Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia
Intervista
MotoGP Test di Febbraio in Qatar

Dovizioso: "Le Yamaha partono favorite, ma non siamo lontani"

Il ducatista è soddisfatto del lavoro fatto oggi, perché ha fatto un passo avanti a livello di set-up ed ha raccolto tante informazioni importanti da una simulazione di gara fatta in coppia con Petrucci.

Andrea Dovizioso, Ducati Team

La classifica della giornata conclusiva dei test in Qatar sembrerebbe dire altro, ma Andrea Dovizioso ha concluso la tre giorni di Losail con un sorriso stampato in volto. Nonostante il decimo tempo, anche se a soli quattro decimi dalla vetta, il forlivese è soddisfatto del passo avanti fatto a livello di set-up.

La soluzione trovata oggi ha migliorato il feeling con la sua Desmosedici GP, ma soprattutto apre alla possibilità di fare un ulteriore miglioramento nel corso del weekend di gara.

Inoltre, come già sperimentato anche lo scorso anno, oggi ha fatto una simulazione di gara in coppia con il compagno Danilo Petrucci, dalla quale è riuscito a raccogliere molte informazioni interessanti, concludendola anche con un buon ritmo, seppur non al livello di quello delle Yamaha.

Leggi anche:

"Sono contento per come è finita oggi, perché è stato il giorno migliore dei test: siamo riusciti a migliorare il feeling e il set-up che abbiamo scelto ci apre una porta per migliorare ancora un po'. Faremo questa prova nel weekend, ma stiamo parlando di rifiniture" ha detto Dovizioso.

Poi si è addentrato nel discorso della simulazione di gara in coppia, spiegando appunto che si è rivelata particolarmente utile.

"Abbiamo fatto la simulazione di gara insieme io e Danilo. Non ho fatto tutta la distanza di gara come lui, ma a livello di gomme sì, perché sono partito con delle gomme usate. A livello di feedback è stato importante, perché girare dietro ad un altro pilota che ha il tuo passo ti permette di scoprire delle cose interessanti, che altrimenti vengono fuori solo in gara".

Con grande onestà, ha ammesso che le Yamaha sembrano avere qualcosa in più al momento, anche se ritiene che lui e la sua Ducati non siano stati troppo distanti.

"Le due Yamaha Petronas, nella simulazione, hanno fatto un passo un po' più veloce del nostro e questo conferma che le Yamaha sono particolarmente in forma. Partono favorite, ma noi non siamo lontani. Abbiamo lavorato forte e alla fine quello che conta è la simulazione e non i tempi sul giro. Prima di arrivare qui, avrei messo la firma per finire il test così".

Oggi sulla sua Ducati si è notata l'assenza dei pulsanti del regolatore d'altezza e Andrea ha spiegato che prima di pensare a sfruttare quelle finezze bisogna essere a posto con tutto il pacchetto.

"Bisogna essere a posto per usare queste cose. Ognuno prende le proprie decisioni. Ci possono essere delle piste dove conviene usarlo ed altre no. E' tutto in evoluzione".

Infine, gli è stato domandato anche delle difficoltà che sembra avere la Honda, che oggi ha fatto anche provare la moto 2019 a Marc Marquez. Secondo il ducatista però non bisogna commettere l'errore di dare per spacciato il campione del mondo.

"Normalmente, quando fai prove di questo tipo, è perché quello che è arrivato non è a posto come avresti sperato, quindi fai delle prove per avere delle conferme, perché adesso si parte per la stagione e certe cose devono essere omologate. Da Marc bisogna sempre aspettarsi qualsiasi cosa, quindi ci sarà anche se non si è visto molto nei test".

Informazioni aggiuntive di Oriol Puigdemont

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team, dettaglio della moto
Andrea Dovizioso, Ducati Team
16

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente Test MotoGP Losail, Giorno 3: Vinales vola, Rossi cade
Prossimo Articolo Petrucci: “Siamo tornati ad essere i più veloci sul rettilineo”

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia