laps 13 Laps 181.7
  dnf 55 Malaysia Hafizh Syahrin KTM 2 2'59.364 26 Laps 5 Laps 173.3
  dnf 44 Spain Pol Espargaro KTM 1 1'30.967 27 Laps 1 Lap 170.8
  dnf 35 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 1 1'31.293 27 Laps 0.326 170.2
Prossimo Articolo
LIVE MotoGP, GP d'Austria: Gara

Articolo precedente

LIVE MotoGP, GP d'Austria: Gara

Prossimo Articolo

Mondiale MotoGP 2019: Marquez mantiene 58 punti su Dovizioso

Mondiale MotoGP 2019: Marquez mantiene 58 punti su Dovizioso
Carica commenti