Dovizioso: "Chi decide in Ducati? Alla fine comanda Dall'Igna"

La decisione legata al futudo di Dovizioso in Ducati è stato uno dei temi caldi della giornata, ma finalmente il forlivese ha ritrovato anche il feeling con la Desmosedici GP.

Dovizioso: "Chi decide in Ducati? Alla fine comanda Dall'Igna"

Andrea Dovizioso e la Ducati sono stati al centro dell'attenzione in questa prima giornata di prove del Gran Premio d'Austria. Da una parte c'era la curiosità di capire se gli uomini in Rosso avrebbero trovato la chiave per risolvere gli enormi problemi incontrati a Brno e così è stato, perché il forlivese ha staccato il secondo tempo nell'unico turno disputato sull'asciutto, risultando forse quello messo meglio a livello di passo.

Dall'altra, però, a tenere banco sono stati soprattutto i discorsi riguardanti il suo futuro, con il team manager Davide Tardozzi che ha ribadito a diverse emittenti televisive che la decisione definitiva sarà presa dopo la seconda gara del Red Bull Ring, non senza strizzare nuovamente l'occhiolino al grande ex Jorge Lorenzo. Cosa che ha fatto sorridere Dovizioso, che poi ha sottolineato che in realtà la decisione non spetterà al manager romagnolo.

A quel punto, inevitabilmente, Andrea è stato stuzzicato su cui la prenderà questa fantomatica decisione e questa volta si è un po' sbilanciato: "Mi volete mettere nei problemi (ride). Tanto quello che dico io verrà smentito, perché viene sempre detto quello che conviene dire, ma alla fine comanda Gigi (Dall'Igna)". Un indizio importante se si pensa alla passione per Lorenzo che Dall'Igna non ha mai nascosto.

Leggi anche:

La doppia trasferta austriaca però potrebbe ancora ribaltare le carte in tavola, perché finalmente il vice-campione del mondo oggi è riuscito a ritrovare il feeling che cercava in sella alla Desmosedici GP e si è subito reinserito nel lotto di quelli che possono ambire alla vittoria, anche se, come sempre, si è mostrato molto prudente.

"Non ha senso parlare di gara o di cosa possiamo fare con un solo turno, anche se ti può far capire già tante cose. E' molto indicativo quello che è successo stamattina, ma a volte succede che per vari motivi alcuni piloti non riescono a mettersi a posto nel primo turno e vengono fuori nel secondo. Non avendo avuto questa possibilità, diciamo che sono venuti fuori solo quattro piloti che hanno un buon passo" ha detto Dovizioso.

"Ma è buono essere lì ed essere partiti con un buon passo, anche perché poi quando ho deciso di fare il tempo, mi è venuto. E' solo che positivo, ma queste gomme sono diverse, lo slide è tanto. Credo che si debba guidare un po' diversamente rispetto al passato, quindi solo facendo il passo nei turni puoi capire questi piccoli dettagli. Domani, se sarà asciutto, si potrà capire un po' di più" ha aggiunto.

La cosa più importante però è aver ritrovato la sua staccata, punto cardine della sua guida: "Ho avuto un buon feeling in frenata. Era quello che cercavo ed è venuto. Puntavamo tutto su questo, perché sapevamo che quando riesci a fare la frenata bene, poi di conseguenza puoi fare bene anche il resto. In uscita non mi sento ancora esagerato, però la frenata mi veniva bene e il centro curva lo facevo abbastanza bene. Ho ritrovato un buon feeling".

Il grande lavoro fatto negli ultimi tre giorni, studiando anche i dati di Pecco Bagnaia e Johann Zarco, che erano stati veloci a Jerez e Brno, sta cominciando a dare i suoi frutti. Poi bisognerà vedere se sarà ripetibile anche su altre piste, ma intanto al Red Bull Ring sembrano esserci di nuovo le carte in regola per fare bene.

"Abbiamo cercato di restare tranquilli anche se la delusione era grande. Abbiamo studiato tre giorni ed è venuto fuori abbastanza quello che è successo nelle prime tre gare. Approcciare la frenata in un'altra maniera sta funzionando. Ripeto, siamo in Austria: è una pista molto corta e ci sono poche curve, quindi devi guidare in un modo solo. Mi viene più facile di base, perché sono uno che frena forte e la pista ci aiuta, perché la nostra moto funziona meglio rispetto ad altre. Comunque metti tutto insieme e siamo ritornati ad essere veloci, costanti ed in linea con quelli là davanti. Poi bisognerà vedere se riusciremo a portare avanti questa cosa anche in altre piste".

Infine, ha chiarito che copiare i setting di Bagnaia o Zarco non sarebbe servito a nulla, ma che è stato fondamentale capire le chiavi che gli permettevano di essere veloci ed adattarle al suo modo di guidare.

"I dati sono fondamentali per tutti, perché aiutano a migliorare. E' un modo di lavorare che tutti seguono adesso, perché possono farti capire la direzione da prendere. Come ho detto più volte, è fondamentale avere dei dati per capire, non per copiare. Tu devi capire cosa sta succedendo e come puoi migliorare, ma bisogna adattare le cose a modo proprio per sfruttarle al massimo. Se copi un altro, le cose non ti verranno mai bene come le fa l'altro. L'importante è aver capito più cose e riuscire a metterle in pratica" ha concluso.

Guarda il Gran Premio myWorld d’Austria live su DAZN. Attiva ora

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/12

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/12

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
12/12

Foto di: Ducati Corse

condivisioni
commenti
Ducati-Dovizioso: la decisione dopo i due GP in Austria
Articolo precedente

Ducati-Dovizioso: la decisione dopo i due GP in Austria

Prossimo Articolo

Rossi: "Ducati? 3 ottime opzioni, la mia prima sarebbe Dovi"

Rossi: "Ducati? 3 ottime opzioni, la mia prima sarebbe Dovi"
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021