Dovizioso: "Non bisogna lasciarsi schiacciare da Marquez"

Il forlivese ha migliorato il feeling con la sua Ducati, ma non è ancora completamente soddisfatto. Ed è stato sibillino su Marquez...

Dovizioso: "Non bisogna lasciarsi schiacciare da Marquez"

"Domani sarà un giorno di fuoco: tutti saranno velocissimi alla mattina, perché sarà molto veloce la pista e partire nelle prime due file fa una gran differenza qui a Jerez". Andrea Dovizioso sembra avere le idee abbastanza chiare sulla FP3 del GP d'Andalusia. Alla conclusione della prima giornata di prove, il ducatista è tra quelli che avrebbero accesso diretto alla Q2, ma sa che con la temperatura del mattina si assisterà ad una battaglia senza esclusione di colpi.

Quella di oggi comunque è stata una giornata positiva, che gli ha permesso di provare alcune modifiche che hanno migliorato il feeling tra la Desmosedici GP e la nuova gomma posteriore introdotta quest'anno dalla Michelin. Questo è senza ombra di dubbio uno degli aspetti positivi che ha trovato nel correre sulla stessa pista a così pochi giorni di distanza.

"Abbiamo fatto dei set-up diversi, ma siamo obbligati. La MotoGP di oggi è così e lo è ancora di più dopo che siamo stati fermi quattro mesi. Dobbiamo cercare di migliorare il più velocemente possibile, perché abbiamo fatto un podio esagerato, ma non eravamo abbastanza veloci da giocarci la vittoria. Bisogna sfruttare la seconda gara sulla stessa pista, con le stesse condizioni, perché abbiamo fatto podio, ma stringendo i denti, quindi non come avrei voluto" ha detto Dovizioso.

Incalzato sulla bontà di queste modifiche, poi ha aggiunto: "Sono state positive: mi trovo molto meglio nell'ultima parte di frenata ed in inserimento. Sto incominciando a guidare meglio, ma non è completa la curva. C'è stato un miglioramento, ma se guardi il passo degli avversari, ancora non siamo riusciti ad allinearci. A volte c'è Zarco che fa dei tempi esagerati, a volte ci riesce Bagnaia, altre Jack. Diciamo che la situazione non è ancora stabile".

Nonostante il podio di domenica scorsa, è una Ducati che sembra più in difficoltà rispetto al passato. Anche il caldo sembra avere un ruolo in questo, ma secondo il forlivese la parte del leone in questa situazione sono le gomme.

"Difficile dividere le due cose, ma in questo momento la cosa che ci sta condizionando di più è la gomma, perché sta modificando la reale situazione. In questo momento, infatti, stiamo lavorando su set-up e cose che normalmente fai in inverno. Ci troviamo in una situazione diversa, quindi stiamo facendo molti più set-up di quelli che fai normalmente in un weekend di gara, ma è tutto di conseguenza alla gomma".

Una volta superato l'ostacolo Jerez, arriveranno piste favorevoli alle caratteristiche della Rossa come Brno e Red Bull Ring, dove l'anno scorso Dovizioso era stato capace di raccogliere 45 punti. Però secondo lui è fondamentale iniziare a trovare il bandolo della matassa qui se poi si vuole rendere al meglio altrove.

"Sicuramente questa non è una delle piste migliori per noi, quindi fare podio è positivo. Ma ripeto, se non guidi bene, anche quando poi va sulle piste dove puoi essere più competitivo, non è sufficiente perché il livello degli avversari è troppo alto. E' per questo che siamo concentrati per capire cosa dobbiamo fare per sfruttare al meglio il nostro pacchetto. Se poi il margine di crescita può essere del 5% o del 60% noi non lo sappiamo".

"Siamo focalizzati su questo e ci sono diversi piloti Ducati che riescono ad essere veloci guidando in modo diverso. E anche questo è positivo, perché ti può aiutare a capire e a progredire. Ripeto, non mi sento ancora abbastanza a mio agio da potermi giocare posizioni importanti. Dobbiamo lavorare su questi dettagli e non è facile, perché in un weekend hai a disposizione pochi giri. Non è facile, ma quest'anno è così".

Leggi anche:

Domani ci sarà poi una variabile in più da tenere d'occhio, ovvero il ritorno di Marc Marquez. Il pilota della Honda è pronto a tornare in sella a soli quattro giorni dall'operazione all'omero destro fratturato domenica scorsa. Oggi il campione del mondo non ha scoperto le sue carte, ma c'è chi pensa che con lo strapotere che aveva mostrato una settimana fa, potrebbe anche presentarsi subito competitivo.

Una cosa però per Dovizioso è certa ed è che non bisogna farsi "schiacciare" dai momenti di onnipotenza dello spagnolo, come la rimonta che aveva sfoderato la scorsa settimana prima del suo incidente.

"Quando mi hanno segnalato nel dashboard che stava arrivando, purtroppo non sono rimasto troppo sorpreso. E quando mi ha sorpassato ho visto che stava andando molto più forte di tutti. Poteva frenare molto più forte e preparare l'uscita molto più velocemente degli altri. Non c'era molto da fare, però Marc lo abbiamo già visto in queste situazioni di strapotere. Bisogna essere bravi a non dare importanza a queste situazioni, altrimenti ti schiaccia. E' già successo in passato, ma noi dobbiamo lavorare su noi stessi per cercare di essere competitivi".

Il ducatista è stato l'unico a parlare una volta conclusa la Safety Commission ed ha rivelato che è stato raggiunto un accordo per evitare che qualcuno possa fare il furbo con l'applicazione più severa delle regole sulle bandiere gialle.

"La paura di tutti è che se uno ha già fatto il tempo, possa far finta di fare un errore ed andare nella ghiaia, così se mettono la bandiera gialla nessuno può migliorare. Però, parlando in Safety Commission, ci hanno detto che proveranno a gestire questa cosa in modo che, se non c'è un pilota per terra in condizioni di pericolo, non verrà data bandiera gialla. Se ci sarà un lungo, non verrà data bandiera gialla e quindi non sarà cancellato il giro degli altri. E' chiaro che non sarà facile gestire questa situazione, perché la decisione è dei commissari. Però sicuramente è meglio così" ha concluso.

Guarda il Gran Premio Red Bull di Andalusia live su DAZN. Attiva ora

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/15

Foto di: MotoGP

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/15

Foto di: MotoGP

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Terzo posto per Andrea Dovizioso, Ducati Team

Terzo posto per Andrea Dovizioso, Ducati Team
12/15

Foto di: MotoGP

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
13/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
14/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
15/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Rins non esclude lo stop, Crutchlow stringe i denti

Articolo precedente

Rins non esclude lo stop, Crutchlow stringe i denti

Prossimo Articolo

LIVE MotoGP, GP di Andalusia: Libere 3

LIVE MotoGP, GP di Andalusia: Libere 3
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021