Dovizioso: "Le gomme stanno condizionando tutto"

Il ducatista è clamorosamente in testa al Mondiale dopo il settimo posto di Misano, ma ribadisce che le gomme stanno creando troppe incertezze.

Dovizioso: "Le gomme stanno condizionando tutto"

Dalla seconda gara di Jerez sono passati quasi due mesi, ma il copione si è ripetuto oggi a Misano in casa Ducati. Da una parte abbiamo visto un Pecco Bagnaia capace di tenere il passo dei migliori e di portare a casa uno strepitosto secondo posto su una pista che sulla carta non era particolarmente favorevole alla Desmosedici GP. Dall'altra un Andrea Dovizioso che ha vissuto l'ennesima domenica nell'anonimato, chiudendo settimo senza tenere mai il ritmo dei migliori.

La cosa incredibile è che, nonostante una stagione che lo ha visto protagonista rarissimamente e complice la caduta di Fabio Quartararo, il forlivese si ritrova in vetta alla classifica iridata con 6 punti di margine sul francese, quando siamo quasi arrivati al giro di boa di questa stagione segnala dalla pandemia del COVID-19. I paragoni con quanto fatto dal pilota del Pramac Racing però è stato inevitabile.

"La mia opinione è che lui l'anno scorso ha fatto qualche gara bene. Era veloce in prova, ma in gara non tanto. Stava facendo esperienza e il suo approccio alla frenata non era ottimo, quindi non riusciva ad essere competitivo. Quest'anno, di base, si è trovato una gomma che è più adatta al suo modo di guidare. Non giustifico i miei risultati ed i suoi, perché non sono il tipo. Ma è chiaro che quello che sto facendo io non è sufficientemente buono per le gomme che abbiamo" ha detto Dovizioso.

Poi è entrato più nello specifico delle sue difficoltà: "Il metodo per andare forte che ho utilizzato negli ultimi anni, semplicemente non funziona. Bisogna adeguarsi, ma farlo su come aprire il gas è un discorso, farlo sulle linee e su come usare il freno è un po' più complicato. Ma ripeto, dobbiamo rimanere calmi e sfruttare questa posizione in campionato, ma soprattutto il test di martedì, che è l'opportunità migliore per lavorare su questi dettagli senza guardare al cronometro".

Quello che sta venendo fuori quest'anno è un campionato pazzo: dopo sei gare ci sono dieci piloti racchiusi nello spazio di 28 punti, perché abbiamo già visto tantissimi alti e bassi ed in ogni weekend vengono fuori dei protagonisti nuovi. Una situazione che non sta destabilizzando più di tanto il ducatista, che invece lamenta la sua incapacità di essere costante.

"Io sono sempre stato un pilota molto costante in tutta la mia carriera. Questa situazione con tanti alti e bassi di tutte le moto non mi preoccupa se io sono veloce. L'instabilità del campionato mi interessa ben poco, perché io so che normalmente sono uno costante, ma non ci sto riuscendo. E' questo che mi sta stretto ed è quello su cui dobbiamo migliorare".

Leggi anche:

"Che ci sia il dominio di Marquez o che vincano tanti piloti non fa una gran differenza. Anzi, il mio punto di forza di solito è che quando ci sono diversi piloti che vanno forte, io ci sono sempre. Quest'anno però non sta succedendo ed è questa cosa che dobbiamo migliorare, altrimenti sarà difficile avere la possibilità di giocarcela".

Dovizioso sembra sapere cosa deve fare per cercare di essere più competitivo con regolarità, ma ha anche spiegato che non sarà facile riuscirci, perché dovrebbe snaturare il suo stile di guida per farlo.

"Quando hai un pilota che fa un risultato migliore del tuo con la stessa moto, tu hai dei dati oggettivi da guardare. Delle idee ci sono e si vedono, ma le questioni sono due: se tu vuoi copiare un altro pilota, non farai mai le cose bene come lui. La seconda è che cambiare il tuo approccio e il tuo modo di guidare non è facile, perché un pilota riesce ad esprimersi al meglio quando può sfruttare al massimo le sue caratteristiche. Ma quando devi modificare la staccata e l'inserimento in curva, non è così immediato farlo, anche se sai cosa dovresti fare di diverso".

Quando gli è stato detto che l'unica cosa da fare è adattarsi, il leader iridato ha sottolineato che questo ha sempre fatto parte della storia delle corse, pur sottolineando ancora una volta che la nuova gomma posteriore introdotta dalla Michelin forse ha estremizzato un po' troppo il fattore di imprevedibilità.

"Questa è la storia del motorsport e non c'è niente di nuovo. Sta di fatto che questa gomma sta condizionando tanto e sta creando un campionato abbastanza anomalo. Questo è un dato di fatto, poi che questo è uguale per tutti e che ci dobbiamo adattare non è una grande scoperta. Ognuno cerca di fare il massimo, ma modificare il proprio modo di guidare è sempre complicato. Negli ultimi anni avete mai visto un campionato così? Quest'anno sono stato competitivo poche volte e sono primo con 6 punti di vantaggio. Questo è la conferma di quello che sto spiegando" ha concluso.

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
12/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
13/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
14/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Quartararo: “Troppa foga, errore mio. Mi serve da lezione”
Articolo precedente

Quartararo: “Troppa foga, errore mio. Mi serve da lezione”

Prossimo Articolo

Fotogallery MotoGP: Misano è la prima perla di Morbidelli

Fotogallery MotoGP: Misano è la prima perla di Morbidelli
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia Prime

Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia

Annata quasi perfetta per Ducati, che conquista ogni corona iridata in MotoGP tranne quella del mondiale piloti. Moto da 9 che, nelle mani di Pecco Bagnaia, si candida come seria pretendente alla corona di Fabio Quartararo per il 2022.

MotoGP
2 dic 2021
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021