Dovizioso: "Non ho ancora la situazione sotto controllo"

Il pilota della Ducati scatterà ottavo domani: pensa di aver un buon passo, ma non ha ancora capito bene la gomma posteriore, quindi si aspetta una gara tosta.

Dovizioso: "Non ho ancora la situazione sotto controllo"
Carica lettore audio

La nuova costruzione della gomma posteriore introdotta in questa stagione continua a far tribolare Andrea Dovizioso. Nel tentativo di adattare la sua Ducati, il forlivese è finito con il perdere un po' di feeling sull'anteriore e oggi ne ha fatto le spese con una scivolata in Q2, che lo ha relegato solamente all'ottavo posto sulla griglia di partenza.

Una posizione non ideale per chi come il forlivese è convinto di avere un buon passo, ma sa che su una pista come quella di Jerez de la Frontera non è affatto semplice superare. Per questo il vice-campione del mondo confida molto sull'ottimo spunto che ha solitamente al via la sua Ducati, anche se ha ribadito di non sentirsi completamente a posto su tutti gli aspetti che contano in una gara tosta come quella di domani.

"Sarà fondamentale, perché su questa pista è molto difficile sorpassare e, soprattutto, quando sei dietro ad un altro vai più piano perché si scalda tutto. E lo si sentirà ancora di più con queste temperature. Quindi sì, la partenza farà una bella differenza, ma è solo un aspetto della gara, perché quando devi fare 25 giri devi essere a posto su vari aspetti e io ancora non mi sento così. Però oggi il passo non era male, anche se non avevo un feeling ottimo con la moto. Dobbiamo continuare a studiare e a capire perché siamo in questa situazione" ha detto Dovizioso.

Il target per la doppia trasferta andalusa (la settimana prossima si corre sempre sullo stesso tracciato) è abbastanza chiaro: limitare i danni e magari dare un'occhiata al podio, cercando anche di capire il comportamento in gara del nuovo pneumatico posteriore.

"Sarà fondamentale fare dei punti importanti qui a Jerez, nelle prime due gare. Se possibile fare il podio, perché quello è il nostro obiettivo e lo è anche domani, ma non lo so se sarà possibile. Ci sono tanti piloti che hanno il nostro passo, quindi dipende da tante cose. Le condizioni saranno estreme alle 14 e avendo delle gomme nuove, i pronostici bisognerebbe farli a caso".

Leggi anche:

"Da questo punto di vista quindi sono rilassato e concentrato sul cercare di avere più feeling sul davanti. Poi sarà fondamentale gestire la gomma dietro nel migliore dei modi, ma quella è una cosa che scopriremo soltanto in gara".

Ammettendo di essere forse anche un pochino ripetitivo, il ducatista ha poi sottolineato di non avere ancora ben chiaro in mente il quadro completo dei valori in campo, che crede dipenderà molto anche dall'adattamento alle gomme. Aggiungendo che lui potrebbe essere una delle sorprese se ritrova un po' di feeling sul davanti.

"Non abbiamo ancora la situazione sotto controllo: i tempi della qualifica e i passi gara sono abbastanza diversi. C'è ancora tutta una situazione non chiara, che dobbiamo cercare di capire senza perdere la testa. Domani dobbiamo cercare di capire i vari step che abbiamo fatto per cercare di avere un po' più di feeling sul davanti. Se ritroviamo quello, potremmo fare la gara davanti".

Oggi durante alla Q2 abbiamo assistito anche all'infortunio di Alex Rins, che rischia di minare seriamente l'inizio della stagione del pilota della Suzuki. Essendo uno dei più esperti in griglia, ad Andrea è stato domandato se con una stagione così compressa come questa non si debba magari provare a prendersi qualche rischio in meno.

"Per il livello che c'è oggi in MotoGP, se solo pensi a questa cosa, finisci per andare più piano. Non puoi fare questi ragionamenti, perché non puoi fare una vera gestione del rischio. Sarebbe bello avere un potenziometro per decidere quanto rischiare, ma purtroppo non è così. Se non continui a spingere e non cerchi di oltrepassare i tuoi limiti, non è che non riesci a vincere, non riesci neanche a rimanere in MotoGP".

"Questo è il motivo per cui alcuni piloti fanno subito dei risultati e poi magari vanno a picco. Ci sono tanti aspetti da gestire e devi sempre fare di più, ma è così in tutti gli sport fatti ad alto livello. Alla fine il campionato non è che fosse poi troppo meno compatto prima. Anzi, era molto più lungo. Quando ti fai male, dipende sempre cosa ti fai ed è anche un po' una questione di fortuna o sfortuna" ha concluso.

Guarda il Gran Premio Red Bull di Spagna live su DAZN. Attiva ora

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
Andrea Dovizioso, Ducati Team, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
12/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
13/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
14/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Vinales: “Sarà fondamentale evitare la fuga di Marquez”
Articolo precedente

Vinales: “Sarà fondamentale evitare la fuga di Marquez”

Prossimo Articolo

Marquez: “Non ho visto Rins, ma lì non si doveva spingere”

Marquez: “Non ho visto Rins, ma lì non si doveva spingere”
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021