Dovizioso: "Chi decide in Ducati? Alla fine comanda Dall'Igna"

La decisione legata al futudo di Dovizioso in Ducati è stato uno dei temi caldi della giornata, ma finalmente il forlivese ha ritrovato anche il feeling con la Desmosedici GP.

Dovizioso: "Chi decide in Ducati? Alla fine comanda Dall'Igna"

Andrea Dovizioso e la Ducati sono stati al centro dell'attenzione in questa prima giornata di prove del Gran Premio d'Austria. Da una parte c'era la curiosità di capire se gli uomini in Rosso avrebbero trovato la chiave per risolvere gli enormi problemi incontrati a Brno e così è stato, perché il forlivese ha staccato il secondo tempo nell'unico turno disputato sull'asciutto, risultando forse quello messo meglio a livello di passo.

Dall'altra, però, a tenere banco sono stati soprattutto i discorsi riguardanti il suo futuro, con il team manager Davide Tardozzi che ha ribadito a diverse emittenti televisive che la decisione definitiva sarà presa dopo la seconda gara del Red Bull Ring, non senza strizzare nuovamente l'occhiolino al grande ex Jorge Lorenzo. Cosa che ha fatto sorridere Dovizioso, che poi ha sottolineato che in realtà la decisione non spetterà al manager romagnolo.

A quel punto, inevitabilmente, Andrea è stato stuzzicato su cui la prenderà questa fantomatica decisione e questa volta si è un po' sbilanciato: "Mi volete mettere nei problemi (ride). Tanto quello che dico io verrà smentito, perché viene sempre detto quello che conviene dire, ma alla fine comanda Gigi (Dall'Igna)". Un indizio importante se si pensa alla passione per Lorenzo che Dall'Igna non ha mai nascosto.

Leggi anche:

La doppia trasferta austriaca però potrebbe ancora ribaltare le carte in tavola, perché finalmente il vice-campione del mondo oggi è riuscito a ritrovare il feeling che cercava in sella alla Desmosedici GP e si è subito reinserito nel lotto di quelli che possono ambire alla vittoria, anche se, come sempre, si è mostrato molto prudente.

"Non ha senso parlare di gara o di cosa possiamo fare con un solo turno, anche se ti può far capire già tante cose. E' molto indicativo quello che è successo stamattina, ma a volte succede che per vari motivi alcuni piloti non riescono a mettersi a posto nel primo turno e vengono fuori nel secondo. Non avendo avuto questa possibilità, diciamo che sono venuti fuori solo quattro piloti che hanno un buon passo" ha detto Dovizioso.

"Ma è buono essere lì ed essere partiti con un buon passo, anche perché poi quando ho deciso di fare il tempo, mi è venuto. E' solo che positivo, ma queste gomme sono diverse, lo slide è tanto. Credo che si debba guidare un po' diversamente rispetto al passato, quindi solo facendo il passo nei turni puoi capire questi piccoli dettagli. Domani, se sarà asciutto, si potrà capire un po' di più" ha aggiunto.

La cosa più importante però è aver ritrovato la sua staccata, punto cardine della sua guida: "Ho avuto un buon feeling in frenata. Era quello che cercavo ed è venuto. Puntavamo tutto su questo, perché sapevamo che quando riesci a fare la frenata bene, poi di conseguenza puoi fare bene anche il resto. In uscita non mi sento ancora esagerato, però la frenata mi veniva bene e il centro curva lo facevo abbastanza bene. Ho ritrovato un buon feeling".

Il grande lavoro fatto negli ultimi tre giorni, studiando anche i dati di Pecco Bagnaia e Johann Zarco, che erano stati veloci a Jerez e Brno, sta cominciando a dare i suoi frutti. Poi bisognerà vedere se sarà ripetibile anche su altre piste, ma intanto al Red Bull Ring sembrano esserci di nuovo le carte in regola per fare bene.

"Abbiamo cercato di restare tranquilli anche se la delusione era grande. Abbiamo studiato tre giorni ed è venuto fuori abbastanza quello che è successo nelle prime tre gare. Approcciare la frenata in un'altra maniera sta funzionando. Ripeto, siamo in Austria: è una pista molto corta e ci sono poche curve, quindi devi guidare in un modo solo. Mi viene più facile di base, perché sono uno che frena forte e la pista ci aiuta, perché la nostra moto funziona meglio rispetto ad altre. Comunque metti tutto insieme e siamo ritornati ad essere veloci, costanti ed in linea con quelli là davanti. Poi bisognerà vedere se riusciremo a portare avanti questa cosa anche in altre piste".

Infine, ha chiarito che copiare i setting di Bagnaia o Zarco non sarebbe servito a nulla, ma che è stato fondamentale capire le chiavi che gli permettevano di essere veloci ed adattarle al suo modo di guidare.

"I dati sono fondamentali per tutti, perché aiutano a migliorare. E' un modo di lavorare che tutti seguono adesso, perché possono farti capire la direzione da prendere. Come ho detto più volte, è fondamentale avere dei dati per capire, non per copiare. Tu devi capire cosa sta succedendo e come puoi migliorare, ma bisogna adattare le cose a modo proprio per sfruttarle al massimo. Se copi un altro, le cose non ti verranno mai bene come le fa l'altro. L'importante è aver capito più cose e riuscire a metterle in pratica" ha concluso.

Guarda il Gran Premio myWorld d’Austria live su DAZN. Attiva ora

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/12

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/12

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
12/12

Foto di: Ducati Corse

condivisioni
commenti
Ducati-Dovizioso: la decisione dopo i due GP in Austria

Articolo precedente

Ducati-Dovizioso: la decisione dopo i due GP in Austria

Prossimo Articolo

Rossi: "Ducati? 3 ottime opzioni, la mia prima sarebbe Dovi"

Rossi: "Ducati? 3 ottime opzioni, la mia prima sarebbe Dovi"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP d'Austria
Sotto-evento FP2
Location Red Bull Ring
Piloti Andrea Dovizioso
Team Ducati Team
Autore Matteo Nugnes
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021