Dovi: "Petrux dice che non ci siamo chiariti? Sono d'accordo"

Andrea Dovizioso torna a parlare di quanto accaduto nella Q1 ad Aragon la scorsa settimana con Danilo Petrucci, ma anche delle sue possibilità di titolo iridato essendo tra i 4 pretendenti al Mondiale.

Dovi: "Petrux dice che non ci siamo chiariti? Sono d'accordo"

Andrea Dovizioso torna al MotorLand di Aragon per disputare il Gran Premio di Teruel di MotoGP a una settimana dalla prima gara disputata in Aragona. Da quel weekend in tanti si attendevano un chiarimento tra il forlivese e Danilo Petrucci dopo quanto accaduto nella Q1 delle qualifiche.

Questo chiarimento, sebbene Andrea e Danilo abbiano preso lo stesso volo per rientrare in Italia, non c'è stato. A renderlo noto è stato prima Petrucci, poi le parole del ternano sono state confermate dallo stesso Dovizioso questo pomeriggio.

Andrea, Petrucci ha detto che non vi siete chiariti tra il volo di ritorno in Italia e di arrivo in Spagna...
"Sul fatto che con Danilo non ci siamo chiariti siamo d'accordo! Io non devo chiarire niente e non devo fare niente. Non c'è nessun problema, quello che è fatto è fatto. non mi porto dietro certe cose, io ho la mia idea e ognuno si comporta come meglio pensa. Io non devo chiarire niente. Se lui ritiene di aver fatto una cosa giusta, ok. Non ho intenzione di rimarcare questa cosa né di parlarne. Quello che è successo, è successo".

Per voi sarà possibile lavorare per entrare nella lotta per la vittoria in questo weekend?
"Metterci a posto per giocarci la gara è un'idea un po' lontana. L'obiettivo è diminuire il più possibile il gap di velocità perché è il primo limite. E' chiaro che posso migliorare, abbiamo i dati che lo dicono. Devo cercare di essere più veloce in certe curve. Se riusciremo, saremo un po' più veloci. Poi dovremo essere bravi a gestire il fine settimana. Dovremo vedere se domattina la pista sarà pronta, perché è piovuto in questi giorni. Poi dovremo lavorare per cercare di partire nelle prime due file e poi gestire tutto quanto".

Pensi di poter avere la situazione maggiormente sotto controllo in questo fine settimana?
"Sicuramente avremo la situazione più sotto controllo, perché abbiamo fatto tanti turni e una gara. Ma con le Michelin cambia tutto con le temperature e la gommatura. La settimana scorsa le temperature hanno influito tanto sul comportamento delle gomme. A volte di poco, a volte di tanto. Alla fine le previsioni che fai non vengono attese. Dipende tanto dalle situazioni che trovi in gara".

Credi di avere buone chance per vincere il titolo?
"Ora non mi sento veloce a sufficienza. Spesso ci troviamo a sopravvivere. Ora corriamo per portare a casa più punti che possiamo pur non avendo la velocità dei primi. Ma questo non è il modo di giocarsi il campionato perché non possiamo lottare con i primi 3. Quest'anno non ho la velocità per poter dire la mia in gara, cosa che invece negli ultimi anni riuscivo a fare. Sono però contento per il fatto che, pur non avendo lo stesso feeling degli ultimi 3 anni, mi sto giocando il mondiale".

Come sono i rapporti con il team e con i vertici della Ducati dopo il tuo annuncio con cui ha svelato che non correrai più per Ducati dal 2021?
"I rapporti con i vertici sono esattamente come prima. A livello di strategia e programmazione per le prossime gare no ne abbiamo parlato. Sono come sempre".

Ti piacerebbe correre la prossima stagione o pensi di dare priorità a offerte da tester?
"Per come sono competitivo la mia voglia è correre nel 2021. Non ho mai detto il contrario. Ma ha senso esserlo in una situazione che ti permette di giocartela. Questa situazione per il 2021 non c'è e a breve prenderemo una decisione legata per il prossimo anno. Una finestra per correre c'è, ma in base alle offerte che ho avuto prenderò una decisione".

condivisioni
commenti
Petrucci: "Rivangare la Q1 non fa bene soprattutto a Dovi"

Articolo precedente

Petrucci: "Rivangare la Q1 non fa bene soprattutto a Dovi"

Prossimo Articolo

Vinales: "Ho perso 40 punti per problemi meccanici"

Vinales: "Ho perso 40 punti per problemi meccanici"
Carica commenti
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia" Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia"

Il Gran Premio di San Marino di MotoGP ha regalato tanti promossi e tanti bocciati. Da un perfetto Bagniaia, un sorprendente Bastianini, fino ad arrivare alla delusione Dovizioso, ecco le pagelle stilate e commentate da Franco Nugnes e Matteo Nugnes.

MotoGP
20 set 2021