Dovizioso: "Io al posto di Marquez? No. Ma le cose cambiano"

Il pilota della Ducati spegne le voci che lo vorrebbero in Honda HRC al posto di Marquez nel 2021, ma sottolinea come le cose possano cambiare rapidamente. "Intanto penso al 2021 e a tornare nel 2022", ha aggiunto.

Dovizioso: "Io al posto di Marquez? No. Ma le cose cambiano"

Andrea Dovizioso è al centro dell'attenzione non certo per essere uno dei pretendenti al titolo iridato 2020 di MotoGP - quello ormai, salvo clamorosi eventi, finirà nelle mani di Joan Mir - ma per clamorose indiscrezioni di mercato piloti che lo vedrebbero tornare in Hnda HRC nel 2021 per sostituire Marc Marquez, in odore di terza operazione al braccio dopo l'infortunio patito a Jerez de la Frontera a inizio stagione.

L'attuale pilota della Ducati, però, ha voluto spegnere subito queste voci, affermando che le cose non stiano come la stampa riporta da ieri pomeriggio. Uno spiraglio, però, è stato lo stesso Andrea a lasciarlo, con un laconico "Nel motorsport cambia tutto in maniera molto rapida".

"Secondo me la reale situazione al momento non è come viene descritta dai giornali. Primo, non si sa la verità su Marquez. Non ha senso commentare. Secondo, si stanno facendo ragionamenti troppo legati al futuro senza sapere le cose al dettaglio. Secondo me non è la realtà al momento. Nell'eventualità che accada, bisogna vedere se Honda potrà pensare a me. Il vantaggio di non aver fatto accordi con nessuno è che sono libero. Posso fare ciò che voglio. Sto già preparando quello che voglio fare per il 2021 a livello di divertimenti, di lavoro e di progetti con i miei sponsor. Ma il motorsport è anche questo, cambia tutto in maniera molto repentina. Vediamo. Comunque ci concentreremo per il 2022".

Da dove deriva la tua sicurezza di tornare nel 2022? Sembri convinto di poterlo fare...
"Non sono assolutamente sicuro di tornare nel 2022. I contratti nei team ufficiali sono già fatti... Non è vero che siano tutti fatti. Poi cambieranno tante cose. Che si possa aprire qualcosa nessuno lo sa, nemmeno io. Ho la voglia e la mentalità di correre e giocarmi il campionato, lavorerò per quello. Se ci saranno le opportunità, bene. Altrimenti non ci sarà l'opportunità".

Cosa c'è stato con Aprilia nel corso delle settimane passate?
"Aprilia mi ha fatto capire subito che c'era molto interesse e mi ha fatto molto piacere. Per me, però, è sempre stata chiara solo una cosa ed è andata avanti così".

Vuoi dare una tua opinione sulla sentenza che ha visto Iannone squalificato per 4 anni?
"Della sentenza di Iannone non voglio parlare".

Fa un po' strano saperti in altri campionati, magari meno prestigiosi...
"So che suona strano e addirittura anche i miei amici che mi conoscono e vivono tante cose di me mi guardano strano, ma non si vive solo di campionati che hanno tanta visibilità. Non è che un pilota che ha fatto una determinata disciplina non possa divertirsi a correre in altri ambiti, anche a livello molto più basso. Questo è il bello di avere la passione. E tutta la gente che è sorpresa di questa cosa un po' di delude. Se uno ha passione non conta a che livello si fa e che ritorno ha, anzi, è proprio il contrario. Quando hai voglia di fare una cosa anche se fai gare minori. Se ti piace quello, il contorno che c'è, andare con il camper, fare certi allenamenti... Mi sento molto fortunato. Suona strano e in tanti sono sorpresi. Ma chi è sorpreso forse non vive di troppe passioni e mi vede strano, ma io vedo strana la gente che è sorpresa di questo aspetto".

Hai scelto di fermarti anche per disintossicarti dall'ambiente MotoGP?
"Diciamo che quest'anno non ha aiutato. Fare la MotoGP e combattere per queste posizioni non è per niente divertente e non è quello che voglio fare. Non è che io voglia staccare. Se ci fosse stata la situazione giusta in totale l'avrei colta sicuramente. Ma per quello che avevo tra le mani ho scelto di fermarmi. E' rischioso per il 2022, ma trovare un accordo per fare il tester, sviluppare moto per altri senza avere sbocchi per il futuro non era quello che volevo, non è la mia priorità. E' andata così".

condivisioni
commenti
Mir: "Meglio chiudere il Mondiale questo fine settimana"

Articolo precedente

Mir: "Meglio chiudere il Mondiale questo fine settimana"

Prossimo Articolo

Crutchlow: "Molto avanti nelle discussioni con Yamaha"

Crutchlow: "Molto avanti nelle discussioni con Yamaha"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Valencia
Piloti Andrea Dovizioso
Team Ducati Team
Autore Giacomo Rauli
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021
Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas Prime

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Tanti promossi e tanti bocciati nel secondo appuntamento in Qatar, il Gran Premio di Doha. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes, Responsabile MotoGP per Motorsport.com, e Franco Nugnes.

MotoGP
6 apr 2021