Dovizioso: "Io al posto di Marquez? No. Ma le cose cambiano"

Il pilota della Ducati spegne le voci che lo vorrebbero in Honda HRC al posto di Marquez nel 2021, ma sottolinea come le cose possano cambiare rapidamente. "Intanto penso al 2021 e a tornare nel 2022", ha aggiunto.

Dovizioso: "Io al posto di Marquez? No. Ma le cose cambiano"

Andrea Dovizioso è al centro dell'attenzione non certo per essere uno dei pretendenti al titolo iridato 2020 di MotoGP - quello ormai, salvo clamorosi eventi, finirà nelle mani di Joan Mir - ma per clamorose indiscrezioni di mercato piloti che lo vedrebbero tornare in Hnda HRC nel 2021 per sostituire Marc Marquez, in odore di terza operazione al braccio dopo l'infortunio patito a Jerez de la Frontera a inizio stagione.

L'attuale pilota della Ducati, però, ha voluto spegnere subito queste voci, affermando che le cose non stiano come la stampa riporta da ieri pomeriggio. Uno spiraglio, però, è stato lo stesso Andrea a lasciarlo, con un laconico "Nel motorsport cambia tutto in maniera molto rapida".

"Secondo me la reale situazione al momento non è come viene descritta dai giornali. Primo, non si sa la verità su Marquez. Non ha senso commentare. Secondo, si stanno facendo ragionamenti troppo legati al futuro senza sapere le cose al dettaglio. Secondo me non è la realtà al momento. Nell'eventualità che accada, bisogna vedere se Honda potrà pensare a me. Il vantaggio di non aver fatto accordi con nessuno è che sono libero. Posso fare ciò che voglio. Sto già preparando quello che voglio fare per il 2021 a livello di divertimenti, di lavoro e di progetti con i miei sponsor. Ma il motorsport è anche questo, cambia tutto in maniera molto repentina. Vediamo. Comunque ci concentreremo per il 2022".

Da dove deriva la tua sicurezza di tornare nel 2022? Sembri convinto di poterlo fare...
"Non sono assolutamente sicuro di tornare nel 2022. I contratti nei team ufficiali sono già fatti... Non è vero che siano tutti fatti. Poi cambieranno tante cose. Che si possa aprire qualcosa nessuno lo sa, nemmeno io. Ho la voglia e la mentalità di correre e giocarmi il campionato, lavorerò per quello. Se ci saranno le opportunità, bene. Altrimenti non ci sarà l'opportunità".

Cosa c'è stato con Aprilia nel corso delle settimane passate?
"Aprilia mi ha fatto capire subito che c'era molto interesse e mi ha fatto molto piacere. Per me, però, è sempre stata chiara solo una cosa ed è andata avanti così".

Vuoi dare una tua opinione sulla sentenza che ha visto Iannone squalificato per 4 anni?
"Della sentenza di Iannone non voglio parlare".

Fa un po' strano saperti in altri campionati, magari meno prestigiosi...
"So che suona strano e addirittura anche i miei amici che mi conoscono e vivono tante cose di me mi guardano strano, ma non si vive solo di campionati che hanno tanta visibilità. Non è che un pilota che ha fatto una determinata disciplina non possa divertirsi a correre in altri ambiti, anche a livello molto più basso. Questo è il bello di avere la passione. E tutta la gente che è sorpresa di questa cosa un po' di delude. Se uno ha passione non conta a che livello si fa e che ritorno ha, anzi, è proprio il contrario. Quando hai voglia di fare una cosa anche se fai gare minori. Se ti piace quello, il contorno che c'è, andare con il camper, fare certi allenamenti... Mi sento molto fortunato. Suona strano e in tanti sono sorpresi. Ma chi è sorpreso forse non vive di troppe passioni e mi vede strano, ma io vedo strana la gente che è sorpresa di questo aspetto".

Hai scelto di fermarti anche per disintossicarti dall'ambiente MotoGP?
"Diciamo che quest'anno non ha aiutato. Fare la MotoGP e combattere per queste posizioni non è per niente divertente e non è quello che voglio fare. Non è che io voglia staccare. Se ci fosse stata la situazione giusta in totale l'avrei colta sicuramente. Ma per quello che avevo tra le mani ho scelto di fermarmi. E' rischioso per il 2022, ma trovare un accordo per fare il tester, sviluppare moto per altri senza avere sbocchi per il futuro non era quello che volevo, non è la mia priorità. E' andata così".

condivisioni
commenti
Mir: "Meglio chiudere il Mondiale questo fine settimana"
Articolo precedente

Mir: "Meglio chiudere il Mondiale questo fine settimana"

Prossimo Articolo

Crutchlow: "Molto avanti nelle discussioni con Yamaha"

Crutchlow: "Molto avanti nelle discussioni con Yamaha"
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021