Dovizioso: "Non ho ancora la situazione sotto controllo"

Il pilota della Ducati scatterà ottavo domani: pensa di aver un buon passo, ma non ha ancora capito bene la gomma posteriore, quindi si aspetta una gara tosta.

Dovizioso: "Non ho ancora la situazione sotto controllo"

La nuova costruzione della gomma posteriore introdotta in questa stagione continua a far tribolare Andrea Dovizioso. Nel tentativo di adattare la sua Ducati, il forlivese è finito con il perdere un po' di feeling sull'anteriore e oggi ne ha fatto le spese con una scivolata in Q2, che lo ha relegato solamente all'ottavo posto sulla griglia di partenza.

Una posizione non ideale per chi come il forlivese è convinto di avere un buon passo, ma sa che su una pista come quella di Jerez de la Frontera non è affatto semplice superare. Per questo il vice-campione del mondo confida molto sull'ottimo spunto che ha solitamente al via la sua Ducati, anche se ha ribadito di non sentirsi completamente a posto su tutti gli aspetti che contano in una gara tosta come quella di domani.

"Sarà fondamentale, perché su questa pista è molto difficile sorpassare e, soprattutto, quando sei dietro ad un altro vai più piano perché si scalda tutto. E lo si sentirà ancora di più con queste temperature. Quindi sì, la partenza farà una bella differenza, ma è solo un aspetto della gara, perché quando devi fare 25 giri devi essere a posto su vari aspetti e io ancora non mi sento così. Però oggi il passo non era male, anche se non avevo un feeling ottimo con la moto. Dobbiamo continuare a studiare e a capire perché siamo in questa situazione" ha detto Dovizioso.

Il target per la doppia trasferta andalusa (la settimana prossima si corre sempre sullo stesso tracciato) è abbastanza chiaro: limitare i danni e magari dare un'occhiata al podio, cercando anche di capire il comportamento in gara del nuovo pneumatico posteriore.

"Sarà fondamentale fare dei punti importanti qui a Jerez, nelle prime due gare. Se possibile fare il podio, perché quello è il nostro obiettivo e lo è anche domani, ma non lo so se sarà possibile. Ci sono tanti piloti che hanno il nostro passo, quindi dipende da tante cose. Le condizioni saranno estreme alle 14 e avendo delle gomme nuove, i pronostici bisognerebbe farli a caso".

Leggi anche:

"Da questo punto di vista quindi sono rilassato e concentrato sul cercare di avere più feeling sul davanti. Poi sarà fondamentale gestire la gomma dietro nel migliore dei modi, ma quella è una cosa che scopriremo soltanto in gara".

Ammettendo di essere forse anche un pochino ripetitivo, il ducatista ha poi sottolineato di non avere ancora ben chiaro in mente il quadro completo dei valori in campo, che crede dipenderà molto anche dall'adattamento alle gomme. Aggiungendo che lui potrebbe essere una delle sorprese se ritrova un po' di feeling sul davanti.

"Non abbiamo ancora la situazione sotto controllo: i tempi della qualifica e i passi gara sono abbastanza diversi. C'è ancora tutta una situazione non chiara, che dobbiamo cercare di capire senza perdere la testa. Domani dobbiamo cercare di capire i vari step che abbiamo fatto per cercare di avere un po' più di feeling sul davanti. Se ritroviamo quello, potremmo fare la gara davanti".

Oggi durante alla Q2 abbiamo assistito anche all'infortunio di Alex Rins, che rischia di minare seriamente l'inizio della stagione del pilota della Suzuki. Essendo uno dei più esperti in griglia, ad Andrea è stato domandato se con una stagione così compressa come questa non si debba magari provare a prendersi qualche rischio in meno.

"Per il livello che c'è oggi in MotoGP, se solo pensi a questa cosa, finisci per andare più piano. Non puoi fare questi ragionamenti, perché non puoi fare una vera gestione del rischio. Sarebbe bello avere un potenziometro per decidere quanto rischiare, ma purtroppo non è così. Se non continui a spingere e non cerchi di oltrepassare i tuoi limiti, non è che non riesci a vincere, non riesci neanche a rimanere in MotoGP".

"Questo è il motivo per cui alcuni piloti fanno subito dei risultati e poi magari vanno a picco. Ci sono tanti aspetti da gestire e devi sempre fare di più, ma è così in tutti gli sport fatti ad alto livello. Alla fine il campionato non è che fosse poi troppo meno compatto prima. Anzi, era molto più lungo. Quando ti fai male, dipende sempre cosa ti fai ed è anche un po' una questione di fortuna o sfortuna" ha concluso.

Guarda il Gran Premio Red Bull di Spagna live su DAZN. Attiva ora

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Andrea Dovizioso, Ducati Team, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
12/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
13/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
14/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Vinales: “Sarà fondamentale evitare la fuga di Marquez”

Articolo precedente

Vinales: “Sarà fondamentale evitare la fuga di Marquez”

Prossimo Articolo

Marquez: “Non ho visto Rins, ma lì non si doveva spingere”

Marquez: “Non ho visto Rins, ma lì non si doveva spingere”
Carica commenti
MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania Prime

MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania

Andiamo a scoprire la griglia di partenza della classe regina del Motomondiale 2021 sul tracciato del Sachsenring.

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021