Dovizioso costretto a mollare: vuole risposte da Michelin e Ducati

Il forlivese era convinto di avere il passo per lottare per il podio, ma poi ha accusato grandi difficoltà con la gomma anteriore e quella posteriore si è girata sul cerchio generando grandi vibrazioni: per questo ha chiuso solo 11esimo.

Quella di Aragon è stata una domenica assolutamente da dimenticare per la Ducati ed Andrea Dovizioso. Il forlivese è noto per essere un ragazzo molto cauto nelle sue esternazioni, ma ieri aveva mostrato grande ottimismo. Dunque, stupisce un po' vederlo solo 11esimo nella classifica finale di oggi, alle spalle anche delle due Aprilia, nonostante sia la migliore delle Desmosedici.

Un motivo però c'è se le cose sono andate così male: la sua Rossa ha avuto grossi problemi a livello di gomme. La posteriore si è girata sul cerchio, generando pesanti vibrazioni, e all'anteriore ha accusato un repentino calo di grip dopo pochi giri. A quel punto "Desmodovi" ha tirato i remi in barca, cercando di stare lontano dai guai.

Il rammarico comunque è tanto: "E' molto frustrante finire 11esimi dopo il buon lavoro che avevamo fatto ieri. Il passo che avevamo fatto era reale, ne avevamo avuto conferma in qualifica e nel warm-up. Forse non sarebbe bastato per il podio, ma per stare con Vinales. Nei primi giri ho fatto tempi in linea con le aspettative, poi abbiamo avuto un problema sul davanti che ancora non è chiaro, quindi è presto per dare delle sentenze".

Ecco poi il suo racconto dei problemi legati alle gomme: "Ho perso il davanti in una situazione che non era normale e da quel momento ho cominciato ad avere grossi problemi sul davanti. Non potevo più fare percorrenza, ma soprattutto frenare forte, quindi ho dovuto mollare. Poi la gomma posteriore si è anche girata sul cerchio e questo ha creato una grande vibrazione. Quando sei in moto purtroppo non puoi sapere cosa sta succedendo di preciso. Dato che il problema era davanti, pensavo di aver perso dei pezzi di gomma, ed in effetti qualcosina avevo perso. Credevo fosse quello ad innescare la vibrazione, invece era la gomma dietro. Ho avuto paura nel rettilineo, perché con la velocità aumentava e quindi ho mollato perché era troppo rischioso".

Andrea però non vuole ancora puntare il dito contro la Michelin, almeno fino a quando non sarà conclusa l'indagine: "Non è ancora il momento riferito alla gomma davanti. Voglio essere diplomatico e voglio aspettare tutti i controlli che vanno fatti. Comunque siamo nella stessa situazione, perché Michelin vuole risolvere i problemi come noi. Però è altrettanto vero che dalla parte di Ducati succedono spesso dei problemi e questo vuol dire che le gomme non sono a posto per tutte le moto. Noi dobbiamo sicuramente migliorare, ma quello che è successo oggi è un po' strano. Se tu al sabato usi le gomme usate e fai dei buoni tempi, non vedo perché in gara dopo quattro giri debba venire fuori un problema. Bisogna andare a fondo e trovare delle risposte. Quando hai il passo per giocarti podio, finire 11esimo è abbastanza frustrante".

Tra le altre cose, la Ducati si è trovata in questa situazione (anche Pirro e Petrucci si sono lamentati), nonostante spesso sia stata indicata anche come la moto più docile con le gomme dalla Michelin: "Bisogna andare nel dettaglio e capire esattamente cosa sia successo. Di conseguenza puoi dare le colpe a chi di dovere e capire se è di più la moto o le gomme. E' normale però che sia sempre un insieme di cose. Per il resto, forse in certe situazioni è successo che possiamo essere stati indicati come più docili con le gomme, ma credo perché noi spesso andiamo con la morbida dietro, perché con poco grip non riusciamo ad essere veloci, quindi siamo obbligati ad usarle. Ieri però con le gomme usate di parecchi giri eravamo riusciti a fare in 1'49"1. Purtroppo non ho spinto tutta la gara, quindi non possiamo sapere se la morbida sarebbe durata tutta la gara, ma noi pensavamo di si".

Anche riguardo alla gomma che si è girata sul cerchio non è ancora possibile trarre conclusioni: "Ci possono essere più motivi del perché succede questa cosa. Può essere un montaggio sbagliato, oppure il cerchio che non riesce a tenere la gomma. Bisogna entrare nel dettaglio e capire esattamente perché è successo".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento GP di Aragona
Sub-evento Domenica, gara
Circuito Motorland Aragon
Piloti Andrea Dovizioso
Team Ducati Team
Articolo di tipo Intervista