MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
18 apr
Prove Libere 1 in
4 giorni
G
GP di Spagna
02 mag
Gara in
20 giorni
G
GP di Francia
16 mag
Gara in
34 giorni
G
GP d'Italia
30 mag
Gara in
48 giorni
G
GP della Catalogna
06 giu
Gara in
55 giorni
G
GP di Germania
20 giu
Gara in
69 giorni
G
GP d'Olanda
27 giu
Gara in
76 giorni
G
GP di Finlandia
11 lug
Gara in
90 giorni
G
GP d'Austria
15 ago
Gara in
125 giorni
G
GP di Gran Bretagna
29 ago
Gara in
139 giorni
G
GP di Aragon
12 set
Gara in
153 giorni
G
GP di San Marino
19 set
Gara in
160 giorni
G
GP del Giappone
03 ott
Gara in
174 giorni
G
GP della Tailandia
10 ott
Gara in
181 giorni
G
GP d'Australia
24 ott
Gara in
195 giorni
G
GP di Malesia
31 ott
Gara in
202 giorni
G
GP di Valencia
14 nov
Gara in
216 giorni

Dovizioso: "Per ora prevale la delusione per la vittoria mancata"

Da una parte "Desmodovi" sottolinea ed esalta la grande crescita della Ducati, ma crede che Iannone oggi lo abbia battuto al Red Bull Ring solo perché ha scelto una gomma diversa al posteriore, azzardando la media.

Dovizioso: "Per ora prevale la delusione per la vittoria mancata"
Andrea Iannone, Ducati Team, Andrea Dovizioso, Ducati Team
Podio: il secondo classificato Andrea Dovizioso, Ducati Team, il vincitore della gara Andrea Iannone
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Iannone, Ducati Team, Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso ci ha creduto fino alla fine ma non è bastato. Dopo il Qatar dello scorso anno, al Red Bull Ring è arrivato vicinissimo a prendersi la seconda vittoria in carriera e a riportare al successo la Ducati. Peccato che proprio nel finale si sia dovuto inchinare alla Desmosedici GP gemella di Andrea Iannone, che quindi gli ha in un certo senso rubato il ruolo di "salvatore della patria" per la Casa di Borgo Panigale.

Una questione secondo lui dovuta a scelte di gomme diverse: lui montava la dura al posteriore, il collega invece la media, che potrebbe averlo favorito nel finale.

"Non ho mai spinto al 100% nella parte centrale della gara, quando ero davanti e giravo sotto all'1'25" guidavo comunque per gestire la gomma, ma sapevo che lo stava facendo anche Iannone, perché non potevamo arrivare a fine gara con la gomma finita. Il problema però è stato che avevo meno grip di lui nei finale, quando abbiamo spinto al 100% negli ultimi giri. Nelle curve a destra perdevo tantissimo. Peccato perché mi sentivo davvero bene con la moto, forse anche più forte di lui" ha detto ai microfoni di Sky Sport MotoGP HD.

Ovviamente, ripensando a dov'era la Ducati quando è arrivato lui, una doppietta non può lasciarlo indifferente: "Abbiamo lavorato bene sia nel test che nel weekend di gara ed è logico che ci tenevo molto a questo ritorno alla vittoria della Ducati. Però dobbiamo pensare positivo, ricordando dove eravamo quando sono arrivato qui e ai progressi che abbiamo fatto. Oggi abbiamo fatto primo e secondo, quindi devo dire davvero grazie a tutti i ragazzi della Ducati, perché stiamo ritornando competitivi dopo anni di duro lavoro. Non siamo ancora veloci su tutte le piste, ma non siamo lontani".

Tuttavia, a caldo dentro di lui prevale il sentimento di delusione per non essere stato lui a regalare alla Rossa un successo che mancava dal 2010: "Dopo che abbiamo lavorato tutto il sabato con la gomma media, ieri sera ci hanno detto: guardate che con quella probabilmente non riuscite a fare la gara. La decisione però è stata nostra e quindi l'errore è stato nostro. Iannone ha fatto una scelta molto azzardato, perché era l'unico in griglia con quella, però è stata una scelta giusta perché il motivo per cui non l'ho potuto attaccare negli ultimi giri è che perdevo troppo nelle curve a destra e non potevo stargli attaccato. Peccato. Scoccia perdere per aver sbagliato la scelta della gomma quando sai di essere veloce ed avere il passo giusto. E' normale che in questo momento prevale la delusione della vittoria mancata, ma ribadisco che ci sono tante cose positive e che non ci dobbiamo dimenticare da dove arriviamo".

Anche lui pensa di aver gestito bene la gara come Iannone, quindi resta convinto che a fare la differenza sia stata solo la gomma posteriore: "Diciamo che ho evitato che arrivassimo con le Yamaha, ma credo di aver fatto una gara intelligente, come l'ha fatta Iannone. Nei primi giri gli altri ci sorpassavano solamente perché noi volevamo avere margine nel finale. Quando facevo 1'24"7-1'24"8 non ho mai forzato più di tanto, cercando di non avere troppo spinning al posteriore e spingendo di più sulla gomma davanti, che sapevamo non ci avrebbe dato problemi. Un po' ho fatto il tira e molla con le Yamaha, perché sapevo che le Yamaha erano al limite, ma non credo che questo abbia condizionato il risultato: Iannone non ne aveva tanto di più, ma quando non puoi uscire con la stessa velocità dalle curve a destra fai fatica".

Infine, quando gli è stato chiesto se è ipotizzabile ritrovare una Ducati a questo livello tra qualche giorno a Brno, ha aggiunto: "Siamo obiettivi e sappiamo che a Brno saremo più vicini degli altri anni, ma sappiamo anche che lì la Yamaha sarà molto competitiva, quindi sarà tutto più difficile. Tutto può succedere e noi ci proveremo, ma sicuramente qui avevamo una chance più facile".

condivisioni
commenti
Vinales: "Poca velocità di punta e poco grip mi hanno penalizzato"

Articolo precedente

Vinales: "Poca velocità di punta e poco grip mi hanno penalizzato"

Prossimo Articolo

Valentino: "Lorenzo è stato più bravo, devo fare meglio a Brno"

Valentino: "Lorenzo è stato più bravo, devo fare meglio a Brno"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP d'Austria
Sotto-evento Domenica, gara
Location Red Bull Ring
Piloti Andrea Dovizioso
Team Ducati Team
Autore Matteo Nugnes
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021
Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas Prime

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Tanti promossi e tanti bocciati nel secondo appuntamento in Qatar, il Gran Premio di Doha. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes, Responsabile MotoGP per Motorsport.com, e Franco Nugnes.

MotoGP
6 apr 2021
Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco Prime

Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco

Umori opposti nelle due squadre della Casa di Iwata: quella ufficiale ha iniziato il 2021 alla grande, con una vittoria a testa per Vinales e Quartararo. Il box Petronas invece sembra entrato in crisi, con appena 4 punti a testa per Morbidelli e Rossi. I giapponesi stanno puntando tutto sui Factory?

MotoGP
5 apr 2021
MotoGP: la griglia di partenza del GP di Doha Prime

MotoGP: la griglia di partenza del GP di Doha

Martin conquista la prima pole in MotoGP nel GP di Doha, seconda gara del Motomondiale 2021. Disastro Valentino Rossi, solo 21°.

MotoGP
4 apr 2021
MotoGP: ecco perché c'è grande attesa per la serie di Amazon Prime

MotoGP: ecco perché c'è grande attesa per la serie di Amazon

La MotoGP avrà una sua versione di Drive to Survive su Amazon Prime nel prossimo futuro: una notizia accolta positivamente dai principali piloti della griglia, visto l'impatto della serie sulla Formula 1, con la speranza che sia uguale per le due ruote, che ne hanno un disperato bisogno.

MotoGP
4 apr 2021