MotoGP
04 ott
-
06 ott
Evento concluso
18 ott
-
20 ott
Evento concluso
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso

Dovizioso: "Domani si corre per il podio, ma mai limitarsi"

condivisioni
commenti
Dovizioso: "Domani si corre per il podio, ma mai limitarsi"
Di:
24 ago 2019, 16:36

Dovizioso domani scatterà dalla terza fila con il 7° tempo e punta alla conquista di un gradino del podio a meno che Marquez non sbagli. Per Andrea saranno almeno 6 i piloti in lotta per questo obiettivo.

Lo sguardo di Andrea Dovizioso al termine del turno di qualifiche di Silverstone ha raccontato di un sabato complicato e al di sotto delle aspettative per il pilota di Forlì.

Andrea, infatti, ha dovuto superare lo scoglio del Q1 dopo essersi trovato in difficoltà al mattino e nel pomeriggio ha ottenuto il crono di 1’58’’762, identico al millesimo a quello di Maverick Vinales, centrando così un risultato inatteso, il settimo tempo.

Andrea si era posto come obiettivo minimo la conquista della seconda fila, ma la miglior Ducati sullo schieramento di partenza di domani sarà quella di Jack Miller, terzo, mentre Dovizioso dovrà aprire la terza fila.

 

Nonostante un risultato che lascia l’amaro in bocca, Andrea non molla. Il pilota della Ducati si è detto certo di poter lottare per il podio, facendo così capire che contro Marquez ci sarà poco da fare, ma ha anche sottolineato come domani saranno almeno sei i piloti che si contenderanno il secondo ed il terzo posto.

“Domani si corre per il podio, però nelle corse può succedere di tutto quindi mai limitarsi. Ci sono almeno sei piloti in grado di giocarsi il podio. Le tre Yamaha, le Suzuki, io e Marc. Miller non è andato bene oggi come passo, ma credo dipenda da cosa ha provato. Anche Cal, Morbidelli e Danilo sono messi molto bene. Sono tutti piloti che possono fare una buona gara”.

Il nuovo asfalto di Silverstone ha consentito ai piloti della MotoGP di girare su tempi decisamente molto bassi rispetto al passato e di utilizzare traiettorie impossibili sino allo scorso anno. Dovizioso ha spiegato come l’assenza di buche in pista e l’elevato grip dell’asfalto siano stati elementi determinanti per ottenere i tempi visti oggi.

“Si è corso per tanti anni in un tracciato condizionato dalle buche e quindi dovevi approcciarti alla pista in conseguenza di queste e del poco grip. In quella situazione andavamo abbastanza bene. Adesso il tracciato ha una grande aderenza e puoi fare le traiettorie che preferisci. Si gira molto più forte. Oggi il giro è stato condizionato non solo dall’elevata aderenza ma anche dall’assenza di buche. Quest’anno puoi fare delle linee che in passato non potevi fare”.

Leggi anche:

Nel corso dell’incontro con la stampa è stato chiesto al pilota della Ducati perché abbia voluto confrontare la propria telemetria con quella dei suoi compagni di marca. Andrea ha voluto sottolineare come questa pratica si sia sempre attuata e come lo studio dei dati sia fondamentale per preparare la moto per la gara.

 “La telemetria degli altri piloti si usa sempre. Se sfruttata bene ti fa fare la differenza nel weekend. Quando succede come questa mattina che ho sbagliato qualche traiettoria e c’erano 7 decimi di differenza tra Jack, Danilo e me, la prima cosa che fai è di andare a studiare per cercare di capire e provare a riallinearti il più velocemente possibile. Se non fai così non riesci a lavorare per la gara”.

Il grande indiziato per la vittoria di domani è senza dubbio Marc Marquez, ma secondo Dovizioso bisognerà guardare con grande attenzione anche Valentino Rossi, tornato finalmente competitivo ed affamato di successi.

 “Marc ne ha di più, bisogna vedere che strategia farà e se cercherà di scappare via subito. Valentino secondo me è messo particolarmente bene a differenza di altre gare e proverà a vincere”.

Informazioni aggiuntive di Lewis Duncan

Scorrimento
Lista

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, Andrea Dovizioso, Ducati Team

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing, Andrea Dovizioso, Ducati Team

Jack Miller, Pramac Racing, Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Petrucci: "Non capisco perché la Ducati cambi al pomeriggio"

Articolo precedente

Petrucci: "Non capisco perché la Ducati cambi al pomeriggio"

Prossimo Articolo

Lorenzo: “È già tanto se riuscirò a finire la gara”

Lorenzo: “È già tanto se riuscirò a finire la gara”
Carica commenti