Dovizioso: "Io al posto di Marquez? No. Ma le cose cambiano"

Il pilota della Ducati spegne le voci che lo vorrebbero in Honda HRC al posto di Marquez nel 2021, ma sottolinea come le cose possano cambiare rapidamente. "Intanto penso al 2021 e a tornare nel 2022", ha aggiunto.

Dovizioso: "Io al posto di Marquez? No. Ma le cose cambiano"

Andrea Dovizioso è al centro dell'attenzione non certo per essere uno dei pretendenti al titolo iridato 2020 di MotoGP - quello ormai, salvo clamorosi eventi, finirà nelle mani di Joan Mir - ma per clamorose indiscrezioni di mercato piloti che lo vedrebbero tornare in Hnda HRC nel 2021 per sostituire Marc Marquez, in odore di terza operazione al braccio dopo l'infortunio patito a Jerez de la Frontera a inizio stagione.

L'attuale pilota della Ducati, però, ha voluto spegnere subito queste voci, affermando che le cose non stiano come la stampa riporta da ieri pomeriggio. Uno spiraglio, però, è stato lo stesso Andrea a lasciarlo, con un laconico "Nel motorsport cambia tutto in maniera molto rapida".

"Secondo me la reale situazione al momento non è come viene descritta dai giornali. Primo, non si sa la verità su Marquez. Non ha senso commentare. Secondo, si stanno facendo ragionamenti troppo legati al futuro senza sapere le cose al dettaglio. Secondo me non è la realtà al momento. Nell'eventualità che accada, bisogna vedere se Honda potrà pensare a me. Il vantaggio di non aver fatto accordi con nessuno è che sono libero. Posso fare ciò che voglio. Sto già preparando quello che voglio fare per il 2021 a livello di divertimenti, di lavoro e di progetti con i miei sponsor. Ma il motorsport è anche questo, cambia tutto in maniera molto repentina. Vediamo. Comunque ci concentreremo per il 2022".

Da dove deriva la tua sicurezza di tornare nel 2022? Sembri convinto di poterlo fare...
"Non sono assolutamente sicuro di tornare nel 2022. I contratti nei team ufficiali sono già fatti... Non è vero che siano tutti fatti. Poi cambieranno tante cose. Che si possa aprire qualcosa nessuno lo sa, nemmeno io. Ho la voglia e la mentalità di correre e giocarmi il campionato, lavorerò per quello. Se ci saranno le opportunità, bene. Altrimenti non ci sarà l'opportunità".

Cosa c'è stato con Aprilia nel corso delle settimane passate?
"Aprilia mi ha fatto capire subito che c'era molto interesse e mi ha fatto molto piacere. Per me, però, è sempre stata chiara solo una cosa ed è andata avanti così".

Vuoi dare una tua opinione sulla sentenza che ha visto Iannone squalificato per 4 anni?
"Della sentenza di Iannone non voglio parlare".

Fa un po' strano saperti in altri campionati, magari meno prestigiosi...
"So che suona strano e addirittura anche i miei amici che mi conoscono e vivono tante cose di me mi guardano strano, ma non si vive solo di campionati che hanno tanta visibilità. Non è che un pilota che ha fatto una determinata disciplina non possa divertirsi a correre in altri ambiti, anche a livello molto più basso. Questo è il bello di avere la passione. E tutta la gente che è sorpresa di questa cosa un po' di delude. Se uno ha passione non conta a che livello si fa e che ritorno ha, anzi, è proprio il contrario. Quando hai voglia di fare una cosa anche se fai gare minori. Se ti piace quello, il contorno che c'è, andare con il camper, fare certi allenamenti... Mi sento molto fortunato. Suona strano e in tanti sono sorpresi. Ma chi è sorpreso forse non vive di troppe passioni e mi vede strano, ma io vedo strana la gente che è sorpresa di questo aspetto".

Hai scelto di fermarti anche per disintossicarti dall'ambiente MotoGP?
"Diciamo che quest'anno non ha aiutato. Fare la MotoGP e combattere per queste posizioni non è per niente divertente e non è quello che voglio fare. Non è che io voglia staccare. Se ci fosse stata la situazione giusta in totale l'avrei colta sicuramente. Ma per quello che avevo tra le mani ho scelto di fermarmi. E' rischioso per il 2022, ma trovare un accordo per fare il tester, sviluppare moto per altri senza avere sbocchi per il futuro non era quello che volevo, non è la mia priorità. E' andata così".

condivisioni
commenti
Mir: "Meglio chiudere il Mondiale questo fine settimana"
Articolo precedente

Mir: "Meglio chiudere il Mondiale questo fine settimana"

Prossimo Articolo

Crutchlow: "Molto avanti nelle discussioni con Yamaha"

Crutchlow: "Molto avanti nelle discussioni con Yamaha"
Carica commenti
Ecco perché Quartararo può essere l'alternativa a Marquez Prime

Ecco perché Quartararo può essere l'alternativa a Marquez

Fabio Quartararo può a ben ragione essere considerato l'alternativa del presente a Marc Marquez. Il francese, neo iridato MotoGP, ha conquistato il titolo a Misano dopo una stagione in cui ha dato spettacolo in lungo e in largo. Ed in vista del 2022...

Doctor F1: “Vale ha chiuso con Misano, non dovrebbe correre” Prime

Doctor F1: “Vale ha chiuso con Misano, non dovrebbe correre”

Valentino Rossi è stato la star indiscussa del fine settimana di MotoGP dove comunque è stato incoronato il nuovo campione del mondo, Fabio Quartararo. Il pilota di Tavullia ha ricevuto un'ovazione clamorosa dal suo pubblico - e non solo - e, come ha ammesso scherzando

MotoGP
27 ott 2021
Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

MotoGP
25 ott 2021
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021