Dovizioso: "Oggi ho solo combattuto con la moto"

Nonostante un venerdì migliore di altri, il pilota della Ducati non sembra troppo soddisfatto a fine giornata. Per trovare il feeling ha dovuto esplorare una strada di set-up inattesa, ma alla fine è venuto fuori un buon settimo tempo. Il forlivese comunque non sembra tra i fan di Portimao.

Dovizioso: "Oggi ho solo combattuto con la moto"

Quello di Portimao è stato un venerdì migliore di altri per Andrea Dovizioso, anche se a sentir parlare il pilota forlivese non sembrerebbe affatto così. Il ducatista ha staccato il settimo tempo di giornata, a pochi più di tre decimi dal miglior crono di Johann Zarco, quindi al momento avrebbe accesso diretto alla Q2.

Tuttavia, ha faticato tantissimo nel primo turno di stamattina, prima di provare una modifica abbastanza estrema sulla sua Desmosedici GP, che ha dato frutti insperati, anche se il feeling continua a non essere dei migliori.

"Oggi le sensazioni, soprattutto all'inizio, sono state pessime. Fino a tre quarti di turno è stato un disastro, non riuscivo a fare niente. Ma la moto proprio non rispondeva, quindi siamo dovuti andare in una direzione di set-up inaspettata ed abbastanza estrema per quello a cui siamo abituati" ha spiegato Dovizioso.

L'abbiamo fatto nel primo turno ed è stato subito un grande step, infatti ho fatto il mio miglior tempo con un treno di gomme usate nella FP1" ha aggiunto.

A livello di classifica, dunque, le cose non stanno andando troppo male, anche se Andrea non nasconde che avrebbe sperato che il saliscendi portoghese si potesse rivelare più amico della Rossa.

"Sulla carta sta andando meglio del previsto, ma sinceramente speravo di fare meglio l'ultima gara, anche per quello che ci stiamo giocando in campionato. Sinceramente speravo di trovare una pista diversa, con caratteristiche un pochino migliori per noi".

"Alla fine, però, anche se il feeling non è ottimo, non stiamo andando male. Essendo una pista nuova per tutti, ci sarà un grosso miglioramento generale, quindi vedremo come andrà domani".

Leggi anche:

A questo punto è entrato un po' più nel dettaglio di cosa non lo convince di Portimao, che ha definito una pista più emozionante forse per gli spettatori che per i piloti.

"Come sempre, quando vai su una pista con una MotoGP è completamente diverso che con qualsiasi altra moto. Con una MotoGP tutto diventa piccolo. La pista è affascinante, ma soprattutto per gli spettatori".

"Per il mio stile non è fantastica, ma semplicemente perché vanno usate delle marce cortissime e sei sempre sull'angolo. Bisogna usare pochissimo gas, perché la moto si impenna sempre e, soprattutto quando ci sono i cambi di pendenza, non puoi usare la potenza".

"Diciamo che devi lavorare tanto con la moto e guidare in un modo anomalo rispetto alle altre piste della MotoGP. E' molto affascinante, ma io oggi ho solo combattuto con la moto".

Il podio iridato teoricamente è ancora alla sua portata, ma sembra più plausibile andare all'attacco del titolo Costruttori per la Ducati. Per Dovizioso però non sarebbe una grande consolazione.

"Fa sempre piacere, perché questo vorrebbe dire che abbiamo fatto una buona gara, ma sinceramente sono focalizzato sul campionato. La verità è che i piloti al campionato Costruttori non ci guardano più di tanto, questa è la realtà. Poi quando non hai altre cose da guardare, magari guardi anche quello".

Infine, ha iniziato a tracciare un bilancio dei suoi otto anni in Ducati: "Non se lo sarebbe aspettato nessuno che avremmo fatto così bene con la Ducati e forse neanche noi. Da dove siamo partiti e da quanto eravamo lontani, aspettarci quello che è successo, con tante vittorie, lottando per il campionato per tre anni, è stato meglio del previsto. Speravo che finisse meglio di quest'anno, ma questo è il motorsport".

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/12

Foto di: MotoGP

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/12

Foto di: MotoGP

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Andrea Dovizioso, Ducati Team
Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Andrea Dovizioso, Ducati Team
12/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Rins: "Sono caduto sulla spalla infortunata, valuto l'operazione"

Articolo precedente

Rins: "Sono caduto sulla spalla infortunata, valuto l'operazione"

Prossimo Articolo

Morbidelli: “Prime impressioni della pista dai dati di Lorenzo”

Morbidelli: “Prime impressioni della pista dai dati di Lorenzo”
Carica commenti
Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia" Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia"

Il Gran Premio di San Marino di MotoGP ha regalato tanti promossi e tanti bocciati. Da un perfetto Bagniaia, un sorprendente Bastianini, fino ad arrivare alla delusione Dovizioso, ecco le pagelle stilate e commentate da Franco Nugnes e Matteo Nugnes.

MotoGP, Lap Chart del GP di San Marino Prime

MotoGP, Lap Chart del GP di San Marino

A Misano, Bagnaia si ripete. Un successo arrivato dopo una gara impeccabile. Ripercorriamo, grazie alla nostra animazione grafica, tutte le emozioni del Gran Premio di San Marino.

MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati Prime

MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati

Bagnaia precede Miller nella doppietta Ducati in quel di Misano. Alle spalle delle rosse di Borgo Panigale, abbiamo la Yamaha di Fabio Quartararo.

MotoGP
19 set 2021
Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021